Ebreo antico › Aihole › Ajanta » Origini e Storia

Articoli e definizioni › Contenuto

  • Ebreo antico › origini
  • Aihole › Chi era
  • Ajanta › origini

Civiltà antiche › Luoghi storici e i loro personaggi

Ebreo antico › origini

Civiltà antiche

Autore: William Brown

Durante il periodo dell'ebraismo (VI secolo aC - 70 dC), la religione giudaica iniziò a sviluppare idee che divergevano significativamente dai secoli X-VII al VI aC, religione israelita e giudaica. In particolare, questo periodo segna un significativo movimento verso il monoteismo, la codificazione delle tradizioni centrali per l'identità religiosa (cioè la Bibbiaebraica) e nuove idee riguardo all'adorazione di Yahweh.

INFLUENZE CULTURALI

Con l'apice del potere per i regni giudeo e israelita nell'VIII secolo aEV, Gerusalemme divenne il sito del tempio centrale per la religione giudaica e israelita e, di conseguenza, per la politica. Era una comprensione comune in tutto il mondo antico che il tempio, e quindi la città, fosse al sicuro finché il tempio era ben mantenuto e la divinità era compiaciuta della gente. All'inizio del VI secolo aC, tuttavia, questa idea tradizionale fu messa in discussione. Nel tempio di Gerusalemme, gli oggetti di valore furono sequestrati due volte da re non giudea e poi distrutti nel 586 aEV dall'impero neo-babilonese. La frattura di questa nozione tradizionale costrinse i giudei a riconsiderare e riconcettualizzare le loro idee religiose.
clip_image001

Modello del secondo tempio

Inoltre, con l'ascesa dell'impero persiano nel tardo VI secolo aC, i gruppi di persone originariamente esiliati dai Neo-Assiri e dai Neo-Babilonesi potevano tornare nelle loro terre d'origine. Di conseguenza, ai ricchi giudei fu permesso di tornare in Giuda e ricostruirono il tempio a Gerusalemme. In questo periodo, tuttavia, le prove letterarie indicano anche l'esistenza di comunità giudaiche in Egitto, Mesopotamia, Samaria e Giuda (Yehud), comunemente denominata diaspora ebraica. A causa della diffusione geografica dei giudei, è evidente che varie comunità giudee sono state messe in grado di svilupparsi in modi distinti.Quindi, non esisteva una singola, adeguata pratica religiosa del giudaismo. Sebbene fossero uniti per quanto riguarda la posizione centrale della divinità Yahweh, c'erano molte idee su ciò che costituiva la corretta adorazione. Per questo motivo, alcuni studiosi fanno riferimento alla religione giudaica durante questo periodo come primi giudaismi (notare il plurale).
A partire dal IV secolo aEV, il giudaismo primitivo sperimentò ulteriori sviluppi attraverso lo scambio interculturale con il mondo ellenistico e romano. Particolarmente importante è che gli ebrei in Giuda erano politicamente indipendenti per alcuni anni durante questo periodo. Due importanti conseguenze di questa indipendenza politica furono i significativi sviluppi religiosi e la distruzione del 2 ° tempio a Gerusalemme nel 70 EV, quello che era stato ricostruito nel VI secolo aC. La maggior parte degli studiosi considera questo evento come la fine del giudaismo primitivo; dal 70 EV in avanti, la religione ebraica rientra nella categoria del "Giudaismo rabbinico".

MONOTEISMO

La distruzione del tempio di Gerusalemme nel 586 aEV sfidò le tradizionali nozioni sull'inviolabilità di Gerusalemme. Di conseguenza, gli ebrei riconsiderarono la questione del dominio di Yahweh durante il periodo persiano (la fine del VI secolo aEV). Questo è attestato nel libro biblico di Isaia. Gli studiosi dividono tipicamente Isaia in due sezioni sulla base del contenuto e della lingua: 1 ° Isaia è i capitoli 1-39 e 2 Isaia è i capitoli 40-66, con quest'ultimo tipicamente datato al periodo persiano. In Isaia 44: 9-20, l'autore parla contro il culto non-Yahweh centrato di altre divinità, in particolare il culto tramite idoli: "Loro [gli idoli] non sanno, né comprendono; perché i loro occhi sono chiusi, così che non possono vedere, e anche le loro menti, in modo che non possano capire "( New Oxford Annotated Study Bible ).
MOLTE SCUOLE VISUALIZZANO ISAIA 40-66 COME ALCUNE DELLE PRIME PROVE DEL MONOTHEIS GIUDEO.
In Mesopotamia, le divinità venivano spesso adorate attraverso una statua con la comprensione della presenza della divinità che risiedeva in quella statua. Di conseguenza, considerando le statue come idoli senza vita, Isaia sembra esprimere che le divinità non erano effettivamente presenti nelle statue. Pertanto, molti studiosi considerano questo come una delle prime prove del monoteismo giudeo. Questa idea si sviluppa ulteriormente in Isaia 45: 1-7, dove Yahweh afferma di aver specificamente chiamato Ciro, re dell'impero persiano, per prendere possesso di Babilonia come modo di giudicare Babilonia. Il testo indica che Yahweh utilizza i re stranieri come strumenti per il suo giudizio, che si inserisce nel quadro più ampio dei capitoli 40-48 in cui Yahweh è visto come l'autore della storia stessa.
La Bibbia ebraica, tuttavia, non rappresenta ogni tradizione dei giudei. Gruppi distinti di ebrei prosperarono sia in Mesopotamia che in Egitto. In Mesopotamia, le tavolette cuneiformi, tipicamente chiamate tavolette di "Murashu" e "Al-Yahudu" (tradotto "Judahtown"), attestano una comunità di Giudei che visse e lavorò vicino a Babilonia tra il VI e il V secolo aC.Sfortunatamente, i documenti sono principalmente documenti legali e finanziari. Poiché il titolo "Yahu" (Yahweh) è associato a molti nomi personali nei documenti, probabilmente adoravano Yahweh. Sfortunatamente, è difficile identificare le idee religiose di questi Judean esiliati oltre questo, come la possibilità che questi Giudei adorino le divinità mesopotamiche.
Allo stesso modo, lettere e documenti di un insediamento giudeo del V secolo aC ad Elefantina, in Egitto, attestano gli adoratori di Yahweh. All'interno di questi documenti, esistono prove che alcuni giudei potrebbero aver anche adorato le divinità Anat e Ashim. Pertanto, questi rispettivi giudei non seguivano necessariamente le tendenze monoteiste della letteraturabiblica del periodo persiano.
clip_image002

Tavolette di Murashu

Inoltre, c'erano forme di religione popolare; idee e pratiche religiose che non hanno assunto una posizione di rilievo o diventano le modalità standard di credenza e pratica religiosa. Poiché la Bibbia ebraica probabilmente riflette l'ideologia di ricchi scribi, la religione popolare comune non è ben rappresentata nelle prove storiche. Nonostante la possibile opposizione di alcuni gruppi, alla fine del periodo ellenistico e romano, è generalmente accettato che il monoteismo fosse un fattore determinante del giudaismo.
C'è un importante cambiamento nelle idee che ha aiutato il monoteismo a diventare più standard nel giudaismo. Vale a dire, gli scribi giudaici hanno reinventato l'ex pantheon divino come angeli. Questo spostamento è esemplificato al meglio in 1 Enoch.Tipicamente datato al III secolo aEV, 1 Enoch è uno dei primi testi che attesta la credenza negli angeli come "aiutanti della divinità e responsabili del funzionamento del cosmo, nonché per svolgere compiti divini relativi alla sfera umana "(Grabbe, 243). L'apparizione di questi esseri, che servono come consiglio di Yahweh, è una ri-immaginazione degli dei più antichi dei Semiti occidentali, che servirono come consiglio di Yahweh. Inoltre, poiché nessuna idea emerge nel vuoto, è probabile che la categorizzazione di angeli e demoni fosse pienamente in vigore alla fine del periodo persiano e 1 Enoch rispecchi semplicemente le tradizioni già in circolazione. Così, con la creazione di 1 Enoch, gli scribi giudaici furono in grado di affrontare il problema del pantheon semitico occidentale in modo soddisfacente.

RITUALI

Pasqua ebraica
Secondo Exodus 12-13, fu istituita la Pasqua per prevenire la morte dei primogeniti nella decima piaga. Anche se la possibilità storica delle dieci piaghe nel libro dell'Esodo, e di conseguenza le origini della Pasqua ebraica, non può essere confermata, ha forti paralleli con un altro festival da un sito archeologico in Siria (12 ° secolo AC). In questo sito in Siria, i registri letterari attestano il festival zukru con caratteristiche sorprendentemente simili: si tiene il 14 ° giorno del primo mese, della durata di sette giorni, il sangue viene spalmato sugli stipiti e gli animali primogeniti vengono sacrificati. A causa di queste somiglianze, le idee sottostanti in Passover hanno probabilmente origini precedenti al VII secolo aC; tuttavia, come ricordo particolare di un esodo dall'Egitto, la Pasqua è più probabile uno sviluppo dal periodo persiano.
LE IDEE SOTTOSTANTI DI PASSOVER HANNO ORIGINI PRE-SETT. TUTTAVIA, COME UNA COMMEMORAZIONE DI UN ESODO DALL'EGITTO, PASSOVER È UNO SVILUPPO DEL PERIODO PERSIANO.
Questo festival, come parte della vita delle persone, è ulteriormente attestato nei Papiri delle Elefantine (VI secolo aC). In particolare, tuttavia, la descrizione della Pasqua nei Papiri di Elefantina differisce dalla Bibbia ebraica. A differenza della Bibbia ebraica (Levitico 23: 3-8), proibisce le bevande fermentate. Sebbene la differenza sia minore, indica diverse idee su cosa costituisca una pratica rituale appropriata.
Allo stesso modo, il rituale della Pasqua ebraica fu praticato dai Samaritani già nel IV secolo aEV, come attestato dal Pentateuco samaritano. Per la maggior parte, è lo stesso del Pentateuco nella Bibbia ebraica; tuttavia, a differenza dei Giudei in Giuda, i Samaritani avrebbero eseguito il rituale sul Monte Gerizim. Lo fecero perché credevano che il monte Gerizim fosse la montagna santa, al contrario degli ebrei che credevano in Gerusalemme un luogo sacro.
Infine, un frammento di una pergamena di Qumran (che si trova sul Mar Morto, datato tra il III secolo aEV e il I secolo dC) limita i ragazzi e le donne ad unirsi alla festa della Pasqua (Parry e Skinner). Questa pratica è menzionata solo in questo frammento e non in altre tradizioni letterarie, indicando così la diversità, e tuttavia l'unità generale, nella pratica della Pasqua.
sabato
Il Sabbath è l'idea di riposare, in qualche modo, dal venerdì sera al sabato sera (cioè il settimo giorno). Le origini storiche del Sabbath non sono chiare; tuttavia, la tradizione biblica lega l'importanza del Sabbath al racconto della creazione in Genesi 1: 1-2: 3. Nella narrazione, Yahweh cessa di creare il settimo giorno. Testi come Esodo 31: 12-18 riflettono su questo comprendendo la creazione di cui sopra come prova precoce di un'alleanza tra gli israeliti e Yahweh. Tuttavia, poiché Genesi 1: 1-2: 3 risale probabilmente al periodo persiano, la centralità della pratica del Sabbath è probabilmente emersa tra il VI e il V secolo aC. Così, mentre i primi testi fanno riferimento a Sabbath (2 Re 4:23, 11: 4-12, 16: 17-18), diventa solo un tema centrale importante nella letteratura datata al periodo persiano.
Ad esempio, 1 e 2 Cronache commentano relativamente coerentemente su ciò che comporta la pratica del Sabbath. Questi testi, che sono reinvenzione dei Re 1 e 2 e risalgono al periodo persiano, annotano aspetti del Sabbath riguardo al tempio: sacrificio nel tempio in Sabbath (2 Chr. 2: 4, 31: 3) e una fila di pane preparato per Sabbath (1 Chr. 9:32). Nel libro di Neemia, alcuni dei quali risalgono al V secolo aEV, i regolamenti del Sabbath diventano più specifici: comprare cibo, vendere cibo, trasportare materiali e caricare materiali per il trasporto sono tutti determinati a non essere in linea con il giorno del Sabbath di riposo. In particolare, tuttavia, non vi è alcuna menzione del Sabbath nei testi di Elephantine. Sebbene l'assenza del Sabbath nei testi delle Elefantine non significhi necessariamente che non praticano il Sabbath, solleva questa possibilità.
Il Sabbath divenne particolarmente importante per il giudaismo primitivo durante il periodo ellenistico. Nel II secolo aEV, il sovrano seleucide Antioco IV cercò di stabilire il controllo su Gerusalemme. Secondo i documenti storici, parte della sua strategia era quella di Hellenize Judean. Quindi attaccò Gerusalemme il sabato, dedicò il tempio di Gerusalemme di Yahweh alla divinità di Zeus bruciando carne di maiale su un altare e bandì la Torah e la circoncisione. L'opposizione a questi aspetti normativi dell'identità e della pratica religiosa della Giudea ha creato una frattura tra i leader ellenistici, non giudea e i giudei.Questa spaccatura incoraggiò i giudei a definirsi da questi fattori (sabato, tempio di Yahweh a Gerusalemme, impurità del maiale, Torah e circoncisione) ancor più di prima delle azioni di Antioco IV. In risposta alle azioni di Antioco, un gruppo di Giudei, prima guidato da Mattatia, si ribellò e stabilì le basi di un regno di Giudea, che sarebbe stato governato dalla dinastia degli Asmonei.
Altri rituali
Un importante rituale del giudaismo primitivo era la circoncisione. Ampiamente interpretato, è stato inteso per rappresentare l'alleanza tra i Giudei e Yahweh (Genesi 17: 10-14, Esodo 4: 24-26, Giosuè 5: 2-12; Deut. 10:16; Ger 4: 4, 9:25, 9:26). Si sono anche sviluppate altre feste, come Yom Kippur, feste della Luna Nuova, la Festa delle Settimane, la Festa dei Tabernacoli e la Festa del Pane Azzimo. Mentre ogni festival raggiungeva un unico significato teologico e pratica all'interno delle tradizioni giudaiche, essi riflettono una più ampia, antica correlazione tra feste e calendario agricolo. Nel II secolo aEV, Hanukkah divenne un modo importante per ricordare la consacrazione del tempio di Gerusalemme in risposta alle azioni di Antioco IV.
clip_image003

Mikvah, Qumran

Inoltre, il Mikvah divenne una necessità rituale comune nel II secolo aC. La Mikvah era una speciale pozza d'acqua in cui gli adulti dovevano essere immersi per la purezza rituale. Oltre 850 Mikvah sono stati scoperti in vari contesti (siti di sepoltura, case, sinagoghe, centri agricoli, ecc.), Suggerendo che il bagno rituale era una pratica essenziale dopo il II secolo aC.
Infine, le sinagoghe sono attestate per la prima volta (archeologicamente) nel periodo ellenistico. Un'iscrizione su una placca del III secolo aEV in Egitto dice quanto segue: "A nome del re Tolomeo e della regina Berenice sua sorella e sua moglie e i loro figli, gli ebrei (dedicati) alla proseuche" (Grabbe, 235). 'Proseuche' è la parola greca per 'luogo di preghiera'. A causa della crescente centralità della preghiera durante il periodo ellenistico, lo sviluppo di una casa di preghiera è una conseguenza naturale.

LA BIBBIA EBRAICA

La Bibbia ebraica, nota anche come Tanakh o Antico Testamento, è un'antologia di testi giudaici scritti, composti e compilati tra l'VIII secolo aEV e il II secolo aEV. Quindi, la Bibbia ebraica non è iniziata come un singolo libro; piuttosto, si è sviluppato nel tempo attraverso la compilazione di molti testi giudaici. I testi, però, non erano sempre intesi come testi ispirati divinamente, autorevoli, sacri; il ruolo dei testi giudaici nell'espressione religiosa sviluppato tra il VI secolo aEV e il I secolo EV.
Tipicamente datata tra l'VIII e il VI secolo aC, il libro dei Re narra la storia dell'antico Israele e di Giuda dal regno di Davide fino alla distruzione del tempio di Gerusalemme del VI secolo aC. Allo stesso modo, il libro di Cronache narra la storia dello stesso periodo; tuttavia, è stato scritto nel periodo persiano e copia gran parte del materiale dai re. Successivamente, aggiunge e rimuove i testi preesistenti nei re. I cambiamenti ci aiutano a vedere come il ruolo della Bibbia ebraica si è spostato nel giudaismo.
Per esempio, in 2 Re 21: 1-16, si dice che il re di Giudea Manasse abbia "versato molto sangue innocente, fino a quando non avesse riempito Gerusalemme da un'estremità all'altra, oltre al peccato che aveva fatto peccare a Giuda in modo che ha fatto ciò che era male agli occhi di [Yahweh] "(NASB, 2 Re 21:16). In altre parole, l'autore decide che Manasse era un cattivo re malvagio che era considerato corrotto per aver praticato la divinazione e per aver sponsorizzato l'adorazione di divinità diverse da Yahweh. Rispondendo a queste azioni, Yahweh promise di distruggere Israele (2 Re 21: 11-13). 2 Cronache 33: 10-17, tuttavia, modifica le azioni di Manasse, notando che si pentì davanti a Yahweh, rimosse tutti gli idoli in Giuda, rafforzò le cittàin Giuda e offrì sacrifici di benessere e di ringraziamento a Yahweh.
clip_image004

Torah

Queste differenze illustrano una nuova comprensione della dinastia davidica. Essendo dalla linea davidica, le azioni di Manasse nei re probabilmente delegittimavano l'accordo mediato tra Yahweh e David, vale a dire l'alleanza tra re David e Yahweh; tuttavia, Chronicles relegitimizza la dinastia davidica aggiungendo il pentimento di Manasse, la leadership militare e la leadership religiosa. Chronicles riscrive i re è un modo che diffonde la centralità, il valore e la legittimità della dinastia davidica.
Le differenze illustrano anche la crescente importanza della legge di Yahweh. Mentre descrive le cattive azioni di Manasse in Cronache, il narratore spiega lo stendardo che Manasse non ha incontrato attraverso le parole di Yahweh: "fa 'tutto ciò I ho comandato loro secondo tutte le leggi, gli statuti e le ordinanze date per mezzo di Mosè "
(2 Cronache 33: 8). I re osservano la legge, gli statuti e le ordinanze di Yahweh, tutti aspetti comuni nella pratica religiosa antica; tuttavia, non lo specifica come la legge data attraverso Mosè. Le cronache specificano la legge data da Mosè. Questa aggiunta suggerisce che obbedire alla legge data da Mosè stava diventando un aspetto centrale della pratica religiosa durante il periodo persiano. Sebbene sia difficile identificare esattamente cosa costituisse la legge di Mosè nel periodo persiano, è possibile che fosse quello che ora capiamo essere i primi cinque libri della Bibbia ebraica: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri e Deuteronomio ( comunemente noto come Torah o Pentateuco).
Mentre la Bibbia ebraica cominciava a essere percepita come un'offerta di istruzione divina, le idee al suo interno cominciarono a servire come indicatori di pratica e di credenza per gli ebrei, anche se vari testi giudaici e biblici talvolta esprimevano teologie e visioni del mondo distinte. Quindi, piuttosto che essere santi, testi santificati, i testi nella Bibbia ebraica erano rappresentativi di pratiche e idee centrali per l'identità di alcuni giudei.
Ampiamente interpretato, il ruolo della Bibbia ebraica come documento autorevolmente religioso divenne più centrale durante il periodo ellenistico. Durante questo periodo, testi come Testamenti dei Dodici Patriarchi (II secolo aEV) trattano la Torah come una forma di saggezza universale. I divieti e le leggi nella Torah erano presenti perché la Torah era legge naturale.Anche così, varie fazioni giudaiche hanno avuto idee diverse su come la Bibbia ebraica e la Torah fossero religiosamente autorevoli. Lester Grabbe descrive bene i modi in cui la gente non era d'accordo sulla Torah nel giudaismo:
L'elemento più problematico [nella definizione dell'identità ebraica] è forse la "Torah" poiché ci sono prove che diversi ebrei avevano idee diverse su cosa dovrebbe essere incluso nel concetto (canone), l'interpretazione di ciò che era incluso (esegesi), e il importanza relativa delle tradizioni accettate (autorità) (294).
Non c'era un solo modo di praticare l'ebraismo. Sebbene i vari gruppi condividessero le stesse tradizioni in modo più ampio, spesso li esprimevano in modi unici e distinti; la stessa Bibbia ebraica riflette anche una diversità delle tradizioni religiose della Giudea. Il riconoscimento di questa diversità all'interno delle tradizioni condivise è essenziale per comprendere il giudaismo in una prospettiva storica.

Aihole › Chi era

Definizione e origini

Autore: Mark Cartwright

clip_image005
Aiholi (Ayyavole) era un'antica città fortificata del Karnataka, nell'India centrale. Aiholi fu la prima capitale regionale della regione di Karnakata sotto il dominio dei Calukyas. Il gran numero di primi templi e santuari indù nel sito risalgono per lo più dal VI all'VIII secolo quando la città era al suo apice di prosperità e potere.

PANORAMICA STORICA

Aiholi prosperò dalla metà del VI secolo aC sotto il dominio regionale dei primi Calukya occidentali, una delle più importanti dinastie del Deccan nel tardo periodo Gupta. Signori importanti furono Pulakasin I (535-566 DC) e Pulakasin II (610-642 DC) che erano abbastanza potenti da intrattenere relazioni diplomatiche con la lontana Persia. Un altro importante governatore e portatore di prosperità nella regione fu Vikramaditya I (655-681 DC) che riconquistò il controllo della capitale Calukya Badami in seguito alla sua perdita per il rivale regionale, il re di Pallava. Aiholi era un'importante capitale regionale (una delle quattro) e le mura di fortificazione e le porte che circondano il sito sono unici sopravvissuti del VI secolo aC nell'antica India. La dinastia Chalukya cadde ai Rashtrakuta nella metà del VII secolo dC.
AIHOLI FORNISCE UN VALORE PREZIOSO DELLA TEMPLEARCHITETTURA INDIANA PRIMA DI ESSERE COMPLETAMENTE EVOLUTO IN UNO STILE CANONICO.

ARCHITETTURA E MONUMENTI

C'è un mix di stili architettonici nel sito e, a causa della mancanza di una ricostruzione successiva, Aiholi fornisce una preziosa testimonianza dell'architettura del tempio indiano prima che si evolva completamente in uno stile canonico. La maggior parte dei templi di Aiholi sono indù, ma ci sono alcune antiche grotte buddiste e monumenti giainisti. Ci sono un certo numero di grotte scavate nella roccia a Aihole che sono impreziosite da una scultura architettonica incisa nell'arenaria. La grotta di Ravula Phadi ha uno Shiva con dieci braccia che danza insieme ai Saptamatrikas, Durga che attacca Mahisha con una lancia e Bhudevi che viene salvato da Varaha. La grotta Ravanaphadi è famosa per la sua scultura in rilievo a grandezza naturale di quattro Madri ballanti e uno Shiva Gangadhara, c. 600 CE, che mostra il grande dio che abbassa dolcemente Ganga - una personificazione del fiume Gange - sulla terra usando i suoi capelli. L'architettura Jain del sito include il tempio Meguti, arroccato su un'acropoli, che fu costruita per la prima volta nel 634 CE.
Molti dei templi indù mostrano caratteristiche tipiche dell'architettura del nord dell'India: i sikharas (una sovrastruttura a quattro lati o una torre formata da molti strati decorativi di pietra), i nasika o sukanas (medaglioni a facciata sporgente), un gavaksa(arco a doppia curvatura) e un amalaka (una grande pietra circolare costolata in cima al sikhara ). I templi hanno coperture in lastre di pietra, molti hanno finestre a tralicci in pietra, e la maggior parte ha un ingresso e un portico accessibili tramite una breve rampa di scale, quest'ultima caratteristica tipica dell'architettura occidentale di Calukya.
clip_image006

Tempio di Durga, Aihole

Un buon esempio che incorpora tutte queste caratteristiche è il tempio di Durga dell'8 ° secolo, commissionato da Komarasengama, un privato cittadino. Questa struttura è anche insolita in quanto ha colonne che girano attorno all'edificio per formare un peristilio. Il garbhagriha (santuario sacro o santuario) all'estremità dell'edificio costituisce un'insolita curva semicircolare. I pannelli scolpiti come quelli raffiguranti Durga nella sua battaglia con il demone bufalo e Shiva al fianco di Nandi sono tra i migliori esempi di tutte le antiche sculture indiane.
clip_image007

Shiva con Nandi, Aihole

I templi portano una ricca scultura architettonica su pilastri e soffitti, in particolare raffigurazioni di divinità come Vishnu, Shiva e Brahma. I portici del tempio hanno anche lastre di soffitto finemente scolpite che mostrano nagas arrotolati in spirali. Al contrario, le pareti esterne sono generalmente austere e non portano né la scultura né le nicchie così comuni ai templi indiani del sud e successivamente. Oltre ai templi più grandi, Aiholi ha anche un gran numero di santuari più piccoli, molti dei quali hanno cupole.

Ajanta › origini

Definizione e origini

Autore: Dola RC

clip_image008
A circa 67 miglia (107 km) a nord di Aurangabad, nella gamma Indhyadri dei Ghati occidentali, si trovano le grotte di Ajanta.Le 30 caverne, famose per la loro antica architettura del tempio buddista e molti murales delicatamente disegnati, si trovano in una scarpata a ferro di cavallo alta 76 m che si affaccia sul fiume Waghora (tigre). Il fiume ha origine da una pittoresca cascata chiamata sat kund (sette salti) appena fuori l'ultima grotta. Serve come un potente promemoria delle forze naturali che su eoni innumerevoli hanno modellato gli strati basali dell'altopiano del Deccan. Anche una parte del Gautala Wildlife Sanctuary, questo paesaggio primordiale fornisce uno sfondo adatto ad una delle più belle collezioni di dipinti provenienti dall'antichità indiana.
Stato del sito patrimonio mondiale dell'umanità riconosciuto nel 1983, l'antico nome del sito non è rintracciabile oggi. Il suo nome attuale deriva da un villaggio vicino, la cui pronuncia locale è Ajintha. Sarebbe interessante notare che Ajita è il nome colloquiale di Buddha Maitreya.

TIMELINE E PATRONAGE

Il periodo di scavo (usato come sinonimo di intaglio delle grotte) può essere suddiviso in due ampie fasi: Le prime grotte (Cave 8, 9, 10, 12, 13, 15A), appartenenti alla fase Hinayana del Buddhismo, possono essere approssimativamente risalire al 2 ° secolo AC con il suo periodo di attività che continua intorno al 1 ° secolo dC durante il dominio della dinastia Satavahana (II secolo aC - II secolo dC). La fase successiva delle attività, tra il V e il VI secolo, si svolse in gran parte sotto il patrocinio dei dinasti Vakataka (III secolo - V secolo EV). I Vakatakas erano contemporanei degli imperatori Gupta. Il più grande sviluppo di questa fase ebbe luogo durante il breve ma notevole regno dell'Imperatore Vakataka, Harisena (460 CE - 477 CE). Da allora la "tendenza mitologica del pensiero indiano" (Coomaraswamy) aveva già dato alla luce il Buddhismo Mahayana da pratiche austere Hinayana.
AJANTA HA 30 GROTTE - CINQUE SONO CHAITYA (PRAYER HALL) E IL RESTO È VIHARA (MONASTERO).
Lo scavo e la creazione delle grotte sembra essere stato uno sforzo più comunitario nella fase precedente. Gli sforzi del gruppo hanno contribuito alla costruzione di varie parti delle grotte, dalle facciate alle singole celle. Successivamente, tuttavia, è stato caratterizzato dalla sponsorizzazione di influenti mecenati e feudatari locali. Le iscrizioni delle Grotte 4, 16, 17, 20 e 26 indicano che spesso caverne multiple erano costruite sotto la benevolenza di un unico protettore; esempi includono il re locale Risika Upendragupta, il primo ministro di Harisena Varahadeva e il monaco Asmaka Buddhabhadra. Il mecenatismo reale, tuttavia, non limitava la sua accessibilità ad una cricca esclusiva. Quindi, nonostante sia un imperatore Shaivaita (almeno al momento dell'adesione al trono), l'Harisena ha presieduto l'esecuzione di alcune delle più belle raffigurazioni delle leggende buddiste.
clip_image009

Stupa in Ajanta

POSIZIONE E LAYOUT

Mentre l'ambiente pacifico può essere auto-esplicativo della scelta iniziale di un insediamento monastico buddista, le grotte si trovavano anche vicino alle antiche rotte commerciali e alla capitale dell'Impero Satavahana, Pratishthana (attualmente Paithan, 130 km a sud di Ajanta). La regola era benevola, il commercio fiorì e le città prosperarono. Il buddismo era già popolare e buddisti bhikshu (monaci) viaggiarono attraverso l'altopiano del Deccan come emissari dopo il mecenatismo energetico dell'imperatore Ashoka (304-232 aC).
Le grotte di Ajanta non sono state scavate in isolamento, ma una serie di attività simili ha portato a un certo numero di complessi di grotte attraverso i Ghati occidentali. Alcuni di questi includono le grotte di Karli, Bhaja, Kanheri, Junnar, Nasik, Kondana e Pitalkhora. È del tutto possibile che l'ispirazione per queste grotte scavate nella roccia provenisse da una serie di strutture simili a Barabar e nelle colline Nagarjuni situate nel distretto di Jehanabad, 24 km a nord di Gaya. Questi furono costruiti durante il regno di Ashoka e suo nipote Dasarath (232 - 224 AC), che gli succedettero al trono.
La permanenza dell'architettura rock cut rispetto alle prevalenti strutture in legno autoportanti e al vantaggio di localizzazione di tali abitazioni erano argomenti potenti a favore di questi esperimenti. Il complesso di grotte di Ajanta comprende 30 grotte.Di questi, cinque (9, 10, 19, 26 e 29) sono chaitya (sala di preghiera con uno stupa all'estremità) e il resto sono vihara(monastero). Le caverne sono numerate in base alla loro relativa disposizione lungo la curva a ferro di cavallo in senso antiorario dall'estremità esterna e non secondo il tempo di scavo o scopo.
clip_image010

Murale, Ajanta Caves

PITTURE DI AJANTA

I murales Ajanta, a causa della loro intrinseca fragilità e dell'abbondanza di agenti umani distruttivi naturali e malefici, hanno subito danni considerevoli, spesso in modo irrevocabile. Nonostante le depredazioni, l'eccellente artigianato (in particolare nelle Grotte 1, 2, 16, 17) traspare ancora oggi attraverso le superfici contaminate e annerite. Le narrazioni fluiscono senza restrizioni da un muro di caverne a quello successivo con una flessibilità senza sforzo. Una profonda comprensione della natura e una profonda compassione infondono ogni tratto e ogni gesto con un ardore e una tenerezza che produce un'impressione indelebile nel cuore e nella mente di chi guarda. È un mondo di movimenti aggraziati e di "serena autocontrollo" (Coomaraswamy) lontano dall'arte personale dei tempi moderni. Portati alla vita da artisti senza nome, i murales tracciano l'atman (anima) oltre la verosimiglianza e le emozioni transitorie, rispecchiando la psiche sociale collettiva.
Sarebbe errato pensare che tutti i dipinti siano stati resi uniformemente. Perché ci sono variazioni di stile e lavoro di mani minori che vengono in contatto con lo chef-d'œuvre. Eppure l'equilibrio, i volti toccanti e i gesti espressivi hanno un significato infinito. Ciò include quei segnali della mano conosciuti come mudra che sono il core per lo yoga, la meditazione e il dramma della danza indiana.
L'arte di Ajanta è quella di una scuola. È importante ricordare che la ricerca dell'arte per l'arte non costituiva l'unico scopo e la ricerca della bellezza non era fine a se stessa. La grande arte religiosa di Ajanta attraverso tutta la sua sincerità e raffinatezza agisce come marcatori cruciali verso il viaggio interiore.

TECNICA DI VERNICIATURA

La superficie irregolare delle pareti della caverna è stata resa ancora più irregolare per fornire una presa salda all'intonaco di copertura costituito da terra ferruginosa, sabbia, sabbia, fibre vegetali, lolla di risone e altri materiali fibrosi di origine organica.Un secondo strato di fango, terra ferruginosa mescolata a polvere di roccia polverizzata o sabbia e fibra vegetale fine, contribuì a coprire l'intero interno della grotta. La superficie è stata quindi trattata con un sottile strato di lavaggio a calce su cui sono stati applicati i pigmenti. Ad eccezione del nero ottenuto dal kohl, tutti gli altri pigmenti erano di origine minerale. Terra verda o glauconite per verde, lapislazzuli per blu, caolino, gesso o calce erano di uso frequente.
Una delle peculiarità dei murales in Ajanta è che il potere di espressione dipende principalmente dalla rapidità dei suoi contorni. Le pennellate audaci e ampie ritraggono un'intimità e una sensibilità che, anche se i colori originali brillanti sono quasi sbiaditi, rivelano che si tratta di opere di menti abili e di mani sicure.
clip_image011

Immagine Jataka in Ajanta

SOGGETTI DI PITTURA

I racconti Jataka, composti da narrazioni relative a diverse incarnazioni del Buddha, formano un'abbondante fonte per un magnifico progetto della scala di Ajanta. L'umorismo caratteristico, la distinta gentilezza e serietà che caratterizzano queste tradizioni erano parte di una tradizione orale e seguivano indipendentemente dal credo o dalla fedeltà. La loro ampia adozione ad Ajanta dimostra un'accettazione già ampia tra preti e popolazione.
Mentre il Buddismo si è evoluto dalla precedente Hinayana alla fede Mahayana, le rappresentazioni e le pitture si sono trasformate. Nelle Caverne 9 e 10 l'Illuminato era rappresentato simbolicamente solo dall'albero della Bodhi, dalla paduka(scarpe di legno), dalla ruota, ecc. E non in modo pittorico. Nella fase successiva dello sviluppo, profondamente influenzata dal Buddhismo Mahayana, i murales reclutano un venerabile pantheon di esseri celesti tra cui Kinnara, Vidyadhara e Gandharva tra gli altri. Ajanta ci presenta quindi opportunamente una cornucopia di credenze, atmosfera intellettuale, cultura, istituzioni, economia, avventure e modi delle masse e della nobiltà per oltre mezzo millennio e oltre.

SCULTURE DI AJANTA

I paralleli tra i murales sulle pareti delle caverne e le sculture e i motivi scultorei che adornano Ajanta sono molteplici. Entrambi subiscono una trasformazione notevole durante le diverse fasi di sviluppo, entrambi traggono ispirazione dai magnanimi racconti Jataka ed entrambi sono ugualmente eloquenti attraverso gesti espressivi o la mancanza di essi. Il Buddha come lo yogi seduto è l'epitome del riposo e della stabilità e Buddha in abhaya mudra incoraggia una dignitosa sicurezza in se stessi.Oltre alle forme sedute, abbondano le posizioni in piedi di non minore variazione e significato, poiché tali sottili movimenti di mani e arti comunicano il pensiero impellente in sé molto più della successiva esecuzione o atto. Così l'imager indiano ha fatto ampio uso di questi movimenti gentili per un impatto potente.
Il buddhismo hinayana con la sua filosofia razionalista e l'esplicita proibizione delle raffigurazioni pittoriche del Buddha non avrebbero potuto ispirare un'arte metafisica paragonabile alla grandiosità della fase successiva. Quindi, al di là dei motivi simbolici e dello stupa (delle Caverne 9, 10), si osserva una piccola attività scultorea nelle caverne scavate nella fase precedente.
clip_image012

Scultura di Buddha ad Ajanta

Le sculture di Ajanta sono state intonacate e dipinte anche se oggi nessuna traccia di queste è invisibile ad occhio nudo. Il garbha griha (sanctum sanctorum) di ogni vihara contiene quasi invariabilmente nella postura seduta la figura del Buddha nel dharma chakra pravartana mudra (Buddha nell'atteggiamento di predicare che consegna il suo discorso). La colossale figura di Buddha nella Caverna 26 o le statue del Buddha che fiancheggiano l'ingresso di Cave 19 mostrano la versatilità nella scala e nella struttura narrativa che è ugualmente supportata da tratti delicati e forme delineate. La facciata della grotta 19 con i suoi pilastri e lesene intagliati in modo intricato, motivi decorativi su file di archi chaitya e altre peculiarità strutturali sono esempi meravigliosi dell'unisono di scultura e architettura in un insieme armonioso.

ARCHITETTURA DI AJANTA

Proprio come i murali e le sculture, anche gli elementi architettonici si sono evoluti continuamente sotto diverse influenze e motivazioni. In quanto Ajanta era un'applicazione di conoscenza ereditaria, era anche informata da un processo di costante scoperta e apprendimento, incorporazione di nuove idee e forme da altri siti come Bagh e un vocabolario artistico in continua evoluzione. L'architettura del complesso di grotte è unica perché riflette la competenza sempre migliore degli artigiani, educata in uno stile architettonico già molto sviluppato ma non familiare con il terreno scavato nella roccia. Ajanta nel suo pieno rigoglio rappresenta quindi un'integrazione riuscita dello splendore delle strutture contemporanee con le peculiarità e le potenzialità del mezzo basaltico.
Come accennato in precedenza, ci sono cinque chaitya nel complesso delle caverne, mentre il resto è vihara. Una chaitya è di forma absidale o rettangolare con navate laterali ai lati di una navata con un tetto a botte. Ogni corsia è separata da una fila di pilastri. La navata contiene uno stupa, l'oggetto di culto, all'estremità terminale. I primi chaityas imitavano meticolosamente le strutture in legno contemporanee, come si può vedere sulle decorazioni e sui pilastri del tetto a volta.
In contrasto con i primi stupa di Caves 9 e 10, quelli costruiti in date successive come nelle grotte 19 e 26 hanno un'immagine del Buddha scolpita sulla faccia anteriore. Un'altra caratteristica distintiva di Cave 10 è il suo ingresso ad arco singolo gigante e la facciata relativamente disadorna che lascia il posto a un piccolo portale con una finestra posizionata sopra. Facciate sapientemente decorate e portici con pilastri testimoniano un deciso spostamento delle attività architettoniche dalla prima austerità.
clip_image013

Ajanta Architecture

Un vihara, altrimenti chiamato sangharama, era una dimora monastica composta da una sala centrale con celle residenziali contigue. Le grotte 1 e 17 possono essere considerate l'esempio più rappresentativo di un vihara in pieno sviluppo. Un portico con pilastri o veranda con eleganti abbellimenti conduce a una sala centrale di lusso, un po 'squadrata, con le celle per i monaci tagliati ai lati. Più avanti, un'anticamera si collega al garbha griha che contiene un'immagine di Buddha. Quindi, si può dire che lo sviluppo architettonico procedeva da una forma sobria, anche moderata, sobria, a dei viharas a pilastri ambiziosi e riccamente ornati.
Gli agenti atmosferici naturali e la ritirata delle scarpate nell'ordine di 5-7 m nel corso dei secoli hanno lasciato il loro impatto devastante sul frontespizio di molte delle grotte e sono riusciti a eliminare tutte le scale (tranne alcune sotto la grotta 17) che collegavano ogni grotta a il flusso qui sotto.

CADUTA DI AJANTA

L'interruzione improvvisa delle attività in Ajanta inevitabilmente coincide con la morte prematura dell'imperatore Vakataka Harisena. Ma i semi per la distruzione furono seminati molto prima. Le province di Asmaka a sud di Ajanta, Anupa (dove si trovano le caverne di Bagh) a nord e Risika, che comprendeva Ajanta, erano domini ereditari di Harisena; non doveva conquistarli. Ciò spiega il fatto che nel giro di pochi anni dalla sua ascesa al trono, i lavori di scavo iniziarono sul sito con il patrocinio di diversi vassalli. Non è difficile supporre che la situazione fosse relativamente pacifica per i governanti vicini, nonostante avesse una storia bellicosa, mentre si riunivano per sponsorizzare i progetti nello stesso sito.
Questo, tuttavia, non durò a lungo. All'inizio del 469 CE, Asmaka iniziò una feroce battaglia con i signori Risika. Tutti i lavori ad Ajanta erano stati fermati dal 472 CE e questa sospensione è continuata fino alla fine del 474 CE quando l'Asmaka è uscita vittoriosa dalla battaglia. Da allora fino alla morte improvvisa di Harisena alla fine del 477 EV, furono fatti molti sforzi. Con la scomparsa dell'imperatore anche gli anni d'oro di Ajanta terminarono bruscamente; mentre il caos regnava sovrano sotto un inetto successore, i conflitti violenti scoppiarono sulla supremazia regionale e l'impero Vakataka implose in modo spettacolare.
Nel 480 EV tutti gli scavi erano cessati, la maggior parte degli avventori era stata detronizzata o espropriata dalla loro sede di potere. Dai suoni del cesellare e del canto, la vita era quasi tornata a un silenzio primordiale interrotto solo dal cinguettio degli uccelli o dal chiacchiericcio delle scimmie. Dopotutto, la fase successiva di crescita ad Ajanta era guidata da una dozzina o anche meno patroni di corte che speravano di ritagliarsi un monumento di magnifiche proporzioni e bellezza. A differenza dell'era precedente, dove si trattava di uno sforzo comunitario che ha posto le fondamenta di Ajanta, questo secondo sfogo era destinato a prosciugarsi con il cambio di fortuna della sua manciata di donatori. Alla fine, ciò che ha istigato la sua rapida espansione ha forzato anche il suo improvviso abbandono.
Dopo un intervallo di molti secoli, Ajanta è di nuovo fiorente con viaggiatori, studiosi e devoti provenienti da diversi continenti.Anche se non serve più allo scopo per il quale è stato originariamente costruito, ha qualcosa da offrire a chiunque possa trascorrere alcuni momenti in contemplazione tranquilla al chiuso. In conclusione, le seguenti parole del famoso archeologo tedesco Ernst Walter Andrae (1875 - 1956 DC), che si trovano in Keramik im Dienste der Weisheit, possono essere usate per descrivere in modo appropriato il significato dell'arte di Ajanta, "È il business di l'arte per afferrare la verità primordiale, per rendere udibile l'inudibile, per enunciare la parola primordiale, per riprodurre le immagini primordiali - o non è arte. "

Licenza

Articolo basato su informazioni ottenute da queste fonti:
con il permesso dal sito web Ancient History Encyclopedia
Il contenuto è disponibile sotto Licenza Creative Commons: Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported.Licenza CC-BY-NC-SA