Passa ai contenuti principali

Teufelsbrücke, il ponte del diavolo in Svizzera

Un sacco di antichi ponti in tutta Europa sono indicati come ponte del diavolo. Questi ponti sono stati costruiti in tali condizioni impegnative che il completamento del ponte richiesto uno sforzo eroico da parte dei costruttori e della Comunità, assicurando il suo status leggendario. Questo diavolo particolare ponte o Teufelsbrücke si trova attraverso la gola della Schöllenen, nella pittoresca valle del Reuss nel cantone di Uri, in Svizzera. Secondo la leggenda, era così difficile da costruire un ponte qui che un disperato pastore svizzero ha voluto che il diavolo sarebbe fare un ponte. Il diavolo è apparso e offrì di costruire il ponte, a condizione che l'anima del primo ad attraversare sarebbe dato a lui. Dopo il ponte è stato costruito, gli abitanti del villaggio outsmarted diavolo inviando una capra attraverso il ponte. Adirato per il trucco, il diavolo raccolto una grande pietra, al fine di distruggere il ponte a pezzi. Arrivando al ponte diavolo incontrò un'anziana donna che indossa una croce, che spaventa il diavolo facendogli cadere la pietra e fuggire.
teufelsbrucke-schollenen-gorge1
Il vecchio ponte del diavolo (sotto) e il nuovo diavolo di ponte (sopra) e la ferrovia Matterhorn-Gotthard. Foto di credito
Gola della Schöllenen è una via d'accesso importante e il più breve transito verso il San Gottardo, ma esso non è stato generalmente utilizzato fino all'inizio del XIII secolo perché si trattava di attraversare il fiume Reuss turbolento, gonfiato di neve sciolta durante l'inizio dell'estate. Nel 1230 fu costruito il primo ponte sul fiume. Era un ponte di legno e aveva bisogno di frequente manutenzione.
Nel XVI secolo, il ponte di legno è stato sostituito da un ponte in pietra ad arco. La strada era essenzialmente una mulattiera che consentito solo per il trasporto di merci da mulo, fino all'inizio del XIX secolo. Nel 1799, questo ponte ha testimoniato una delle battaglie più drammatiche della spedizione italiana e Svizzera di Suvorov che ebbe luogo durante le guerre napoleoniche. Durante questa battaglia il ponte venne gravemente danneggiato dalla ritirata dell'esercito francese. Il ponte ha dato via in una tempesta nel 1888.
Un nuovo ponte fu costruito nel 1820, e ci sono voluti 10 anni per completare, dimostrando la difficoltà del compito. Dalla metà del XX secolo, il secondo ponte non era più in grado di gestire il volume di traffico ricevuto, e dotato di due corsie venne costruito un ponte concreto, nel 1958 per accogliere il flusso più pesante. Il secondo ponte del diavolo, ancora oggi esiste ma non viene utilizzato.
Nel 1994, il governo svizzero ha emesso una moneta commemorativa per il Teufelsbrücke. Il dritto presenta una scena stilizzata del diavolo tenendo la pietra del diavolo – la Teufelsstein - si avvicina il ponte per smash. La roccia di 220 tonnellate, presumibilmente prelevata dal diavolo, è ancora lì, anche se ha dovuto essere spostato di 127 metri per fare spazio per il nuovo tunnel stradale del San Gottardo.
teufelsbrucke-schollenen-gorge8
Il ponte del diavolo nella gola della Schöllenen sulla strada attraverso il San Gottardo con un treno del mulo, prima 1805. Un dipinto dal pittore svizzero Peter Birmann (1758-1844). Foto di credito
teufelsbrucke-schollenen-gorge7
Il vecchio ponte del diavolo in una foto del 1934 di gola della Schöllenen. Foto di credito
teufelsbrucke-schollenen-gorge4
Foto di credito
teufelsbrucke-schollenen-gorge2
Foto di credito
teufelsbrucke-schollenen-gorge6
Pendente ponte della ferrovia Schöllenen vicino al ponte del diavolo. Foto di credito
teufelsbrucke-schollenen-gorge3
Il diavolo vecchio ponte foto di credito
teufelsbrucke-schollenen-gorge5
Foto di credito
Fonti: Wikipedia / Passo San GottardoTradotto dal sito: Amusing Planet

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…