Insegnanti - Parabole per educare a valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


Si formò il mio cuore per la libertà, per giustizia, per grande, per la bella. Ho seguito il sentiero che hai detto a me. È stato il mio pilota, anche se seduto su una delle spiagge in Europa. Non riesci a capire quanto profondamente le lezioni che mi avete dato hanno inciso nel mio cuore: non sono stato in grado di eliminare anche una virgola delle istruzioni grande che mi avete dato.
(Simon Bolivar)
19 gennaio 1824, essendo nella parte superiore della sua gloria, Simón Bolívar, liberatore, ha scritto da Pativilca (Perù) questa lettera al suo ex padrone, Don Simón Rodríguez. In esso egli riconosce e apprezza che fu suo maestro che piantate nel vostro cuore il desiderio e l'impegno per la libertà e la giustizia, che ha stimolato il suo grande cuore e da una vita frivola e sciocchezze. Rodriguez è stato, per Bolivar, un vero maestro.
Albert Camus, che come un bambino vissuto in Algeria una vita di lavoro e povertà, e che, tuttavia, è diventato un grande intellettuale e scrittore molto famoso che avrebbe ricevuto anche il premio nobel per la letteratura, ha voluto riconoscere un altro celebre lettera che tutto dovrebbe essere un insegnante molto speciale, il signor.
Germain. E così scrisse dopo aver ricevuto il premio Nobel:

* * *

Ho aspettato di andare fuori un piccolo rumore che mi ha circondato in tutti questi giorni prima di parlare di lui con tutto il mio cuore. Ho ricevuto un onore troppo grande, che io non ho cercato né richiesto. Ma quando ho sentito la notizia, pensavo che mia madre, quindi tu prima. Senza te, senza la mano premurosa che tendeva al povero bambino che ero, senza il suo insegnamento ed esempio, niente di tutto ciò non è accaduto questo. È di non dare troppa importanza a un onore di questo tipo. Ma almeno offre la possibilità di dirti quello che è stato e rimane per me, e si confermano che loro sforzi, il loro lavoro e il generoso cuore che avete messo in questo rimangono sempre vivi in uno dei loro piccola scuola che, nonostante gli anni non ha cessato di essere suo allievo riconoscente.
Abbraccio con tutte le mie forze,
Albert Camus.

* * *

Nel suo romanzo postumo, il primo uomo, Camus ha voluto immortalare la memoria del suo maestro e ha scritto una bella pagine dove ricorda la
avventura sorprendente e gioiosa che erano generi di Mr Germain:

* * *

Poi è arrivata la classe. Con il signor Germain era sempre interessante per il semplice motivo che egli amava con passione il suo lavoro... La scuola ha dato loro alcune gioie incredibili, e senza dubbio che così appassionatamente amato era quello che non ha trovato a casa, dove povertà e ignoranza ha reso la vita più difficile, più desolati, come chiuso in se stesso; la miseria è una fortezza senza ponte levatoio...
No, la scuola che non solo offre una fuga dalla vita familiare. Nella classe del signor Germain, almeno scuola alimentato una fame più essenziale per il bambino ancora per l'uomo, che è la fame per scoprirle. Nelle altre classi insegnato loro senza dubbio molte cose, ma un po ' come si innesca un'oca. Loro hanno presentato un alimento pronto chiedendo loro che avevano buon ingoiarlo. Nelle classi del signor Germain, feltro per la prima volta che esisteva e che erano soggette a più alta considerazione: ritenuto li degno di scoprire il mondo.
Se il tuo cuore batte più veloce
vedendo i tuoi studenti,
Se ogni persona è a te
un essere che deve essere coltivata,
Se ogni ora di lezione è fuggito veloce,
Se si desidera più il tuo lavoro ogni anno che passa,
Sì le inevitabili difficoltà
si sta sorridendo,
Se genitori e bambini
dicono che sei gentile,
Se la vostra giustizia sa mettere su amore,
Se la lotta contro il male, ma non il peccatore,
Se sapendo che tanto non ti pare saggio,
Se sai a cosa che pensavi di che sapere, rivisitare
Se invece di mettere in discussione,
so sopra tutti rispondono,
Se sai di essere un bambino rimanendo maestro,
Se la bellezza sai vi sorprenderà,
Se la tua vita è una lezione e il silenzio della parola,
Se gli studenti vogliono assomigliare a ti,
allora...
TU SEI IL PADRONE. 

Tradotto per scopi didattici