La saggezza di riconoscere la propria ignoranza - Parabole per educare a valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


C'è una vecchia storia di un filosofo dell'antica Cina, che ha goduto il favore dell'imperatore. Egli era un uomo molto umile, e quando ha chiesto qualcosa che non sapeva, ha risposto immediatamente: "Non so".
In un'occasione, qualcuno che non riusciva a capire loro continue confessioni di ignoranza, ha detto:
- Ma, non paghi l'imperatore di quello che sai?
-Sì, certo - rispose il paziente umiltà - filosofo. Se pago per quello che non so, non raggiungono le ricchezze dell'Impero e il mondo.
"So solo che non so nulla," disse Socrate. Il vero saggio è molto consapevole della loro ignoranza, come il vero Santo è ben consapevole dei suoi difetti e debolezze. Chi sa poco spesso andare ostentando la loro conoscenza e serve visualizzare i loro diplomi e titoli che intende rivestire voi e coprire la vostra ignoranza e insicurezza. La chiave alla Sapienza è riconoscere l'ignoranza e sempre desideri imparare a confrontarsi con la sconosciuta, ricerca, indagare, voler sapere di più... È autentico educatore non uno che sa molto o ha un numero di titoli e gradi postlaurea, ma colui che sono in grado di risvegliare la curiosità degli studenti e le cause che loro fame per imparare, scoprire, crescere, vivere al meglio. Non li comunica sia la loro conoscenza, ma i loro desideri e competenze così essi possono acquisirle. Avventura con i suoi studenti l'apprendimento di tutti i giorni, diventa il salotto in un workshop, un laboratorio, un luogo di incontro e di convivenza, di costruzione di nuove conoscenze e valori, ricerca. Tutto questo è possibile solo se l'educatore vuole imparare, lui è un amante della vita e di insegnamento, è impegnata alla sua continua formazione e crescita, per così aiutare la crescita dei propri studenti:
Non mi instruyas, vive accanto a me; il fallimento è che essere identico a ti.
Non vi rendete conto
de que has querido combatir
la ignorancia
con la instrucción,
y que la instrucción
es la afirmación
de la ignorancia
porque destruye
la creatividad?
¿Por qué me impones lo que sabes, si quiero yo aprender lo desconocido
y su fuente en mi propio descubrimiento?
El mundo de tu verdad es mi tragedia; tu sabiduría, mi negación; tu conquista, mi ausencia; tu hacer, mi destrucción.
(Humberto Maturana).

* * *

-¿Cuál es su montaña preferida? -le preguntaron a aquel famoso andinista. -La que todavía no he escalado -respondió. -¿Cómo es eso?
-Sí, ella es la que me obliga a mantenerme en forma, a ejercitarme sin descanso, a ilusionarme. Impide que mi vida se vuelva una rutina y un mero recordar viejas glorias.
La verdadera sabiduría es también humilde, reconoce su pequeñez, y sólo así puede acercarse al misterio. Esto es lo que le enseñó un niño que jugaba en la playa al gran sabio San Agustín:

* * *

Un pomeriggio, Augustine camminato le spiagge bionde di ippopotamo, agitato dal desiderio di comprendere il mistero della Santissima Trinità. "Come era possibile che Dio fosse una a tre persone contemporaneamente?". La testa stava bruciando, idee e domande e non aveva occhi per vedere il mare o le orecchie per ascoltare le dolci onde che estendeva i suoi baci fino alla punta dei suoi sandali. Improvvisamente, vide che un bambino correva con una conchiglia di mare pieno di acqua e lo gettò in un pocito che aveva fatto nella sabbia con le sue mani. La salvia si fermò per guardare il bambino. Aveva capelli neri, ricci, sciamare felici nell'acqua, riempito il suo guscio e stato eccitato per gettare il pocito, che è riempito molto lentamente, perché la sabbia aspirata l'acqua.
Sant'Agostino è venuto al bambino quando era gettare acqua
bene.
Cosa stai facendo, piccolo?
-Sto buttando tutta l'acqua del mare in questo divario.
- Ma che è impossibile..--sorridere saltò Agustin saggio con una gara d'appalto e condiscendente. Il mare è molto grande, chilometri e chilometri di misura ed è anche molto profondo. Come pensi che stai per ottenere uno così grande in una cosa così piccola di pocito?
-È vero - disse il bambino rivolto verso di voi con Piccardia-, ma più piccola è la testa e si desidera mettere in esso un Dio che è infinito.

Tradotto per scopi didattici