Biografia di Lázaro Cárdenas | Rivoluzionario e presidente messicano


Biografie di personaggi famosi e storici


Nato il: 21 maggio 1895
Jiquilpán de Juárez, Michoacán, Messico
Morto: 19 ottobre 1970
Città del Messico, Messico


Lázaro Cárdenas era un capo rivoluzionario messicano e Presidente. Durante la sua amministrazione che ha svolto importanti riforme della terra che hanno beneficiato del popolo messicano e ha portato l'industria petrolifera del paese sotto il controllo messicano, ripristinando la fede del popolo nella rivoluzione.

Primi anni di vita

Lázaro Cárdenas è nato misto bianco e ascendenza di Tarasco indiana in Jiquilpán de Juárez, nello stato di Michoacán, Messico, il 21 maggio 1895. Il figlio più anziano di un negoziante, ha lasciato la scuola dopo la quarta elementare a lavorare in un ufficio delle imposte. Come un giovane Cárdenas era tranquilla e seria. Dopo che suo padre morì nel 1911, divenne la figura del padre per i suoi sette fratelli e sorelle, molti dei quali lo seguono nelle carriere militari e politiche.
Cárdenas è stato un patriota fiero e ambizioso e notevolmente è stato influenzato quando scoppiò la rivoluzione messicana (1910-11). Durante questo tempo Cárdenas stava lavorando presso un carcere locale al fine di sostenere la sua famiglia. Nel 1913 ha pubblicato i suoi prigionieri e insieme hanno aderito la maderistas, i ribelli resistendo il governo del generale Victoriano Huerta (1854 – 1916).

Carriera militare

Dopo la convenzione di Aguascalientes, Cárdenas ha combattuto brevemente nell'esercito di Pancho Villa (1878 – 1923), che inoltre stava combattendo contro Huerta. Nel 1915 Cárdenas si unì i costituzionalisti, e nella rivolta di Agua Prieta si schierò con Álvaro Obregón (1880-1928) contro Villa. Nel 1923 venne catturato. Più tardi fuggì e quindi fu costretto a nascondersi a Guadalajara, in Messico, per diversi mesi. Presto in seguito Cárdenas salì rapidamente la gerarchia militare.
Durante la ribellione del 1923 comandò le forze leali a Michoacán. L'anno successivo fu promosso a generale di brigata e dato il comando delle operazioni militari in Huasteca, Michoacán e l'istmo. Aumento di Cárdenas il potere militare notevolmente è stata aiutata dalla sua amicizia con il suo comandante generale, Plutarco Elias Calles (1877-1945).

Carriera politica

1924 Calles era diventato presidente del Messico. Grazie alla sua relazione con il Presidente, nel 1928 Cárdenas divennero governatore di Michoacán, suo paese d'origine. Rimase qui fino al 1932. Come governatore ha attivamente sostenuto la riforma agraria, sviluppato istruzione e aiutato le organizzazioni del lavoro e contadino attraverso il suo gruppo radicale, Confederación Revolucionaria Michoacana de Trabajo. Alla sua reputazione come un addetto militare onesto ha aggiunto una simile reputazione di servire il popolo del Messico.
Durante i seguenti anni, Cárdenas servì come ministro del governo e ministro della guerra. Cárdenas ha mostrato grande supporto per Calles durante questi anni e la sua lealtà sarebbe presto pagare fuori. Nel 1934 Calles efficacemente nominato Cárdenas come candidato alla Presidenza per il partito rivoluzionario nazionale (PNR). Calle pensato che sarebbe stato in grado di controllare il suo vecchio amico. Questa volta, tuttavia, la depressione (un lungo periodo di ristrettezze economiche) aveva colonizzato tutto il Messico. Popolo radunato Cárdenas come un riformatore (qualcuno spingendo a cambiare le politiche sociali) e ottenne l'appoggio per la Presidenza.

Presidente del Messico

Cárdenas ha vinto ed è entrato ufficio con un mandato radicale, o di comando, nel nuovo piano sessennale. Egli procedette a portarlo e ha dato il popolo, pazienza e attenzione personale. Il termine di sei anni è stato contrassegnato mantenendo la sua fede rivoluzionaria. Gran parte del suo mandato è stato speso sulla strada visita villaggi remoti e ascoltando le lamentele e le idee del popolo del Messico.
Quando Calles sfidato la sua tolleranza verso travaglio, Cárdenas lo costrinse a lasciare il Messico. Lavoro guadagnato potere nuovo come si riorganizzò sotto Lombardo Toledano (1894-1968) nella Confederazione messicana del lavoro. Cárdenas confiscati 45 milioni di ettari di terreno e li distribuite a ejidos, o le comunità contadine. Le terre inclusi nuovi tipi collettivi con grande sostegno tecnico e finanziario della regione di cotone La Laguna e l'agave (una fibra che viene dalla pianta di agave) zona dello Yucatán. La nazionalizzazione delle ferrovie è stata completata e consegnata al controllo governativo. Nel 1938 le aziende del petrolio in Messico paesi stranieri di proprietà anche vennero nazionalizzate. Questa azione sarebbe essere descritto come dichiarazione del Messico di indipendenza economica.

Termina la sua carriera

Nel 1938 Cárdenas schiacciato ultima sommossa regionale significativa, che era guidata da Saturnino Cedillo in San Luis Potosi. Messico ha poi aperto le porte agli esuli politici (chi è costretto a lasciare un paese per motivi politici). Questi esuli includevano il rivoluzionario russo Leon Trotsky (1879-1940) e un numero considerevole di rifugiati spagnoli repubblicani. Nelle elezioni presidenziale del 1940 Cárdenas sostenuto moderatamente conservatore Manuel Ávila Camacho (1897-1955) e lo servì come segretario della difesa nel 1943. Per più di un quarto di secolo Cárdenas è rimasto una forza politica in Messico.
Nel 1960, durante la baia dei porci episodio, dove c'era un fallito tentativo di assassinare il Ministro cubano Fidel Castro (1926-), Cárdenas ha preso una posizione forte pro-Castro, ma evitato di farsi coinvolgere nella materia. Cárdenas costantemente delusi coloro che hanno voluto legare il suo nome con la violenza e l'interruzione del processo politico. Nell'ottobre del 1968 ha fortemente sollecitato gli studenti a porre fine alla violenza. Lui è rimasto un sostenitore della riforma rapida, ma con mezzi pacifici. Egli morì il 19 ottobre 1970, città del Messico.

Per ulteriori informazioni

Ashby, Joe C. organizzato il lavoro e la rivoluzione messicana sotto Lázaro Cárdenas. Chapel Hill, NC: University of North Carolina Press, 1967.
Cárdenas, Lázaro. Cárdenas Epistolario de Lázaro. Messico: Siglo Veintiuno Editores, 1974.
Townsend, William Cameron. Lázaro Cárdenas: messicano carbossimetilazione. 2 ° ediz. Waxhaw, NC: amicizia internazionale, 1979.
Weyl, Nathaniel e Sylvia Weyl. La riconquista del Messico: gli anni di Lázaro Cárdenas. Londra: Pressa dell'Università di Oxford, 1939.
Traduzido per scopi educativi