Passa ai contenuti principali

Il Cocuyo - Parabole per educare a valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


Hanno le vecchie storie che, all'inizio del tempo, gli indigeni erano completamente neri, così Dio li aveva creati. Vivevano felici e di notte potrebbero attaccare senza problemi per i vermi e difendere di rospi che non sono mai sono in grado di catturarli, perché essi non li vedo.
Una notte che un bambino si è perso nella foresta e come tenebre girato più spessa, ha cominciato a piangere con disperazione. Il cocuyo voleva aiutare, ma come?. "Se almeno avesse un match alla luce la sua strada... "
Poi ha cominciato a volare nel cielo e quando egli salì al trono di Dio, lo pregò:
-Dammi un match alla luce il modo di un bambino che è stato perso nella foresta.
E Dio si accese un fiammifero. Ma quando il cocuyo voluto cogliere, quasi bruciando le ali.
-Non posso aiutare il bambino con un fiammifero. Molto caldo, ho bruciato la
Ali.
Poi, Dio ha cominciato a pensare e dice che il cocuyo:
-La soluzione è che si diventa una luce - e toccando il suo addome, fatto è fosforescente.
Il cocuyo è venuto dove era il bambino e ha cominciato a volare davanti a lui. Così il bambino potrebbe trovare il modo di tornare a casa.
Da quel giorno, l'indigeno volanti di notte, l'illuminazione come se fossero stelle con le ali, per guidare tutti i bambini che scompaiono.
In materia di istruzione, per illuminare percorsi, è necessario diventare luce. Essere luce è di essere esempio, modello che può illuminare i sentieri della vita.
Vuoi sapere la differenza tra chi istruisce ed educa chi? Che incarica parla del fuoco o forse addirittura dimostra una torcia. Che educa diventa torcia. Il maestro autentico è un hombre-vela che sta consumando a luce e calore agli altri, per dare nuova luce di speranza brillare nel buio del loro cuore:
Guardo la realtà.
Vedo un fuoco del dolore
Si estende dalla terra,
e foglie un grido dal fuoco.
Sto ancora guardando. Il calcinato a terra vedo spuntano il sogno verde di una nuova umanità.
Aspetto più profondo. Una sfida al disincanto che vedo unendo le mani il potere di creare il sogno.
E in fondo tutto, piangere, dormire, forza, ti vedo a ti, Dio incarnato per nutrire il nuovo futuro.
(Benjamín González Buelta)
Dio è con noi, accompagna i nostri passi, quindi non perdere mai speranza:

* * *

All'inizio del tempo ci sono stati milioni e milioni di stelle nel cielo. Li aveva tutti i colori: bianco, argento, verde, oro, giallo, rosso, blu...
Un giorno, si avvicinata Dio inquieto e gli disse:
-Signore Dio, vorremmo scendere a terra e vivere con gli uomini e le donne che lo abitano.
-Se lo si desidera, così sarà - ha detto loro Dio - e dicono che quella notte è caduto sulla terra una bella pioggia di stelle.
Alcuni rannicchiati nei campanili delle chiese, altri misti con le lucciole nella foresta, alberi e fiori, gli altri erano nascosti in giocattoli e da quella notte tutto il paese è stato splendidamente illuminato.
Tuttavia, quando essi stavano passando il tempo, le stelle decisero di ritornare al cielo e lasciarono la terra scura e triste.
-Perché sei tornato? -Dios ha chiesto come sono arrivati alla
cielo.
-Signore, non era possibile rimanere più a lungo sulla terra. C'è molto egoismo, la miseria, l'ingiustizia e la malvagità.
Allora il Signore disse loro:
-Siete di destra. Qui, vi appartengono al cielo. La terra è il luogo del transitorio e imperfetto. Il cielo è il luogo della perfezione ed eterno, dove nulla erra o perire.
Quando ottengono tutte le stelle, Dio disse loro e ho notato che uno era manca. "Avrebbe esso perso lungo la strada?"
Allora, ha detto a Dio un angelo:
-No, Signore, non è perso. Ha deciso di rimanere con gli uomini e le donne della terra. Si rese conto che lei diretta dovrebbe dove regna l'imperfezione, dove le cose non stanno andando bene, dove c'è dolore, ingiustizia, povertà e morte.
-Che stella è? -chiesto Dios molto incuriosito.
-È la stella verde, Signore, quello della speranza.
E quando sono tornati i suoi occhi a terra, videro stupito che la stella non era da solo e su tutta la terra fu illuminata nel cuore di ogni uomo e ogni donna brillava una stella verde, la luce della speranza, l'unica stella che Dio non ha bisogno e che dà senso alla vita sulla terra.

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…