I Goti | Storia antica e Storia delle Religioni

Definizione

di Joshua J. Mark
clip_image001
I Goti erano una tribù germanica che frequentemente citati per la loro parte nella caduta dell'Impero romano e la loro conseguente ascesa al potere nella regione del Nord Europa, inizialmente in Italia. Essi fanno riferimento in primo luogo da Erodoto come gli Sciti, ma dovrebbe essere notato che Erodoto era incline a spazzare le definizioni di persone da lui considerati "barbari" e forse designato i Goti come "Sciti" semplicemente perché vivevano nelle regioni che circondano il Mar Nero, tradizionalmente territorio di scita. Studiosi moderni ha rifiutato l'identificazione dei Goti con gli antichi Sciti. La fonte primaria su storia gotica è Jordanes' Getica (vi secolo D.C.), che presenta una versione metà-mitica della storia di queste persone, di lavoro e così il suo conto è accettato attentamente da alcuni studiosi e completamente respinti da altri. Lavoro di Jordanes' era una distillazione e la sintesi di un lavoro molto più lungo, ora perduto, da Cassiodoro, un funzionario romano che ha servito alla Corte del re dei Goti Teodorico il grande (c.454-526 D.C.), ed è generalmente accettato che Cassiodoro inventato gran parte della sua storia per legittimare il Regno di Teodorico dando i Goti un illustre passato. Dove i Goti originariamente provenienza è sconosciuta.
L'eredità dei Goti è difficile da determinare, fino a quando ci si accorge che senza di loro, il mondo moderno non esisterebbe.
Nella storia romana in primo luogo compaiono in Pliny conto il vecchio (c. 75 CE) di viaggi l'esploratore Pitea nel nord Europa e la sua interazione con la gente che ha chiamato il Gutones, una tribù germanica, identificata come i Goti (un'identificazione ulteriormente supportata dall'account di Tolomeo, uno scrittore che visse poco dopo Pliny). I Goti sono date abbastanza vasto trattamento in tacito Germania (98 CE), dove sono descritti in dettaglio e sono ulteriormente affrontati da scrittori più tardi come Ammianus Marcellinus (c. 390), che ha scritto una continuazione delle storie di Tacito. Successivamente furono definiti da Cassiodoro e classificati come "Visigoti" (Goti occidentali) e "gli" Ostrogoti (Goti orientali), ma essi non originariamente fanno riferimento a loro stessi di queste denominazioni. L'affermazione che i Visigoti erano originariamente governati da una famiglia di nome Balthi (o baltici) e gli Ostrogoti di illustre famiglia Amal sembra avere qualche verità ad esso ma sono pensato per avere stato arricchito su Cassiodoro o, forse, Giordane.

Migrazione & possibile origine

Giordane, che aveva un patrimonio gotico, sostiene che i Goti venivano dalla Scandinavia, scrivendo:
Ora da questa isola di Scandza, a partire da un alveare di gare o un grembo delle Nazioni, i Goti sono dice che sono venuti avanti tempo fa sotto il loro re, Berig per nome. Appena hanno sbarcato dalle loro navi e mettere piede sulla terra, hanno subito dato il loro nome al posto. E anche oggi si dice per essere chiamato Gothiscandzan (57).
Storici come Peter Heather hanno identificato Gothiscandza con Gdansk in Polonia moderna, e questa teoria è generalmente supportata da prove archeologiche, anche se non è accettato da tutti gli studiosi, in particolare Michael Kulikowski. Kulikowski afferma che, poiché Giordane è l'unica fonte abbiamo sulla migrazione e la storia gotica, e dal momento che gran parte del lavoro di Jordanes' è sospetto, deve essere respinta la teoria della migrazione dalla Scandinavia. Heather sostiene, tuttavia, che "c'è ancora più di buona qualità prove per stabilire che la migrazione germanica del Nord era un fattore importante nella rivoluzione strategica del terzo secolo" (114). Egli sostiene inoltre che questa migrazione avrebbe preso luogo secoli prima che i Goti è venuto a giocare il loro ruolo fondamentale la caduta di Roma e lo sviluppo del Nord Europa. Se uno accetta l'origine scandinava dei Goti dipende da quanta fede uno ha l'interpretazione delle testimonianze archeologiche e giordane.
Kulikowski contends that the claim for the Goths originating north of the Black Sea is a "text-hindered fantasy", meaning that archaeological evidence has been interpreted to fit Jordanes' account instead of being evaluated on its own merits (Heather, 113). This debate is on-going and, presently, no new evidence has come to light to fully substantiate one side or the other. While it is probable that modern-day Gdansk is the ancient Gothiscandzan, it cannot be proven conclusively, even though the discovery in 1873 CE of over 3,000 Gothic tombs in Eastern Pomerania, Poland (dating between the 1st and 4th centuries CE) argues in favor of the claim. This find, the so-called Wielbark Culture (named for the Polish village where the tombs were discovered), is also subject to the same controversy addressed above, in that those historians who argue in favor of Jordanes' account claim vindication while, those who do not, argue that the site has simply been interpreted in light of the acceptance of Jordanes' work. The historian Walter Goffart supports the view that one should not interpret archaeological evidence in the context of Jordanes' work because it is simply unreliable. In Goffart's view, there is no "history of the Goths" prior to their association with Rome and the accounts of them given by Roman writers. Goffart states:
Un racconto storico rigorosamente controllato presuppone un certo minimo di prove, piuttosto che una serie di ipotesi e combinazioni; per quanto si voglia di scrivere la storia antica dei Goti, la base documentaria per fare così è assente (8).
Se hanno migrare da a nord del Mar Nero all'Europa orientale, poi, ad un certo punto, si sono mossi sud popolare la regione della Germania.

Il priore di Goti agli impegni con Roma

Lo storico romano Tacitus, che per la prima volta i Goti in Germania, li descrisse come una gara coesiva del popolo germanico, indigeni nella loro terra, che erano combattenti feroci. Egli scrive:
Concordo nel parere con coloro che ritengono i tedeschi mai di avere stabilirono con altre nazioni; ma per essere una gara, pura, non miscelata e timbrata con un carattere distinto. Da qui una somiglianza familiare pervade tutto, anche se i loro numeri sono così grandi: occhi stern e blu; rubicondo capelli; grandi corpi, potenti in sforzi fisici improvvisi, ma impaziente di fatica e di lavoro, meno di tutti in grado di sostenere la sete e calore. Freddo e fame, che essi sono abituati da loro clima e terreno a sopportare.
Anche il ferro non è abbondante fra loro; come può essere dedotto dalla natura delle loro armi. Spade o lance ampi sono raramente utilizzati; ma portano generalmente una lancia, chiamata in loro lingua framea, che ha una lama di ferro, corta e stretta, ma così tagliente e gestibile, che, come occasione richiede, impiegano esso sia nel combattimento vicino o lontano.
Questa lancia e scudo sono tutti l'armatura della cavalleria. I piedi hanno, inoltre, missile armi, diversi per ogni uomo, che si scagliano a un'immensa distanza. Sono entrambi nudi, o leggermente coperto con un mantello di piccolo; e non avere nessun orgoglio in equipaggio: solo i loro scudi sono ornati con i colori più eletti. Pochi sono forniti con una cappotto di posta e a malapena qua e là uno con un casque o casco. I cavalli non sono né notevole per bellezza né rapidità, né sono hanno insegnato le varie evoluzioni praticate con noi. La cavalleria che sia orso giù dritto in avanti, o ruota una volta a destra, in un corpo così compatto che nessuno è lasciata alle spalle il resto. La loro forza principale, nel complesso, consiste nel loro fanteria: quindi in un impegno questi sono mescolati con la cavalleria; così bene citarli con la natura di combattimenti equestri è l'agilità di quei soldati, che seleziona da tutto il corpo della loro giovinezza e posto nella parte anteriore della linea.
Nell'elezione dei re che hanno riguardo alla nascita; in quello di generali, al valor. Loro re hanno non un potere assoluto o illimitato; e loro generali meno attraverso la forza dell'autorità, il comando più di esempio. Se sono audace, avventuroso e cospicua in azione, essi procurare obbedienza da essi ispirano ammirazione.
I tedeschi non trattare nessuna attività, pubblico o privato, senza essere armati: ma non è consuetudine per qualsiasi persona ad assumere le braccia fino a che lo stato ha approvato la sua capacità di utilizzarli.
Nel campo di battaglia, è vergognoso per il capo a superato in valor; è vergognoso per i compagni non al pari loro capo; ma è irreprensibile e infamia durante un intero riuscendo a vita per ritirarsi dal campo lui sopravvivere.
Durante gli intervalli della guerra, che passano loro tempo meno caccia rispetto in un riposo pigro, diviso tra il sonno e la tabella. Tutti i più coraggiosi guerrieri, commettendo la cura della casa, gli affari di famiglia e le terre, per le donne, uomini vecchi e la parte più debole dei domestici, stupire se stessi nell'inazione. Loro bevanda è un liquore preparato con orzo o frumento portato da fermentazione per una certa somiglianza con del vino (Germania, 17).
Questa descrizione si adatta con i conti più tardi dei Goti, ma gli storici suggeriscono cautela nell'accettare che i Goti successivi erano le stesse persone come quelle Tacito scrisse di. Come la tribù di Alemanni, l'identità tribale dei Goti è pensato per avere subito una trasformazione tra il 1 ° secolo D.C. quando Tacito scrisse e il terzo e quarto secolo CE, quando molti degli altri account sono date. Heather scrive:
Tutti i gruppi germanici al cuore del successore dichiara all'impero romano in questa epoca - Goti, franchi, Vandali e così via - può essere indicati per essere nuove unità politica, creato in marcia, molti di loro reclutamento da una vasta gamma di fonti di manodopera, alcuni dei quali non erano parlando anche germanica. L'unità politica formata dai Germani nel primo millennio non erano così gruppi chiusi con storie di continue, ma entità che potrebbe essere creato e distrutto e che, tra, aumentato e diminuito nel formato secondo la circostanza storica (20).
Quei Goti che più tardi sarebbe alleati con o contro gli Unni, che hanno combattuto per e contro Roma, potrebbero non essere la stessa gente che Tacito descrive ma, a differenza di Alemanni, sembra che ci sia maggiore la probabilità che essi erano, come le successive descrizioni sembrano corrispondere abbastanza di quelli precedenti. Nella religione, per esempio, i Goti descritti da Tacito praticavano lo stesso tipo di paganesimo nordico, tribale che più tardi fu difeso dal gotico re come Atanarico nel IV secolo CE. La venerazione degli antenati, un apprezzamento per la natura e riconoscimento di luoghi sacri naturali e totem tribali erano tanto una parte del 1 ° secolo gotico religione come era per i Goti successivi fino all'arrivo del cristianesimo.

Lingua & religione

Lingua gotica è conosciuta attraverso la traduzione di Ulfila missionario della Bibbia dal greco in gotico c. 350 CE. Il linguaggio è stato teutonico in natura ma sembra avere differiva significativamente dalle altre lingue germaniche parlate nella regione. Traduzione della Bibbia gotica si basa sulla onciale greco (una forma di script che usa solo lettere maiuscole), cui Ulfila attinto per creare la sua Bibbia usando rune gotiche. Se la lingua era stato scritto prima è sconosciuto e, poiché nessuna prova sopravvive ad eccezione di frammenti della Bibbia di Ulfila, questa domanda non può essere risposto. Molti studiosi ritengono, tuttavia, che Ulfila fu il primo a fare una registrazione scritta della lingua parlata.
Gli sforzi di Ulfilas, naturalmente, erano per proseguire la sua opera missionaria tra i Goti; sforzi che non sono stati apprezzati da molti Goti e, soprattutto, la leadership di Goth. La religione dei Goti prima della venuta del cristianesimo, come notato, era un paganesimo nordico che enfatizzava la vicina presenza degli spiriti della terra, di uno antenati e il primato degli dèi norreni. Cristianesimo ha presentato una visione completamente diversa dell'universo con un unico Dio, alto nei cieli, che aveva mandato il suo figlio sulla terra per redimere le anime dell'essere umano. Come il cristianesimo è stato visto come una "religione romana" e una minaccia al patrimonio e al modo di vivere il Goth, il gotico leader ha preso misure per fermare il lavoro missionario tra loro persone; Queste misure prese solitamente la forma di brutali persecuzioni. Anche se le persecuzioni girerebbe gotiche famiglie contro l'altro e possono avere svolto un ruolo significativo nella successiva guerra civile gotica, gotica autorità sembrano li hanno considerato vale il costo per tenere a bada l'influenza di Roma.

I Goti & Roma

La prima invasione gotica di Roma ebbe luogo nel 238 CE quando hanno attaccato la città di Histia, nell'odierna Ungheria, che era parte dell'Impero romano dal 30 CE. Che cosa ha spinto i Goti a questa invasione non è pienamente compresa ma, più probabilmente, era semplicemente la debolezza dell'Impero a quel tempo che ha fatto città provinciale come Histia destinazioni attraenti per i Goti e altre tribù a causa di romano incapacità di rispondere con la forza militare che avevano una volta. Roma, in questo momento, stava attraversando un periodo noto come la crisi del III secolo (235-284 D.C.), in cui l'impero era in uno stato di agitazione costante che ha portato in esso effettivamente spezzarsi in tre regioni distinte. Qualunque fosse la loro motivazione iniziale, i Goti continuarono a compiere ulteriori incursioni in territorio romano. Prossimi decenni sono stati contrassegnati da un numero di gotiche vittorie contro i Romani, come presso la battaglia di Abrittus 251 CE, dove i Romani furono completamente sconfitti e l'imperatore Decio e suo figlio, entrambi uccisi in battaglia. I Goti razziavano le regioni costiere ed anche con una neonata Marina, praticavano la pirateria. A questo punto della loro storia, i Goti erano considerati dai romani come meno umana e più come parassiti pericolosi. Lo storico Herwig Wolfram descrive la vista romana di "barbari" in generale e dei Goti in particolare nel III secolo D.C. questa convenzione:
Sono barbari; loro lingua non suona umana, più come balbuzie e mero rumore. I barbari parlano diverse lingue anche tutti in una volta o fianco a fianco, nei loro occhi lingua non è nessun criterio di appartenenza tribale. Sotto l'assalto delle loro canzoni orribili il metro classico del poeta antico va a pezzi. La loro religione è superstizione, e anche se non effettivamente pagano, è appena più corrotti cristianesimo, eresia e peggio. Per i barbari non possono pensare né agire razionalmente; controversie teologiche sono greche a loro. Se si avvicina una tempesta, temono i cieli stanno crollando, rinunciare a qualsiasi vantaggio possono avere sul campo di battaglia e fuggire. Allo stesso tempo, essi sono dominati da un desiderio di morte orribile: essi in realtà vedo l'ora di morire. Anche loro donne partecipano alla battaglia. Barbari sono guidati da spiriti maligni; Essi sono posseduti dai demoni che li costringono a commettere gli atti più terribili. Barbari semplicemente assomigliano ad animali più di quanto facciano gli esseri umani, ha concluso contemporanei, chiedendosi se i barbari condivisi nella natura umana a tutti (6).
Mentre i Goti possono essere stati considerati esseri inferiori dai Romani, che non si è fermata la Roman Army dal loro reclutamento nei suoi ranghi. I Goti combatterono a fianco dei Romani nelle Guerre Romano-persiane e furono coinvolti nella battaglia di Mesiche nel 244 D.C., che si concluse con una sconfitta romana e cresciuto Filippo l'arabo al potere a Roma. La narrazione storica accettata dei Goti sostiene che poi continuamente fecero incursioni in territorio romano, anche mentre loro parenti stavano combattendo con le forze romane e infine ha contribuito significativamente alla caduta di Roma. Borsa di studio recente, tuttavia, ha sfidato questa vista e, come Goffart scrive:
Secondo lo schema tradizionale, i popoli germanici erano stato in movimento dal terzo o primo secolo A.C., impegnandosi in periodiche migrazioni di massa che premuto tribù settentrionali su precedenti emigrati verso sud con tale forza sempre più dirompente che la frontiera romana, che aveva impedito il progresso del migrante per diversi secoli, fu demolita intorno al 400 D.C.. Movimento masse germaniche poi è salito in avanti e si fermò nel territorio imperiale. Eppure questo passo finale risulta per essere notevolmente modesto: coloro che sono coinvolti in esso erano una semplice manciata di popoli, ogni gruppo numerazione al più in basse decine di migliaia, e molti di loro - non tutti - sono stati accomodati all'interno delle province romane senza espropriare o ribaltamento società indigene (4-5).
Oggi si ritiene che, tra c. 238 CE e 400 CE, mentre sicuramente ci sono stati scontri tra gli eserciti di Roma e quelli di Goti (in particolare la prima guerra gotica di CE 376-382), una parte consistente della popolazione dell'Impero romano era gotico e che questi Goti avevano adottato il modo di vita romano. Un certo numero di impegni ha combattuto nella 1 ° guerra gotica erano il risultato delle dispute sopra terra accordi, promesse fatte e rotto o maltrattamento dei Goti dai Romani. Prima dell'invasione di 238 CE, i Goti avevano vissuto lungo il limes romano come né amici né nemici a Roma. Dopo 244 CE c'erano Goti, che vivevano come i Romani e molti che hanno servito nelle forze armate, e ci fu chi continuò a vivere dove essi e mantenuto la loro cultura gotica. Coloro che si insediarono vicino ai confini romani, o nelle province, si sono separati da quelli che sono rimasti nelle loro regioni ancestrale e sarebbe, nel tempo, conosciuto come Visigoti dal nome dell'unità militare romana hanno servito in, Visi-Vesi (anche se il loro nome originale era Tervingi), mentre quelli rimasti dove avevano sempre vissuto sono stati indicati gli Ostrogoti (il cui nome originale era Grutungi). Questi nomi successivi non ha avuto origine con le stesse persone, ma erano termini fissati da Cassiodoro nel 6 ° secolo D.C. che sosteneva "Visigoti" significava "Goti occidentali" e "Ostrogoto" denominato "Goti orientali". Non si tratta di pretendere che ci erano nessun Ostrogoti che serve nelle legioni romane né alcun Visigoti che vivono in Germania. I due nomi sembrano creati per facilità di riferimento alle popolazioni gotiche che, generalmente, popolata uno area o l'altro o combattuto per o contro Roma.

Atanarico e Fritigerno: la guerra civile gotica

Una grande divisione fra Thervingi Goths si è verificato con la guerra civile gotica dell'inizio 370's D.C. combattuta tra Atanarico e Fritigerno. Wolfram scrive, "la tradizione confusa [dei record di questa guerra] non rivela la data esatta" (70). Atanarico era re dei Goti (sostenuti da alcune fonti come il primo re) una posizione conosciuta come un reiks (pronunciato "rix") che significava "giudicare". Antiche fonti sostengono che, quando era più giovane, Atanarico aveva giurato un voto a suo padre mai fiducia romani e mai a mettere piede sul suolo romano. Studiosi moderni, mentre non attualizzando questa possibilità, ipotizza che forse nel suo ruolo di giudice, che egli fu proibito di lasciare la regione dei Goti, perché egli incarna lo spirito del suo popolo e non poteva de-valore sua posizione da un viaggio in un altro paese (che, secondo le sue convinzioni, sarebbe stato sotto la guida di altre divinità) e lasciando il suo popolo senza un leader, anche per un breve periodo.
Qualunque cosa le ragioni, Atanarico era un nemico giurato di Roma, mentre Fritigerno corteggiata a favore di Roma attraverso la sua associazione con l'imperatore Valente. Complicando ulteriormente il rapporto tra questi due uomini è stato la loro differenza di religione. Fritigerno era un cristiano ariano, mentre Atanarico mantenuto le credenze pagane tradizionali della sua gente che, come giudice, egli fu giurato di difendere e così perseguitato i cristiani gotico. Loro differenze ha disegnato le linee taglienti tra pagani Goti e Christian Goths, e sono andati alla guerra. Atanarico sconfitto Fritigerno in battaglia, e quest'ultimo ha fatto appello a Valens per aiuto. L'imperatore, anche un ariano cristiana, è venuto in aiuto di Fritigerno e, secondo alcune fonti, era a questo punto che Fritigerno convertito al cristianesimo come parte dell'accordo con Valens. Secondo altre fonti, era già un cristiano che si era convertito dagli sforzi missionari di Ulfilas Goth (311-383 D.C.), che era il principale missionario di introdurre la nuova fede nella regione dei Goti, una missione incoraggiati dai Romani che credevano che unendo i Goti sotto credenza religiosa romana sarebbe "civilizzare" e ridurre la possibilità di conflitto. Fritigerno può avere convertito, insieme ai suoi seguaci, a richiesta di Valente, ma, come i due erano in contatto prima della conversione registrata in CE c. 376, Fritigerno molto probabilmente era già un cristiano, anche se solo nel nome.
clip_image002
Valens
Molto probabilmente, come Wolfram specula, Fritigerno visto un'alleanza con Valens come un rapido percorso di ammissione in territori dell'Impero e l'insediamento del suo popolo in Tracia romana e così ha fatto un pubblico spettacolo della conversione al cristianesimo ariano alla richiesta dell'imperatore in seguito. Tra 367-369 CE Valens impegnato Atanarico in battaglia, ma il leader gotico outmaneuvered costantemente i Romani, disegno più profondo e più profondo nel suo territorio dove egli potrebbe impegnarsi in guerriglia. Anche se le fonti non riportano pesanti perdite su entrambi i lati, questi conti (come molti del periodo) sono spesso inaffidabili, ed è possibile che esercito valente subito più pesante di quanto le fonti romane ha voluto ammettere. L'esercito romano ha continuato a marciare e combattere in formazione contro un nemico che conosceva il terreno e potrebbe colpire senza avvertimento e svanire nella foresta. Questo genere di guerra sarebbe stata molto de-moralizzatore alle truppe e Atanarico fosse in grado di continuare la guerra, avrebbe potuto essere vittorioso.
Egli è stato impedito questo, tuttavia, dall'avvento degli Unni. Le incursioni degli Unni distrussero rifornimenti alimentari di Goth e, con la mancanza di scambi con Roma, con conseguente scarsità di cibo, Atanarico fu costretta a cercare i termini di pace da Valens. I due leader ha infine concluso un trattato, firmato su una barca al centro del Danubio, in modo che Atanarico non avrebbe rotto il suo voto mai per mettere piede sul suolo romano e Valens sarebbe non compromettere il suo status come imperatore di Roma incontrando il leader gotico (un uomo che affermava di avere sconfitto) suolo gotico. Il trattato è stato solo tra Valente e quei Goti sotto il dominio di Atanarico, come Fritigerno già fu alleata di Roma. Questa divisione tra i Goti crescerebbero più pronunciata solo nei prossimi decenni con l'invasione della regione dagli Unni guidati dal loro re e condottiero, Attila.

Attila l'Unno

È popolarmente inteso che i Goti sono stati spinti nelle regioni di Roma dagli Unni, e mentre questo è vero per la CE c. 376-378 anni, non è un preciso ritratto delle relazioni gotico-romana nella loro interezza. C'erano molti Goti, come già osservato, vivono nelle province romane e servire nell'esercito romano. Il successivo re dei Visigoti, Alarico I (regnò 394-410 CE), servito Roma come un soldato prima della sua salita al potere ed eventuale sacco di Roma nel 410 CE. Decisione di Alaric ad assediare la città è venuto dopo le sue ripetute richieste a Roma per un trattamento adeguato del suo popolo sono state ignorate. Guerra di Alaric su Roma esemplifica la tensione che è sempre esistito tra Goti e romani. I Goti combatterebbero per Roma ma, troppo spesso, non sono stati ancora considerati su condizione uguale con cittadini romani.
clip_image003
Attila l'Unno
Un altro "barbaro tribù", che fu impiegata dall'esercito romano era Unni. Gli Unni erano una tribù nomade che viveva nella regione conosciuta come il Caucaso (al confine tra Europa e Asia) e per la prima volta da Tacito nella sua Germania (98 CE) come Hunnoi. Sconfissero un'altra tribù germanica, Alani e poi procedette contro i Grutungi (Ostrogoti) e li sottomise. Hanno poi lanciato attacchi contro i Tervingi (Visigoti) che sono fuggiti attraverso i confini di Roma. Di 376 CE Fritigerno aveva fatto appello per l'imperatore romano Valente asilo sotto la protezione di Roma, che è stato concesso, e i Goti sotto Fritigerno attraversarono il Danubio a stabilirsi nel territorio romano. Povero trattamento di questi Goti dagli amministratori provinciali comporterebbe loro ribellione sotto Fritigerno e la battaglia di Adrianopoli (9 agosto 378 D.C.) in cui sarebbe stato ucciso Valens e dal quale l'impero si riprese mai completamente. Molti storici hanno tradizionalmente citato la battaglia di Adrianopoli come il vera fine dell'Impero romano e citano l'invasione di Hun, che ha guidato i Goti in Roma, come un fattore di contributo importante. Gli Unni erano una costante minaccia per Roma, anche se spesso servito come mercenari nell'esercito romano, anche dopo l'ascesa di Attila al loro capo supremo. Tuttavia grande può svolgere un ruolo di Attila demise di Roma, è certo che esercitava una forte influenza sul futuro dei Goti. È a causa della precoce Hunnic incursioni in territorio gotico c. 376 CE che tanti Goti attraversarono il Danubio in Roma e fornirono le basi per la visione tradizionale di una "invasione gotica" dell'Impero romano, ma era a causa di campagne di Attila che Goti sarebbe diviso ulteriormente e, infine, dispersi.
Nel 435 CE Attila e suo fratello Bleda negoziò il trattato di Margus con Roma che doveva avere mantenuto la pace; poi rapidamente si ruppe il trattato e fecero incursioni in territorio romano. Una volta che avevano saccheggiato la città numerose e macellati abitanti, hanno estorto ingenti somme di denaro da Roma per impedire loro di farlo nuovamente. Quando Bleda morì nel 444 CE, Attila fu l'unico sovrano degli Unni e si imbarcò in un quasi continue vessazioni dell'Impero. Egli invase la regione di Moesia (Balcani) nel 446/447 CE e invase entrambi Gallia (nel 451 CE) e Italia (nel 452 CE) fino a quando morì nel 453 CE. L'invasione degli Unni divisi i Goti e guerra di Attila a Roma ha così ulteriormente con gli Ostrogoti principalmente combattendo per l'Unni e Visigoti combattendo contro di loro. Presso la famosa battaglia delle pianure di Catauluanian nel 451 CE c'erano Goti, come Alemanni, combattendo su entrambi i lati del conflitto.
Dopo la morte di Attila, i Goti divisi mantenuto loro nuova identità separate. Il re d'Italia, Odoacre (433-493 D.C.) potrebbe essere stato visigoto, ostrogoto, o alcune altre etnia germanica ma, qualunque cosa fosse, ha fornito una casa per i soldati principalmente di Visigothic sotto il suo comando di appropriarsi di un terzo della terra in Italia per loro una volta arrivò al potere. Gli Ostrogoti che avevano combattuto sotto Attila ora si unì alle forze romane o restituiti alla loro patria, dove alla fine si sarebbe venuto a servire sotto il loro re Teodorico il grande degli Ostrogoti (454-526 D.C.). Teodorico assassinato Odoacre nel 493 CE e divenne re d'Italia. Egli era in grado di governare un regno separato-ma-uguali di romani e Goti fino alla sua morte nel 526 CE. Dopo la sua morte, il paese ha scoppiato in fermento che culminarono con la 2 ° guerra gotica (535-554 CE). Durante l'ultima parte di questo conflitto, i Goti d'Italia erano guidati dal re degli Ostrogoti, Baduila (meglio conosciuto come Totila) che hanno combattuto contro le forze dell'Impero romano orientale guidato dal generale Belisario. Totila fu sconfitto nella battaglia di Taginae nel 552 CE al quale egli è stato ferito mortalmente. Dopo la sua morte, i Goti hanno continuato la loro lotta per l'indipendenza da Roma finché furono completamente sconfitti nel 553 D.C. al Battaglia dei Monti Lattari. Da 554 CE loro causa è stata persa e i Goti iniziarono a disperdersi nelle regioni del Nord Europa (odierna Italia, Francia e Spagna) e, da 562 CE, il nome "Ostrogoto" era praticamente sconosciuto e il Regno dei Visigoti era diventato quello dei franchi. I loro nomi esistono al giorno d'oggi solo nelle storie.
clip_image004
Europa nel 526 CE

Eredità

Lo storico Herwig Wolfram scrive:
Chiunque nel campo della storia gotica deve aspettarsi di essere frainteso, respinto, anche stigmatizzato. Ciò non sorprende, poiché il soggetto è gravato con il peso ideologico di una prontezza nel corso dei secoli a respingere i Goti come un'incarnazione del tutto malvagio e male o per identificare con loro e la loro gloriosa storia (1).
Wolfram sottolinea che nessun altra nazionalità, come i Celti, sembra portare tanto bagaglio emotivo e storico come i Goti. Essi sono sia tradizionalmente accusati per la distruzione della civiltà dell'Impero romano che gettato la cultura occidentale in un "dark age" o come eroi che hanno rifiutato di portare il giogo di Roma remissivamente (meglio esemplificato nelle figure di Atanarico, Fritigerno, Alarico I e Totila). È del tutto possibile, tuttavia, per vedere i Goti come entrambe queste entità. Borsa di studio recente presenta una vista dei Goti che è più equilibrati rispetto al vista AUT, che ha definito loro per così tanto tempo. Lo storico Philip Matyszak scrive:
Fino a poco tempo automaticamente si presumeva che la civiltà romana era una buona cosa. Roma portava la fiaccola della civiltà nell'oscurità del barbaro, e dopo la sgradevolezza della conquista, Roma ha portato diritto, architettura, letteratura e benefici simili ai popoli conquistati...Ora c'è una visione alternativa, che suggerisce che Roma divenne l'unica civiltà del Mediterraneo, distruggendo una mezza dozzina di altri. Alcune di queste civiltà erano così avanzate come Roma, o ancor più. Gli altri stavano sviluppando e potrebbe infine hanno preso forma è ormai perduti per sempre (9).
Poiché storie hanno contato principalmente su fonti romane di presentare la storia dei Goti, queste persone sono spesso identificate con il concetto di "barbari incivili" o il "buon selvaggio". In realtà, erano nessuno. Come Wolfram sottolinea, loro storia non può essere rivendicata come quella del popolo tedesco antico né del popolo slavo, né di eventuali persone che attualmente vivono (74-75). I Goti entrato nella storia in un momento cruciale nel declino dell'Impero romano e ha giocato la loro parte in quel dramma. Con l'impero andato, regnarono su due grandi regni: uno di Odoacre e Teodorico il grande, in Italia e l'altro in Francia (che di Teodorico io). A Totila, l'ultimo grande re degli Ostrogoti, produssero una dei capi militari più brillanti nella storia, un incontro per il leggendario Belisario di Roma, conosciuto come "ultimo dei Romani. Con la vittoria di Belisario, finisce la storia dei Goti. È quindi difficile al primo a determinare esattamente ciò che l'eredità dei Goti è al mondo moderno-giorno fino a quando ci si accorge che, senza di loro, ci non sarebbe uno. Parte del Regno di Odoacre conservati gli aspetti migliori dell'Impero romano e quello di Teodorico il grande, mantenuto tale conservazione. Civiltà occidentale ha continuato dopo la caduta di Roma, un'entità che stava disintegrando ogni giorno e sarebbe caduto comunque anche se i Goti non avevano mai impostato un unico boot su suolo romano; era i Goti che hanno conservato la luce della civiltà occidentale, anche se hanno contribuito a rovesciare l'impero che aveva dato luogo ad esso.

Scritto da Joshua J. Mark, pubblicato il 12 ottobre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Collins, r. primo Europa medievale, 300-1000. Palgrave Macmillan, 2010.
  • Goffart, w. A. barbari e romani, A.D. 418-584. Princeton University Press, 1987.
  • Halsall, g. migrazioni barbariche e l'Occidente romano, 376-568. Cambridge University Press, 2008.
  • Heather, p. imperi e barbari. Oxford University Press, 2010.
  • Kelly, c. la fine dell'impero & la caduta di Roma. W. W. Norton & Company, 2010.
  • Lewis, E. J. libro mammut del testimone oculare-Roma antica storia dell'ascesa & caduta della.... Esegue Press, 2003.
  • Uomo, J. Attila l'Unno. Bantam, 2014.
  • Matyzak, p. i nemici di Roma. Thames & Hudson, 2004.
  • Mierow, C. C. storia gotica di Giordane. Pubblicazione di Kessinger, LLC, 2010.
  • Tacito. Tacito. Pressa dell'Università di Harvard, 1937.
  • Wolfram, H., storia dei Goti. Pressa dell'Università di California, 1987.
Tradotto dal sito: Ancient History Encyclopedia