Passa ai contenuti principali

Chi era Clodoveo I

ADSBYGOOGLE

Definizione di Clodoveo I

da Donald L. Wasson
pubblicata il 10 nov 2014
clip_image001
Clodoveo I (o Chlodovech, 466-511 o 513 CE), re dei Franchi, è considerato il padre fondatore della dinastia merovingia, che avrebbe continuato per oltre 200 anni. Clodoveo divenne re all'età di 15, e per il momento della sua morte, 30 anni dopo, era diventato il primo re a governare tutte le tribù dei Franchi, un fermo alleato dell'impero bizantino, e un re cristiano. Politiche di Clovis e brillantezza militari, consolidate le regioni della Gallia sotto il suo dominio e, oggi, è considerato il fondatore della Francia.

Aumento di Clovis a Potenza

Verso la fine del 5 ° secolo dC, l'impero romano in Occidente stava morendo. A parte il suo declino economico, l'impero era stato bombardato da ogni parte da una serie di attacchi barbari dagli Unni, i Visigoti e gli Ostrogoti. In 410 CE Roma ancora ceduto a una tre giorni di assedio da parte del re goto Alarico. Infine, nel 476 CE, con il rovesciamento di imperatore Romolo Augustolo, l'impero in Occidente è caduto. Con la scomparsa di Roma, molti dei re tribali barbariche scavate una parte del vecchio impero per se stessi. Uno di questi barbari avrebbe conquistato la Gallia e stabilire una dinastia familiare che sarebbe durato per oltre due secoli. Il suo nome era Chlodovech - passato alla storia come Clodoveo I.

Clovis Assume il Trono

In 481 CE, Clovis, il padre fondatore della dinastia merovingia, salì al trono alla tenera età di 15 anni quando è morto suo padre Childerico, re di una tribù germanica nota come il Franchi Salii,. Il re pagano che aveva combattuto a fianco dei Romani contro gli Unni è stato premiato nella morte come lo era stato nella vita: sepolti insieme con le armi, oro, gioielli e 15 cavalli. Il nome della famiglia "merovingia" deriva dal nonno di Clovis Meroveo, che aveva anche combattuto a fianco dei Romani, morendo nel 456 CE. Il giovane re franco era stato preparato bene da suo padre e perso tempo a stabilire se stesso come una forza importante in Europa, quando, all'età di 20, si oppose Siagrio, l'ultimo governatore romano della Gallia.

Conquista di Clovis della Gallia

Insieme a una serie di alleati (compresi i suoi cugini Ragnachar e Carriarico), Clovis Siagrio combattuto nella battaglia di Soissons in 486 CE e lo sconfisse sonoramente. Per evitare la cattura, Siagrio fuggì a Tolosa, una città situata nel sud-ovest della Gallia, dove sperava di trovare rifugio con il giovane re visigoto Alarico II. Clovis e il suo esercito hanno seguito Siagrio e hanno chiesto il suo rilascio. Alaric, volendo nessuna parte di una guerra con Clodoveo, lui si arrese. Siagrio è stato restituito a Soissons dove sarebbe stato decapitato. Anche se Clovis e Alarico avevano raggiunto il loro accordo e separato i sensi, non sarebbe stata l'ultima volta che i due si sarebbero incontrati, né sarebbe la prossima volta che finire così amichevolmente. Entro la fine dell'anno, Clodoveo aveva preso le città di Rouen, Reims e Parigi e, dal 491 CE, che aveva il controllo di tutto l'Occidente. Aveva anche, da questo momento, ha ordinato l'assassinio di re franchi Carriarico e Ragnachar, già suoi alleati e, eventualmente, i suoi parenti, e portato i loro regni per se stesso Gallia.:

La prima volta che scese in campo, non aveva né l'oro e l'argento nei suoi forzieri, né vino e mais nelle sue riviste; ma imitò l'esempio di Cesare ... e acquistato i soldati con i frutti della conquista. Dopo ogni battaglia vinta o spedizione il bottino sono stati accumulati in una massa comune; ogni guerriero ha ricevuto la sua parte proporzionabile, e la prerogativa reale presentato alle norme uguali di legge militare. Lo spirito indomito dei barbari è stato insegnato a riconoscere i vantaggi della disciplina regolare.
Nel 495 CE Clodoveo ulteriormente aumentato la sua supremazia in Gallia, quando ha guidato la Alemani indietro attraverso il Reno superiore. Secondo alcune fonti (principalmente Gregorio di Tours) le sue successive vittorie contro la Alemani (a 496 e 506 CE) influenzato la sua decisione di convertirsi al cristianesimo.

La conversione al cristianesimo

Anche se sollevato un pagano (secondo alcuni storici, sarebbe stato l'ultimo dei re pagani), Clovis si rese conto che una conversione al cristianesimo sarebbe estremamente vantaggioso per lui, se mai sperava di assicurarsi la fedeltà di tutti i popolo franco. Secondo Gregorio di Tours, la sua conversione è venuto, in parte, a causa del suo matrimonio con la principessa Clotilde di Borgogna (figlia di Chilperico); la sua famiglia era ariano, ma non lo era. Secondo lo storico Roger Collins, tuttavia, Gregorio non dovrebbe essere completamente fiducia nel suo conto. Collins scrive: "A differenza del regno di Teodorico, c'è ben poche prove strettamente contemporanea per quella di Clovis" e rileva inoltre che le prove che è disponibile ", è praticamente certo che Clovis era un cristiano di circa l'anno 486 CE" (110 ). Altri storici, ovviamente, non sono d'accordo con Collins e sostengono che il racconto di Gregorio dovrebbe essere considerato. Anche se è visto da alcuni come inaffidabili, Gregorio di Tours è una delle poche fonti sul regno di Clodoveo e la sua conversione al cristianesimo. Gregorio scrive:
Clovis prese in moglie Clotilde, figlia dei Burgundi e un cristiano. La regina incessantemente invitato il re a riconoscere il vero Dio, e di abbandonare gli idoli. Ma lui non poteva in alcun modo essere portato fino scoppiò la guerra con la Alamani ... I due eserciti erano in battaglia e non c'era grande strage. Esercito Clovis 'era vicino a pronunciare la distruzione. Lui ... alzò gli occhi al cielo, dicendo ... Se tu dammi la vittoria su questi nemici ... io crederò in te ed essere battezzati nel tuo nome.
Secondo Gregorio, Clovis ha vinto e ha riconosciuto il Dio cristiano attraverso il battesimo. In precedenza ha resistito strenuamente, tuttavia, a causa in gran parte per l'insistenza di Clotilde su battezzare i loro figli. Clovis rifiutato di avere il suo primo figlio, nato battezzati e così Clotilde aveva il bambino battezzato in segreto; in seguito, il ragazzo si ammalò e morì. Quando è nato il loro secondo figlio, anche lui, è stato segretamente battezzato e, come il fratello, anche si ammalò. Questa volta, però, Clotilde pregò Dio per la sua guarigione e, secondo Gregorio di Tours, è diventato bene. Subito dopo questo evento, Clovis era vittoriosa contro il Alemani nel 496 e 506 CE e attribuisce le sue vittorie, e la vita di suo figlio, al suo dio. Clovis è stato ispirato dal suo zelo religioso ritrovata a fare la guerra contro l'ariano Visigoti che sarebbe alcune delle sue campagne militari di maggior successo. Questa crociata finirebbe per spingere i Visigoti di nuovo in Spagna e di fornire una maggiore sicurezza per il regno dei Franchi.
La sua conversione, amministrato dal vescovo di Reims, non solo garantire la fedeltà delle province conquistate, ma anche il riconoscimento da Anastasio, l'imperatore di l'Impero Romano d'Oriente, che era interessato al successo di coloro che hanno condiviso la sua marca di cristianesimo come era in rovina di coloro che non hanno.

Clovis & Goti

Dopo la sua conversione, e con il sostegno del suo popolo e la chiesa, Clovis ha continuato la sua guerra contro i Visigoti (una lotta ha affrontato durante il suo regno), alla fine li incontro nella battaglia di Vouille in 507 CE a vicino a Poitiers, una città in centro-occidentale della Gallia, dove sconfisse e uccise il loro re, Alarico II. Il re ostrogoto d'Italia, Teodorico (che era alleato di Alaric) è stato impedito di aiutare Alaric dall'imperatore Anatasius bizantina perché Teodorico doveva la sua fedeltà prima per l'impero che aveva incoraggiato la sua ascesa al potere.
Teodorico, come Alarico, era un ariano cristiana, mentre Anastasio era un Nicea (o trinitario) cristiana, come Clovis era. Anastasio non sarebbe, in ogni caso, consentire a un re ariano per sostenere un altro sovrano ariano contro un "vero cristiano", come Clovis. Anche se Anastasio non fosse intervenuto, tuttavia, è improbabile Teodorico avrebbe aderito alla battaglia contro Clovis mentre era sposato con la sorella di Clodoveo, Audofleda, nel 492 CE; un matrimonio Teodorico si era cercato di legare il suo regno a quello di Clodoveo di alleati. Teodorico era in una posizione difficile, però, come egli aveva mandato una delle sue figlie in sposa ad Alarico II. La sua scelta a rimanere fuori dalla guerra è stata infine dettata da Anastasio, ma, come le sue azioni successive si sarebbe rivelato, non era certo la scelta Teodorico avrebbe fatto da solo.
Dopo aver sconfitto i Visigoti, Clovis tornò a Tours, dove è stato accolto da l'imperatore d'Oriente che ha presentato il re vittorioso con la tunica viola di un console. Con i Visigoti sconfitti e il suo regno sicuro, Clovis eletto a governare il suo impero unito da Parigi. I tentativi di espandere ulteriormente il suo dominio sono state ostacolate da un intervento di Teodorico. Clodoveo aveva voluto l'insieme delle province Aquitaniano che erano stati sotto il dominio di Alarico II, ma, in 508 CE, Teodorico ha preso il controllo della Provenza e, da 511CE, aveva assicurato l'ex terre visigoti per se stesso.

Death & Legacy

Nel novembre del 511 CE Clovis è morto (vi è un certo disaccordo su l'anno esatto, e alcuni storici citano 513 CE), lasciando un regno che era una miscela di culture sia romane e germaniche: la lingua, il culto, e del diritto. Clovis ritiene importante conservare molte delle antiche tradizioni romane e, in effetti, aveva modellato la sua prima regno in quella di Giulio Cesare. Anche se è stato accusato di macellazione compagni di re franchi (alcuni anche i suoi parenti), va notato che questa pratica non era certo inusuale per l'epoca. Al momento della sua morte, aveva esteso la sua autorità da nord e ad ovest, verso sud fino ai Pirenei. Aveva sconfitto i Alemani, Burgundi e Visigoti; . Tuttavia, la sua scomparsa sarebbe finita l'espansione dei Franchi
Alla sua morte, il suo impero fu, secondo la tradizione, diviso tra i suoi quattro figli; il "do-nothing Re" che farebbero poco, se non altro, per espandere le loro aziende o migliorare la vita delle persone. Il nome di Clovis avrebbe continuato a vivere attraverso la sua dinastia, i Merovingi, ed è considerato il fondatore della nazione moderna della Francia. La storia finirebbe latinizzazione il suo nome a Louis; un nome che avrebbe continuato a vivere in famiglia reale francese per secoli attraverso 18 re e rimane popolare nella cultura francese ad oggi.

Scritto da Donald L. Wasson, pubblicata il 10 novembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike. Questa licenza permette agli altri remix, tweak, e costruire su questo contenuto non commerciali, a patto che accreditano l'autore e licenza le loro nuove creazioni nei termini identici.

Bibliografia

  • Vescovo, M. Il Medioevo - The Heritage American Library. Houghton Mifflin Company, 1985.
  • Boak, AER Storia di Roma al 565 dC. Collier Macmillan Ltd, 1965.
  • Collins, R. Alto Medioevo in Europa, 300-1000. Palgrave Macmillan, 2010.
  • Deanesly, M. A History of Early Medieval Europe Da 476-911. Methuen, 1963.
  • Gibbon, E. Il declino e la caduta dell'Impero Romano. Biblioteca di Everyman, 1994.
  • Gregorio di Tours. Storia dei Franchi. Penguin Classics, 1976.
  • James, di E. Europa Barbari AD 200-600. Routledge, 2009.
  • James, E. I Franchi. Blackwell Publishers, 1988.
  • John Currier. "Articolo". Storia Militare 22,7. 10-14.
Tradotto dal sito: Ancient History Encyclopedia

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…