Passa ai contenuti principali

Lo sguardo dell'educatore - Parabole per educare a valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


In un'occasione, un principe voleva sapere come egli guardò e loro tre amici saggi ha visto la realtà: lo scultore, biologo e docente. Per questo, egli stava citando separatamente accanto al vostro stagno del giardino e ha chiesto loro questa domanda:
-Dimmi, ciò che più attira l'attenzione dello stagno?
Lo scultore è stato a guardare tutti i dettagli e per un po', fermò i suoi occhi nel davanzale di marmo finemente scolpito.
-Cosa mi piace - dice convinto - è il parapetto che è splendidamente scolpito. Migliora soprattutto la bellezza del laghetto dando un tocco di sublime.
Il biologo ha notato il parapetto, ma i suoi occhi si fermò all'interno dello stagno. Per un po' stava guardando con acqua vera ammirazione, fiori di loto che si aprono su di lei, il piccolo pesce di colori che ha nuotato tra le alghe, gli insetti che volava sulla superficie... Sua risposta schietti:
-Il migliore dello stagno è la vita che bulle nelle sue acque.
Quando fu il turno dell'insegnante, ha iniziato come le due precedenti: anche notato il davanzale di marmo bello e, soprattutto, le acque. Dopo un po', ha detto:
-Il parapetto è bella e misteriosa vita che brulica nelle acque dello stagno. Ma ciò che più mi impressiona è la luce.
-Fare la luce? -Il principe ha chiesto sorpreso.
-Sì, senza dubbio, la luce. Guarda i giochi di luci ed ombre che mettono in risalto le caratteristiche del parapetto. Beh ho un look come i raggi di luce vengono filtrati sul fondo dello stagno e ci permettono di godere la vista. Luce rende tutto diverso al mattino, a mezzogiorno, la sera... E c'è ancora la cosa più importante: luce permette la vita che cresce e si trasforma in stagno. Domani tutto sarà diverso: imprevedibile è che ogni giorno si possono trovare in questo stagno. Perché luce aggiunge mistero alla vita.
Aiutare a scoprire la luce, guida la soggezione e mistero, che è la missione dell'educatore genuino. Il mistero è ovunque, molle dal cuore delle cose e degli esseri. Si impara a vivere in uno stato di SOGGEZIONE, stupirvi con natura, persone, vita, esistenza, il corpo stesso. Sorvolare un teologo brasiliano, Ana María Tepedino, il mistero della vita deve portarci a riconoscere il sacro in tutte le persone. Nelle donne e nell'uomo, nell'anziano e nel bambino sano e malato, il potente e indifesi. Nel trascendente nella vita quotidiana, nei cieli e sulla terra, nella scienza e nella
religione, nel corpo e nello spirito. Questo processo tenta di superare lo sfruttamento e l'esclusione e spostare verso l'inclusione, l'equità, uguaglianza e reciprocità nelle relazioni. Questa esperienza di equità con valori a tutti e permette che ciascuno essere scoprire e vedere riconosciuto il suo valore. Egli sente riconosciuto e amato è l'esperienza di fonte di vita crescere e svilupparsi. Ad amare, ad essere la fonte. Fonte per stabilire nuovi sociale ed ecologico, rispettoso e attento, amorevole e tenera relazione, al fine di combattere e superare le manifestazioni di dominio e di distruzione, per guarire le ferite della violenza, l'egoismo e l'indifferenza. "Sperimento prima il mistero che è di fuori di me e dentro di me, di cui faccio parte insieme ad altre persone e gli esseri della natura, in un rapporto di reciproco amore, intimità reciproca, che mi ispira a entrare in un processo vitale che cerca di esprimere in modo nuovo, dare e ricevere amore, permettendomi di guarirecreare, ricreare un altro, ricreando la natura, per ricreare il world"(Tepedino).
Educazione: insegnare a vedere e a guardare, ammirare, farsi prendere dal timore e mistero:

* * *

Eduardo Galeano racconta la storia di quel bambino che desiderava per incontrare il mare. Un giorno suo padre voleva piacergli e hanno intrapreso una voce lungo viaggio per mare. Hanno attraversato valli e montagne e, finalmente, dietro alcune dolorose dune di sabbia, mare li attendeva. Quando e ' esploso davanti ai loro occhi nella sua luminosità blu infinito, il ragazzo smarrito si aggrappò alla mano del padre e riuscì solo a dire:
-Papà, mi aiutano a guardare.

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…