Il crollo di Maya classico | Storia antica e Storia delle Religioni

da Mark Cartwright
Il periodo classico terminale in Mesoamerica tra c. 800 e 925 CE vide una delle civiltà più drammatiche crolli nella storia. All'interno di un secolo o così fiorente civiltà classica Maya cadde in un declino permanente, così che una volta grandi città erano abbandonato e lasciato in rovina, in molti casi, di essere recuperata dalla giungla e così sparire dalla memoria umana per secoli. Alcune città Maya del Nord, al contrario, prosperò come mai prima in questo periodo, come hanno fatto i Maya lungo la costa del Golfo e altopiani centrali del Messico; Tuttavia, per la maggior parte dei Maya nelle pianure del sud, il periodo è stato a dir poco disastro e, come lo storico che descrive M.E. Coe, 'questo è stato sicuramente una delle più profonde catastrofi demografiche e sociali di tutta la storia umana'. La domanda, quindi, che ha preoccupato gli studiosi fin da quando la ri-scoperta nel XIX secolo CE di misteriose rovine costruito da, al momento, un'altrettanto misteriosa civiltà, è perché questo accade? Di seguito sono alcune delle ragioni presentate dagli storici oggi per quanto riguarda solo ciò che ha causato una tale inversione drammatica Fortune.
clip_image001
Tempio a Tulum di Catherwood

Teoria & fatti

All'inizio nello studio del Maya crollo ogni sorta di teorie sono state presentate esattamente che cosa era successo, alcune più plausibili di altre. Malattia, una rivoluzione sociale, siccità, carestia, invasione straniera, sovrappopolazione, rottura nelle rotte commerciali, terremoti e uragani anche erano responsabili. Purtroppo, le iscrizioni lasciate dai Maya si sono stranamente silenziose sul tema. Per trovare la risposta, quindi, noi dobbiamo ricostruire il passato a partire da quello che sappiamo. Dalla metà al tardo VIII secolo D.C., le relazioni tra città-stato deteriorarono. C'è stato un declino nel commercio e un aumento nei conflitti armati. Sappiamo che il tasso di mortalità aumentato in questo periodo e da 830 CE nessun nuovi edifici furono costruiti nella zona centrale di Maya. Come appassionato di scrittura date loro monumenti e le stele Maya, è interessante notare che nessun date dopo c. 910 CE sono visti nei siti bassopiani.
Dalla metà al tardo VIII secolo CE le relazioni tra città-stato si è deteriorato. C'è stato un declino nel commercio e un aumento nei conflitti armati.
Ci sono anche prove di grandi aree diventando completamente spopolati e dinastie reali e élite scomparire senza lasciare traccia. Infine, possiamo dire che il crollo era né unica - più piccola scala abbandono delle città Maya, si ebbe nel corso dei secoli - parecchie volte prima, né era un improvviso ma piuttosto un processo di declino che si è verificato in un periodo di 150 anni tra c. 760 e CE c. 910. Tale un lento declino sembrerebbero attraversare largo delle pandemie malattia elenco e catastrofi naturali, come terremoti, come fattori nel crollo. Ulteriormente, in entrambi i casi popolazioni tendono a recuperare in tempi relativamente brevi, mentre le pianure di Maya erano mai significativamente ripopolate.
Poi dobbiamo anche considerare che cosa non sappiamo circa la civiltà Maya, come diverse congetture e interpretazioni di questi punti possono colorare i motivi proposti per il crollo. Non sappiamo con grande precisione le figure della popolazione nel periodo tardo classico. Non sappiamo esattamente come i Maya d'allevamento, come produzione agricola è stato gestito e controllato, o se il commercio di questi prodotti era locale, regionale o anche cross-culturale. Questi sono i fatti della materia e lo stato più recente della conoscenza in materia; Esaminiamo ora le varie teorie di come la Maya è arrivato a questa situazione.
clip_image002
Glifi maya

Quali cause civiltà al collasso?

In primo luogo, è stato fruttuoso notare il processo del crollo in altre civiltà, come l'impero romano. Differenze nel tempo, geografia e circostanze significano nessuna correlazione dirette sono possibili, ma l'eccezionale punto di somiglianza è che nessun singolo fattore rappresenta il crollo di una grande civiltà. Forse un'altra somiglianza nel complesso processo che ha portato la rovina degli altri imperi è il disprezzo generale dei governanti per le risorse a loro disposizione e il benessere del popolo che essi governarono a lungo termine. Questo era anche il caso con i Maya? Il periodo precedente il crollo Maya è certamente caratterizzato da progetti di costruzione stravagante, improduttive guerre e sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, soprattutto terra, foreste e acqua. Una sempre crescente popolazione potrebbe bene hanno guidato Maya per disboscare le zone che sono state successivamente erosa. Un caso che evidenzia l'esaurimento di risorse è il curioso cambiamento in legno utilizzato negli edifici Maya. Sapodilla è stata scelta dall'architetto prima CE 740s per dettagli come architravi, ma fu poi sostituito da legno inferiore dell'albero più piccolo campeggio. Sapodilla ha fatto qualcosa di un comeback, ma travi non sono mai sono lo spessore come in precedenza. Maya aveva esaurito il loro approvvigionamento di Sapodilla? Aveva l'albero recuperato nel tempo o ha fatto Maya anche istituire aree protette specificamente coltivare l'albero?

Tre fattori principali

Maya storici generalmente si sono stabiliti su una combinazione di tre fattori principali che potrebbe aver causato il crollo di Maya: guerra tra città-stato, sovrappopolazione e siccità. I fattori non erano sempre contemporanea o trovato tutti insieme in una sola città.
Guerra è stato parte della cultura Maya per secoli, ma la sua intensificazione e scala aumentata prima del crollo, così che la città ha cominciato a costruire le fortificazioni. In precedenza, guerra era stato spesso token, in quanto la sconfitta potrebbe provocare solo un piccolo numero di figure importanti presi come prigionieri. Il periodo tardo classico, la guerra sembra sia stato molto più dannosa per tutti i soggetti coinvolti. La conquista del territorio e l'acquisizione di un gran numero di vittime sacrificali ora è diventato una priorità - l'ex forse per aumentare la produzione agricola e di acquisire risorse e quest'ultimo per placare i dèi e tornare ai tempi più stabili dei secoli precedenti. La presenza di un gran numero di teste di freccia a determinati luoghi è un'ulteriore prova che la vita nelle città stava diventando più precario.
clip_image003
Presentazione di prigionieri di un sovrano Maya
Ci potrebbe anche essere stato una minaccia militare da Stati esteri. Sostiene la teoria dell'invasione sono diversi reperti archeologici, in particolare a Ceibal, dove una figura conosciuta come raffigurato 'Wat'ul' che ha un non-Maya distintamente baffi e acconciatura ma chi indossa costumi Maya; stele con glifi che non sono Maya; una figura in una maschera di Ehecatl; il Dio del vento del Messico centrale; e la presenza di ceramica Fine arancio dalla costa del Golfo. Tuttavia, tale evidenza sembra scarsa per quello che ci si aspetterebbe di trovare se il crollo era giù a straniera invasione e, significativamente, poche città visualizzare prove di distruzione deliberata.
Sovrappopolazione bene può mettere uno sforzo insopportabile sulla produzione agricola, i Maya erano in grado di gestire. Sempre più evidenza archeologica dimostra che la città Maya e insediamenti periferici erano molto più densamente popolati di quanto immaginato in precedenza. Peggio ancora, prove scientifiche indicano chiaramente che le pianure di Maya subirono una serie sostenuta di siccità tra c. 800 e attorno al 1050. Tuttavia, dovrebbe essere notato che non tutte le città soffriva di siccità, come alcuni laghi e fiumi mai prosciugati completamente. Per le regioni che hanno sofferto una carenza d'acqua, la mancanza di pioggia e coltura ripetuta fallimenti fanno interamente concepibile che entrambi i livelli più bassi della società - 90% della popolazione erano contadini - o forse più probabile, non-sentenza élite, si ribellò contro la classe dirigente, che più non potrebbe giustificare il loro ruolo come protettori della società e intermediari con la divinità come Chahk il Dio della pioggia. Con il conseguente collasso della struttura sociale e delle infrastrutture della città, chi potrebbe potrebbe benissimo hanno migrato a nord e sud e le cronache coloniali prime scritte in Yucatan Maya descrivono infatti una 'grande discesa' e un 'discesa minore'. Non non c'è nessun record archeologico di tale popolazione grande movimento, solo che dopo il crollo, i 60.000 miglia quadrate delle pianure Maya era deserta.

CONCLUSIONE

La spiegazione più ragionevole, quindi, per il crollo della civiltà Maya è una combinazione di fattori interconnessi. Guerra, disordine sociale, la sovrappopolazione e condizioni climatiche avverse combinato, forse non tutti insieme e nei vari livelli e con diversi tempi e sequenza a seconda della località, a porre fine all'ordine stabilito delle pianure meridionali Maya.
Come già indicato, il crollo classico del Maya non era la fine della cultura Maya. Città del Nord e quelli negli altopiani del Messico e Guatemala è sopravvissuto fino alla conquista spagnola e ancora oggi 7 milioni di persone parlano maya in Mesoamerica. La cultura Maya ha sofferto un colpo terribile, ma non scomparvero completamente. Nel vuoto di potere e sinistra generale sconvolgimento sociale dal crollo, un gruppo ha colto l'occasione per realizzare la dominanza regionale: questa era la civiltà tolteca, e furono loro che vuoi passare il testimone della cultura mesoamericana, che aveva cominciato con gli Olmechi, stato perfezionato dai Maya e finirebbe con gli Aztechi.

Inserito da Mark Cartwright, pubblicato il 18 ottobre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • COE, M.D. Maya. Thames & Hudson, 2011.
  • Miller, M.E. arte della Mesoamerica. Thames & Hudson, 2012.
  • Nichols et al., il manuale Oxford di archeologia mesoamericana. Pressa dell'Università di Oxford, 2012.
  • Phillips, c. l'enciclopedia illustrata di Aztechi, Maya & America centrale - tra cui gli Aztechi.... Lorenz Books, 2007.
Tradotto dal sito: Ancient History Encyclopedia