Colonizzazione greca > La sua storia e l'origine

Definizione della colonizzazione greca 

da Mark Cartwright
pubblicato il 28 ottobre 2014
clip_image001
Nella prima metà del primo millennio A.C., città-stato greche, molte delle quali erano potenze marittime, ha cominciato a guardare oltre la Grecia per terra e risorse, e così essi fondarono colonie in tutto il Mediterraneo. Contatti commerciali erano di solito i primi passi nel processo di colonizzazione e poi, più tardi, una volta che le popolazioni locali furono sottomessi o incluso all'interno della Colonia, città sono stati stabiliti. Queste potrebbero avere diversi gradi di contatto con la patria, ma la maggior parte è diventato completamente indipendente città-stato, a volte molto greca nel carattere, in altri casi culturalmente più vicino per i popoli indigeni hanno neighboured e incluso all'interno della loro cittadinanza. Una delle conseguenze più importanti di questo processo, in termini generali, era che il movimento di merci, persone, arte e idee in questo periodo sviluppa il modo greco di vita lungo e in largo per Spagna, Francia, Italia, Adriatico, Mar Nero e Nord Africa. In totale quindi, i greci stabilirono alcune 500 colonie che ha coinvolto fino a 60.000 coloni cittadino greco, affinché dal 500 A.C. questi nuovi territori alla fine rappresenterebbe il 40% di tutti i greci nel mondo ellenico.

Risorsa opportunità & commercio

I greci erano grande mare-marittimi, e viaggiare attraverso il Mediterraneo, erano ansiosi di scoprire nuove terre e nuove opportunità. Mitologia greca anche incluso tali racconti di esplorazione come Jason e la sua ricerca del vello d'oro e quella più grande dei viaggiatori eroe Odisseo. Prima erano colonizzò le isole che circondano la Grecia, ad esempio la prima colonia nell'Adriatico era Corcira (Corfù), fondata da Corinto nel 733 A.C. (data tradizionale), e poi prospettori sembrava ulteriore lontani. I primi coloni in senso generale erano commercianti e quei piccoli gruppi di individui che cercavano di attingere nuove risorse e iniziare una nuova vita lontano dalla patria sempre più competitiva e affollata.
Centri commerciali e mercati liberi (emporia) sono stati i precursori delle colonie corrette. Poi, dalla metà del VIII alla metà del sesto secolo A.C., la città-stato greche (poleis) e singoli gruppi ha iniziato a espandersi oltre la Grecia con intenzioni più deliberati e più a lungo termine. Tuttavia, il processo di colonizzazione fu probabilmente più graduale e organica che suggerirebbero di fonti antiche. Inoltre è difficile determinare l'esatto grado di colonizzazione e integrazione con le popolazioni locali. Alcune aree del Mediterraneo ha visto completamente greca poleis stabilito, mentre in altre zone c'erano solo i post trading è composto da più residenti temporanei come commercianti e marinai. Il termine 'colonizzazione' deduce la dominazione dei popoli indigeni, un sentimento di superiorità culturale dai colonizzatori e una patria cultura specifica che controlla e guida l'intero processo. Questo non era necessariamente il caso nel mondo antico greco e, pertanto, in questo senso, colonizzazione greca fu un processo molto diverso da, per esempio, le politiche di alcune potenze europee nei secoli XIX e XX CE. Ecco, forse allora, un processo è meglio descritto come 'contatto cultura' (De Angelis in Boyes-pietre et al., 51).
L'istituzione di colonie sul Mediterraneo consentita l'esportazione di beni di lusso come belle ceramiche greche, vino, olio, lavorazione dei metalli e tessuti e l'estrazione delle ricchezze della terra - legno, metalli e l'agricoltura (in particolare cereali, pesce essiccato e pelle), per esempio - e divennero spesso mozzi commerciali lucrativi e fonte di schiavi. Una fondatore di città (metropoli) potrebbe anche istituire una colonia al fine di stabilire una presenza militare in una particolare regione e quindi proteggere rotte marittime lucrativo. Inoltre, colonie potrebbero fornire un ponte vitale alle opportunità commerciali dell'entroterra. Alcune colonie anche riusciti a rivaleggiare con le più grandi città fondatori; Siracusa, ad esempio, divenne il più grande polis in tutto il mondo greco. Infine, è importante notare che i greci non hanno il campo a se stessi e civiltà rivali anche stabilito colonie, soprattutto Etruschi e Fenici, e a volte, inevitabilmente, guerra scoppiata fra queste grandi potenze.
Città greche erano presto attratti dalla terra fertile, risorse naturali e buoni porti di un 'nuovo mondo'.

Magna Grecia

Città greche erano attratti presto la terra fertile, risorse naturali e buoni porti di un 'nuovo mondo' - Italia meridionale e la Sicilia. Coloni greci alla fine sottomise la popolazione locale e timbrato la loro identità sulla regione a tal punto che lo chiamavano «Maggiore Grecia» o Megalē Hellas, e sarebbe diventato il più 'greco' di tutti i territori colonizzati, sia in termini di cultura e il paesaggio urbano con templi dorici, essendo il simbolo più eclatante di ellenizzazione. Alcuni dei più importanti poleis in Italia erano Cuma (la prima colonia italiana, fondato nel c. 740 A.C. di Chalcis), Naxos (734 A.C., Chalcis), Sybaris (c. 720 A.C., acheo/Trezene), Crotone (c. 710 A.C., Achei), Tarentum (706 A.C., Sparta), Rhegium (c. 720 A.C., Chalcis), Elea (c. 540 A.C., Phocaea), Thurri (c. 443 A.C., Atene) e Heraclea (433 A.C., Taranto). In Sicilia le principali colonie incluso Syracuse (733 A.C., fondata da Corinto), Gela (688 A.C., Rodi e Creta), Selinous (c. 630 A.C.), Himera (c. 630 A.C., Messana) e Akragas (c. 580 A.C., Gela).
La posizione geografica di queste nuove colonie nel centro del Mediterraneo ha significato che potrebbe prosperare come centri di scambio tra le culture più importanti del tempo: la civiltà greca, etrusca e fenicia. E prosperare hanno fatto, tanto che scrittori detto delle vaste ricchezze e stili di vita stravagante da vedere. Empedokles, ad esempio, descritto i cittadini coccolati e bene templi di Akragas (Agrigento) in Sicilia come segue; "Il Akragantinians dilettano come se devono morire domani e costruire come se avrebbero vissuto per sempre". Colonie anche stabilito shoot-off colonie ed empori se stessi e, in questo modo, diffondere ulteriormente influenza greca lontane, compreso più in alto della costa Adriatica dell'Italia. Anche il Nord Africa ha visto colonie stabilite, in particolare Cyrene da Thera in c. 630 A.C., e così è diventato chiaro che coloni greci sarebbe non si limitano alla Magna Grecia.
clip_image002
Colonizzazione greca e fenicia
Ionia
Greci creati insediamenti lungo la costa della Ionia Aegean (o Asia minore) dal VIII secolo A.C.. Importanti colonie inclusero Miletos, Efeso, Smirne e Halikarnassos. Atene, tradizionalmente, ha affermato di essere il primo colonizzatore della regione che è stata anche di grande interesse per i lidi e persiani. La zona divenne un focolaio di impegno cultura, soprattutto nella scienza, matematica e filosofia e prodotto alcuni dei più grandi delle menti greche. Arte e stili architettonici troppo, assimilato dall'Oriente, ha cominciato a influenzare la patria; tali caratteristiche come palmed colonne con capitelli, sfingi e 'orientalising' ceramica espressiva disegni ispirerebbe greci architetti e artisti per esplorare interamente nuove strade artistiche.

Francia & Spagna

Il principale colonizzatore polis del sud della Francia era Phocaea, che ha istituito le colonie importanti di Alalia e Massalia (c. 600 A.C.). La città ha anche stabilito colonie, o almeno creato una rete di vasto commercio, nel sud della Spagna. Notevole poleis stabilito qui erano Emporion (di Massalia e con una tradizionale data di fondazione di 575 A.C., ma più probabilmente alcuni decenni più tardi) e Rhode. Colonie in Spagna erano meno tipicamente greca nella cultura rispetto a quelli in altre zone del Mediterraneo, concorrenza con i Fenici fu feroce, e la regione pare sempre sono stati considerati, almeno secondo le fonti letterarie greche, una terra lontana e remota dai greci del continente.

Mar Nero

Mar Nero (Mar Eusino ai greci) era l'ultima area di espansione coloniale greca, ed era dove ionica poleis, in particolare, ha cercato di sfruttare i ricchi fondali e terreni fertili intorno al Hellespont e Pontos. Le città più importanti fondatori era Miletos, che è stato accreditato nell'antichità con avere un colonie 70 forse esagerato. Il più importante di questi sono stati Kyzikos (fondato 675 A.C.), Sinope (c. 631 A.C.), Pantikapaion (c. 600 A.C.) e Olbia (c. 550 A.C.). Megara era un'altra città importante madre e fondato Chalcedon (c. 685 A.C.), Byzantium (668 A.C.) e di Herakleia Pontike (560 A.C.). Alla fine, quasi l'intero Mar Nero era racchiuso da colonie greche, anche se, come altrove, guerra, compromessi, inter-matrimoni e diplomazia doveva essere utilizzato con i popoli indigeni al fine di garantire la sopravvivenza di colonie. Nel tardo VI secolo A.C. in particolare, le colonie fornito omaggio e braccia all'impero persiano e ricevuto in cambio protezione. Dopo Serse fallita invasione della Grecia nel 480 e 479 A.C., i Persiani si ritirarono loro interesse nella zona che ha permesso i più grandi poleis come Herakleia Pontike e Sinope per aumentare il proprio potere attraverso la conquista delle popolazioni locali e minori limitrofi poleis. La prosperità risultante ha permesso anche di Herakleia trovare colonie di suo negli A.C. 420s presso tali siti come Cherson in Crimea.
Dall'inizio della guerra del Peloponneso nel 431 A.C., Atene interessò la regione, l'invio di coloni e stabilendo guarnigioni. Una presenza fisica ateniese fu di breve durata, ma più duratura è stata un'influenza ateniese sulla cultura (soprattutto scultura) e commercio (soprattutto del grano del Mar Nero). Con l'eventuale ritiro di Atene, le colonie greche sono state lasciate a badare a se stessi e affrontare da solo la minaccia dalle potenze confinanti come il Royal Sciti e, infine, la Macedonia e Philip II.
clip_image003
Colonie fenicie & greci

Rapporto con la patria

La maggior parte delle colonie furono costruiti sul modello politico della polisgreca, ma tipi di governo inclusi quelli visti in tutta la Grecia stessa oligarchia, tirannia e democrazia anche - e potrebbero essere abbastanza differente dal sistema in fondatore, città madre. Una forte identità culturale greca è stata mantenuta anche attraverso l'adozione di fondazione miti e tali caratteristiche diffusa e tipicamente greche della vita quotidiana come lingua cibo, educazione, religione, lo sport e la palestra, teatro con il suo caratteristico teatro greco, tragedia e commedia, arte, architettura, filosofia e scienza. Tanto affinché una città greca in Italia o Ionia potrebbe, almeno in superficie, aspetto e si comportano molto come qualsiasi altra città della Grecia. Commercio notevolmente facilitato la creazione di un modo comune di 'Greco' della vita. Tali merci come vino, olive, legno e ceramica sono stati esportati e importati tra poleis. Anche artisti e architetti si sono trasferirono e impostare laboratori lontano dalla loro casa polis, in modo che templi, scultura e ceramica è diventato riconoscibile greca in tutto il Mediterraneo.
Colonie hanno stabilito la propria identità regionale, naturalmente, tanto più che essi molto spesso inclusi indigeni con i propri costumi particolari, in modo che ogni regione delle colonie aveva loro idiosincrasie e variazioni. Inoltre, frequenti cambiamenti nelle qualifiche per diventare un cittadino e reinsediamento forzato di popolazioni significava colonie erano spesso più diversi culturalmente e politicamente instabile che in Grecia stessa e guerre civili dunque aveva una frequenza più alta. Tuttavia, alcune colonie straordinariamente ben fatto, e molti alla fine superò le superpotenze greci fondatori.
clip_image004
Tempio di Hera, Selinunte
Colonie spesso formano alleanze con i vicini affini poleis. Ci sono stati, al contrario, anche conflitti tra colonie come si stabilirono come potente e completamente indipendente poleis, in alcun modo controllati dal loro stato fondatore della città. Siracusa in Sicilia fu un tipico esempio di una grande polis che costantemente cercato di espandere il proprio territorio e creare un impero proprio. Colonie che si è andato successivamente a fondare colonie proprie e che coniare le proprie monete solo rafforzato la loro indipendenza politica e cultura.
Anche se le colonie potevano essere fieramente indipendente, erano allo stesso tempo dovrebbero essere membri attivi del resto del mondo greco. Questo potrebbe essere manifestato nella fornitura di soldati, navi e denaro per panellenici conflitti come quelli contro la Persia e la guerra del Peloponneso, l'invio di atleti per i grandi giochi sportivi a luoghi come Olympia e Nemea, l'impostazione fino dei monumenti di vittoria militare a Delfi, la garanzia di un passaggio sicuro per i viaggiatori stranieri attraverso il loro territorio, o l'esportazione e l'importazione di idee intellettuale e artistiche, come le opere di Pitagora o centri di studio come Accademia di Platone, che ha attirato studiosi da tutto il mondo greco. Poi, nei momenti di difficoltà, colonie potrebbero anche essere aiutati dai loro fondatori polis e alleati, anche se questo potrebbe essere solo un pretesto per le ambizioni imperiali degli stati greci più grandi. Un classico esempio di questo sarebbe spedizione siciliana di Atene nel 415 A.C., ufficialmente almeno, lanciato per aiutare la colonia di Segesta. C'era anche il movimento fisico di viaggiatori all'interno del mondo greco, che è attestata da prove quali letteratura e dramma, dediche lasciate dai pellegrini ai luoghi sacri come Epidauro e la partecipazione a importanti festival annuale religioso Dionysia di Atene.
Diverse colonie avevano caratteristiche ovviamente diverse, ma l'effetto collettivo di queste abitudini appena citato efficacemente assicurato che una vasta area del Mediterraneo ha acquisito abbastanza caratteristiche comuni ad essere descritta come il mondo greco. Inoltre, l'effetto era lunga per, ancora oggi, si possono ancora vedere gli aspetti comuni della cultura condivisa dai cittadini del sud della Francia, Italia e Grecia.

Scritto da Mark Cartwright, pubblicato il 28 ottobre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Boyes-pietra et al manuale Oxford degli studi ellenici. Oxford University Press, 2009.
  • Bruciare, A.R. pinguino storia della Grecia. Libri del Penguin, 1966.
  • Hornblower, S. dizionario Oxford classica. Pressa dell'Università di Oxford, 2012.
  • Kinzl. Un compagno al mondo greco classico. Wiley-Blackwell, 2010.
Tradotto dal sito: Ancient History Encyclopedia