Passa ai contenuti principali

Baalbek | Origine e storia


Definizione: Baalbek

di Joshua J. Mark 

clip_image001
Baalbek è un'antica città fenicia, situata in che cosa ora è giorno moderno Libano, a nord di Beirut, nella valle della Beqa '. Abitata già nel 9000 A.C., Baalbek è cresciuto in un importante luogo di pellegrinaggio nel mondo per il culto del cielo-Dio antico fenicio Baal e la sua consorte Astarte, regina del cielo (il nome 'Baalbek' significa Baal Signore della valle della Beqaa). Il centro della città era un grande tempio dedicato ad Astarte e Baal e le rovine di questo tempio precoce oggi rimangono sotto il tempio romano successive di Giove Baal.
I capisaldi del precedenti quanto a come le pietre erano tempio sono stati trovati a pesare oltre 100 tonnellate e i muro di contenimento monoliti pesano ciascuno, 300 tonnellate, lasciando l'attuale archeologi, scienziati e storici mistificata spostati, dove da e in che modo si potrebbe sono stati manipolati in luogo. Questi blocchi e un altro 1,6 da Baalbek che pesa più di 900 tonnellate, conosciute oggi come le pietre di Baalbek e sono state oggetto di molte discussioni, studiare e congetture su come sono stati spostati e organizzati. Costruttori più tardi presso il sito, come i Romani, utilizzato questi prime pietre come le fondamenta per i propri templi ma chiaramente non si muoveva loro in alcun modo. L'immenso peso e massa di queste pietre hanno portato a molte speculazioni riguardanti antiche attività aliena a Baalbek e anche che il sito era un rilievo di antiche atterraggio per astronavi. Nessuna di queste teorie sono considerata come sostanziale dalla comunità accademica prevalente, né sono mai stati.
Alessandro Magno conquistò Baalbek nel 334 A.C. e la ri-chiamò Heliopolis, 'La città del sole'.
Alessandro Magno conquistò Baalbek nel 334 A.C. e la ri-chiamò Heliopolis, 'La città del sole', il nome ancora in uso nel 64 A.C. quando Pompeo Magno annesso la regione di Phoenicia per Roma. Questa era ancora la designazione per la città nel 15 A.C., quando la città divenne una colonia dell'Impero romano. Il Romans ha notevolmente migliorato il sito con progetti di costruzione massiccia, passerelle, acquedotti e strade. Sotto il Regno dell'imperatore Septimus Severus (193-211 D.C.) il Gran Tempio di Giove Baal fu costruito e dedicato (il più grande e più ornato edificio religioso in tutta la storia dell'Impero romano) cui resti possono ancora essere visti oggi.
clip_image003
Il complesso del tempio di Baalbek
La città rimase un luogo di pellegrinaggio visitato spesso fino la legittimazione del cristianesimo nell'impero romano da Costantino il grande (a partire dal 313 D.C. con l'editto di Milano) dopo di che, evitando il destino di alcuni siti di paga che sono stati trascurati o distrutto, fu cristianizzata. Il tempio di Bacco, tuttora esistente, è più grande del Partenone di Atene e tutti i templi del complesso Romano (di Giove, Bacco, Venere e mercurio) sono stati risparmiati distruzione durante l'ascesa del cristianesimo attraverso il loro uso come chiese (solo l'altare di Giove fu abbattuto da Teodosio I). I templi hanno continuato nel loro ruolo di luoghi di culto cristiani fino all'arrivo dei musulmani nel 637 CE.
Secondo la regola musulmana (segue loro vittoria sopra Byzantine forze alla battaglia del Yarmuk) la zona fu ribattezzata ad Al - Qalaa (la fortezza). Pareti sono state rafforzate per la difesa e i templi erano fortificati. Una moschea è stata costruita nel bel mezzo di antichi templi romani mentre le aggiunte cristiane furono abbattute e distrutte. L'esercito bizantino saccheggiò la città nel 748 CE e, di nuovo, nel 975 CE ma non poteva tenere e, alla fine, avendo sopravvissuto i Mongoli e ulteriori campagne militari, si passò all'Impero ottomano che in gran parte ignorato la città ed ha permesso le rovine a sgretolarsi. Una serie di terremoti nel corso dei secoli ha ulteriormente danneggiato il sito e nulla è stato fatto nella zona di conservazione o di scavo fino al 1898, quando l'imperatore tedesco Wilhelm II ha visitato la zona e ha inviato un team di achaeologists per cominciare a lavorare lì. Loro sforzi, insieme a squadre internazionali, hanno conservato Baalbeck successivamente per le generazioni future.


Scritto da Joshua J. Mark, pubblicato il 2 settembre 2009 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Baalbek - un Enigma colossale
  • Baalbek: UNESCO
  • Luoghi di pace e di potere - Baalbek
  • Durant, w. nostro patrimonio orientale. Simon & Schuster, 1954.
  • Worthington, i. Alexander il grande. Routledge, 2004.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…