Babylon | Origine e storia


Definizione: Babylon

di Joshua J. Mark 

clip_image001
Babilonia è la più famosa città della Mesopotamia antica cui rovine si trovano nel moderno-giorno Irak 59 miglia (94 km) a sud-ovest di Baghdad. Il nome si pensa per derivare da bav-il o bav-ilim , che, nella lingua accadica del tempo, significava 'Cancello di Dio' o 'Porta degli dèi' e 'Babylon' proveniente dal greco. La città deve la sua fama (o infamia) per i numerosi riferimenti che la Bibbia fa ad esso; che sono tutti sfavorevoli. Nel libro della Genesi, capitolo 11, Babilonia è anche la storia della torre di Babele e gli ebrei ha sostenuto che la città fu nominata per la confusione che ne seguì dopo Dio causato le persone a cominciare a parlare in lingue diverse, quindi non sarebbe in grado di completare la loro grande torre fino al cielo (la parola ebraica bavel significa 'confusione').
Babilonia appare anche prominente nei libri biblici di Daniel, Geremia e Isaia, tra gli altri e, più in particolare, il libro della rivelazione. Era questi riferimenti biblici che ha suscitato interesse in archeologia mesopotamica e la spedizione dell'archeologo tedesco Robert Koldewey che prima scavata le rovine di Babilonia nel 1899 CE. Di fuori della reputazione peccaminosa data dalla Bibbia, la città è conosciuta per le sue imponenti mura ed edifici, la reputazione di una grande sede di apprendimento e la cultura, la formazione di un codice di legge che pre-date la legge mosaica e per i giardini pensili di Babilonia che erano terrazze artificiali di flora e fauna, annaffiato da macchinari, che sono stati citati da Erodoto come una delle sette meraviglie del mondo.

La città vecchia & Hammurabi

Babilonia fu fondata ad un certo punto prima del Regno di Sargon di Akkad (noto anche come Sargon il grande) che regnò dal 2334-2279 A.C. e sosteneva di avere costruito templi di Babilonia (altre fonti antiche sembrano indicare che Sargon stesso fondò la città). A quel tempo, Babilonia sembra essere stata una città minore o forse una città grande porto sul fiume Eufrate, nel punto dove si corre più vicina al fiume Tigri. Qualunque iniziale ruolo di città nel mondo antico è persa agli studiosi moderni, perché il livello dell'acqua nella regione è aumentato costantemente nel corso dei secoli e le rovine della vecchia Babilonia sono diventati inaccessibili. Le rovine che furono scavate da Koldewey e sono visibili oggi, datano solo a ben più di un mille anni dopo fu fondata la città. Lo storico Paul Kriwaczek, tra gli altri studiosi, sostiene che è stata fondata da Amorei dopo il crollo della terza dinastia di tuo. Queste informazioni e qualsiasi altri relativi alla vecchia Babilonia, ci giunge oggi attraverso manufatti che sono stati trasportati dalla città dopo l'invasione persiana o quelli che sono stati generati altrove.
Ogni scrittore antico menziona Babilonia con un tono di stupore e di riverenza.
La storia conosciuta di Babilonia, allora, inizia con il suo più famoso re: Hammurabi (1792-1750 A.C.). Questo oscuro principe amorreo ascese al trono dopo l'abdicazione di suo padre, re Sin-Muballit e abbastanza rapidamente trasformato la città in uno dei più potenti e influenti di tutta la Mesopotamia. Legge di Hammurabi codici sono ben noti, ma sono solo un esempio delle politiche ha implementato per mantenere la pace e promuovere la prosperità. Ha ampliato e accresciuto le mura della città, impegnata in grandi opere pubbliche, che comprendeva i canali e templi sontuosi e fatto diplomazia parte integrante della sua amministrazione. Tale successo fu lui in diplomazia e la guerra che, 1755 a.c., egli aveva Unito tutta la Mesopotamia sotto il dominio di Babilonia che, in questo momento, è stata la più grande città del mondo e denominato il suo Regno di Babilonia.

L'assiri, caldei e Nabucodonosor II

Dopo la morte di Hammurabi, il suo impero si disgregò e Babilonia si ridusse in dimensioni e portata fino a Babilonia facilmente fu saccheggiata dagli ittiti nel 1595 A.C.. I Cassiti seguito Ittiti e ri-chiamò la città Karanduniash. Il significato di questo nome non è chiaro. Gli assiri poi seguito i Cassiti a dominare la regione e, sotto il Regno del re assiro Sennacherib (705-681 regnò A.C.), Babilonia si ribellò. Sennacherib aveva licenziata, città rasa al suolo, e le rovine sparse come una lezione per gli altri. Sue misure estreme sono state considerate empia dalla gente in generale e di Sennacherib specificamente della Corte e poco dopo fu assassinato dai suoi figli. Il suo successore, Esarhaddon, ricostruita Babilonia e lo ha restituito al suo antico splendore. La città rosa più tardi in rivolta contro Ashurbanipal di Ninive, che assediò e sconfisse la città ma non danneggiarlo in misura grande e, infatti, personalmente purificato Babilonia degli spiriti malvagi che si pensiero di aver condotto il disturbo. La reputazione della città come un centro di apprendimento e di cultura era già affermata in questo periodo.
clip_image002
Babilonia al tempo di Hammurabi
Dopo la caduta dell'Impero assiro, un caldeo denominato Nabopolassar salì al trono di Babilonia e, attraverso un'attenta alleanze, creati l'Impero Neo-babilonese. Suo figlio, Nabucodonosor II (604-561 A.C.), rinnovato la città affinché esso coperto 900 ettari (2.200 ettari) di terra e vantava alcune delle più belle e imponenti strutture in tutta la Mesopotamia. Ogni scrittore antico fare menzione della città di Babilonia, di fuori di quelli responsabili per le storie della Bibbia, lo fa con un tono di stupore e di riverenza. Erodoto, ad esempio, scrive:
La città sorge su una vasta pianura ed è un quadrato esatto, un cento venti stadi in lunghezza ogni modo, così che l'intero circuito è di quattro cento e ottanta stadi. Mentre tale è la sua dimensione, nella magnificenza c'è altra città che si avvicina ad esso. Esso è circondato, in primo luogo, da un ampio e profondo fossato, pieno d'acqua, dietro la quale si eleva un muro cinquanta cubiti reali in larghezza e in altezza 200.
Anche se si ritiene generalmente che Erodoto notevolmente esagerato le dimensioni della città (e non può mai realmente hanno visitato il luogo stesso) la sua descrizione riecheggia l'ammirazione degli altri scrittori del tempo che ha registrato la magnificenza di Babilonia e soprattutto le grandi pareti, come una meraviglia del mondo. Fu sotto il Regno di Nabucodonosor II che i giardini pensili di Babilonia si dice che sono stati costruiti e costruito la famosa porta di Ishtar. I giardini pensili sono descritti in modo più esplicito in un passaggio da Diodorus Siculus (90-30 A.C.) nella sua opera Bibliotheca Historica libro II.10:
C'era anche, poiché l'Acropoli, il giardino pensile, com'è chiamato, che è stato costruito, non di Semiramis, ma da un più tardi re siriano a favore di una delle sue concubine; per lei, dicono, essere un persiano di razza e il desiderio per i prati delle sue montagne, chiesero al re di imitare, attraverso l'artificio di un giardino piantato, il caratteristico paesaggio della Persia. Il parco esteso plethra quattro su ogni lato, e dal momento che l'approccio al giardino inclinato come una collina e le diverse parti della struttura è salito da un altro livello Tier, l'aspetto dell'intero assomigliava a quella di un teatro. Quando le terrazze ascendente erano state costruite, c'erano state costruite sotto di loro gallerie che ha trasportato tutto il peso della piantumato giardino e rosa poco a poco una sopra l'altra lungo l'approccio; e la galleria superiore, che era di cinquanta cubiti alta, portava la superficie più alta del parco, che è stato fatto a livello con la parete del circuito dei bastioni della città. Inoltre, le mura, che erano state costruite a grandi spese, erano venti piedi di spessore, mentre il passaggio tra ogni due pareti era largo dieci piedi. I tetti delle gallerie erano coperto con travi di pietra di sedici piedi di lunghezza, comprensivo di sovrapposizione e quattro piedi di larghezza. Il tetto sopra queste travi aveva prima uno strato di canne sovrapposte in grande quantità di bitume, questo due corsi di mattoni da forno legati da cemento e come un terzo strato di un rivestimento di piombo, al fine che l'umidità dal terreno non potrebbe penetrare sotto. Su tutto questo nuovo terra aveva stato accatastato ad una profondità sufficiente per le radici degli alberi più grandi; e la terra, che è stata stabilizzata, era fittamente piantata con alberi di ogni genere che, dalla loro grande dimensione o qualsiasi altro fascino, potrebbe dare piacere a chi guarda. E poiché le gallerie, ogni proiezione di là di un altro, tutti hanno ricevuto la luce, sono contenute molte strutture ricettive reale di ogni descrizione; e c'era una galleria che conteneva le aperture che portano dalla superficie più in alto e macchine per la fornitura del giardino con l'acqua, le macchine di raccolta acqua in grande abbondanza dal fiume, anche se nessuno all'esterno potrebbe vederlo svolto. Ora, questo parco, come ho detto, era una costruzione successiva.
Questa parte del lavoro di Diodoro riguarda la semi-mitica regina Semiramis (molto probabilmente basato sulla effettiva regina assira Sammu-Ramat che regnò 806-811 A.C.). Il riferimento a "un più tardi re siriano" segue la tendenza di Erodoto del riferimento alla Mesopotamia come 'Assiria'. Borsa di studio recente sull'argomento sostiene che i giardini pensili trovavano mai a Babilonia ma erano invece la creazione Sennacherib al suo capitale di Ninive. Lo storico Christopher Scarre scrive:
Palazzo di Sennacherib [a Ninive] aveva tutte le solite accoutrements di un'importante residenza assira: figure colossali guardiano e rilievi in pietra intagliate impressionante (oltre 2.000 lastre scolpite in 71 camere). Suoi giardini, troppo, sono stati eccezionali. Recenti ricerche di British assirologo Stephanie Dalley ha suggerito che questi erano i famosi giardini pensili, una delle sette meraviglie del mondo antico. Scrittori successivi messi i giardini pensili a Babilonia, ma approfondite ricerche non è riuscito a trovare alcuna traccia di loro. Il conto orgoglioso di Sennacherib dei giardini del palazzo che ha creato a Ninive si inserisce quello di giardini pensili in diversi dettagli significativi (231).
Questo periodo in cui i giardini pensili erano presumibilmente costruiti è stato anche il tempo dell'esilio babilonese degli ebrei e il periodo in cui fu scritto il Talmud babilonese. Il fiume Eufrate diviso la città in due tra un 'vecchio' e una 'nuova' città con il tempio di Marduk e la grande ziggurat torreggiante nel centro. Strade e viali sono stati allargati per meglio accogliere l'annua processione della statua del grande dio Marduk nel viaggio dalla sua casa tempio in città per il nuovo anno Festival Tempio fuori della porta di Ishtar.
clip_image003
Leone di Babilonia statua, Babylonia

Il declino di persiano conquista & di Babylon

L'Impero Neo-babilonese continuò dopo la morte di Nabucodonosor II e Babylon ha continuato a svolgere un ruolo importante nella regione sotto il dominio di Nabonidus e suo successore Belshazzar (presenti nel libro biblico di Daniel). Nel 539 A.C. l'impero è caduto ai Persiani sotto Cyrus il grande alla battaglia di Opis. Mura di Babilonia furono inespugnabile e così i persiani abilmente escogitarono un piano per cui hanno deviato il corso del fiume Eufrate che è caduto a una profondità gestibile. Mentre i residenti della città sono stati distratti da uno dei loro giorni di grande festa religiosa, l'esercito persiano guadato il fiume e hanno marciato sotto le mura di Babilonia inosservato. È stato affermato che la città fu conquistata senza combattere, anche se i documenti dell'epoca indicano che le riparazioni dovevano essere fatto per le pareti e alcune sezioni della città e quindi forse l'azione non era come sforzo, come il persiano conto gestito.
Sotto il dominio persiano, Babilonia fiorì come centro di arte e di educazione. Cyrus e i suoi successori ha tenuto la città in grande considerazione e reso la capitale amministrativa del loro impero (anche se a un certo punto l'imperatore persiano Serse sentito obbligato a porre sotto assedio la città dopo un'altra rivolta). Babilonese, matematica, astronomia e cosmologia erano molto rispettati e si è pensato che Talete di Mileto (conosciuto come il primo filosofo occidentale) potrebbe aver studiato lì e che Pythagoras ha sviluppato il suo famoso teorema matematico basato su un modello babilonese. Quando, dopo duecento anni, l'impero persiano cadde ad Alessandro Magno nel 331 A.C., diede anche grande riverenza per la città, ordinando i suoi uomini di non danneggiare gli edifici né molestare gli abitanti. Scrive lo storico Stephen Bertman, "prima della sua morte, Alexander il grande ordinò la sovrastruttura della ziggurat di Babilonia tirato giù in modo che possa essere ricostruita con maggiore splendore. Ma non visse mai portare il suo progetto a compimento. Nel corso dei secoli, i suoi mattoni sparsi hanno stati cannibalizzati dai contadini per realizzare i sogni più umili. Tutto ciò che resta della leggendaria Torre di Babele è il letto di uno stagno paludoso".
Dopo la morte di Alessandro a Babilonia, i suoi successori (noto come 'The Diadochi', dal greco 'successori') ha combattuto sul suo impero in generale e la città in particolare al punto dove i residenti sono fuggiti per la loro sicurezza (o, secondo un rapporto antico, sono stati ri-trova). Al momento l'impero di Parthian governò la regione nel 141 A.C. Babilonia era deserta e dimenticata. Città costantemente cadde in rovina e, anche durante una breve ripresa sotto i Sasanidi, mai avvicinato la sua passata grandezza. La conquista musulmana della terra nel 650 CE tutto ciò che è rimasto di Babilonia è stato spazzato via e, nel tempo, è stato sepolto sotto la sabbia. Nei secoli XVII e XVIII CE europea viaggiatori iniziarono ad esplorare la zona e il ritorno a casa con vari manufatti. Questi blocchi cuneiforme e statue ha portato ad un aumentato interesse nella regione e, dal XIX secolo CE, un interesse in archeologia biblica ha attirato gli uomini come Robert Koldewey che ha scoperto le rovine della città una volta grande del cancello degli dèi.


Scritto da Joshua J. Mark, pubblicato il 28 aprile 2011 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Diodoro Siculo su Semiramis
    http://Penelope.uchicago.edu/Thayer/E/Roman/Texts/Diodorus_Siculus/2a *...
  • Bertman, S. manuale di vita nell'antica Mesopotamia. Oxford University Press, 2003.
  • Erodoto. Erodoto. University of Chicago Press, 1988.
  • Kramer, N. S. i Sumeri. University of Chicago Press, 1971.
  • Kriwaczek, p. Babilonia. Thomas Dunne Books, 2010.
  • Leick, g. dalla alla Z della Mesopotamia. Pressa dello spaventapasseri, 2010.
  • Scarre, C. & Falcone, M. B. di antiche civiltà. Pearson, 2007.
  • Van De Mieroop, M. L'antica città mesopotamica. Oxford University Press, USA, 1999.

Mappa di Babilonia: 1769 A.C. · 1700 A.C. · 1685 A.C. · 1075 A.C. · 935 A.C. · 905 A.C. · 814 A.C.

clip_image005
clip_image007
clip_image009
clip_image011
clip_image013
clip_image015
clip_image017

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.