I colori del pappagallo - Parabole per educare a valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


Paul sognava che il pappagallo era il più bello di tutti. E durante i pomeriggi di molti, fuori dalla scuola, che stava costruendo con le loro abili mani seguendo i disegni che hai sottolineato il cuore. E c'era: grande, bello, con tutti i colori dell'arcobaleno, come una bandiera multicolore della gioia desideroso di scuotere e oscillare tra le braccia del vento.
E il giorno desiderato, in cui tutti gli studenti sala, come esso aveva promesso il suo padrone, vuoi volare loro pappagalli nel parco. Erano felici, ogni bambino con il suo pappagallo, in una colorata sfilata di illusioni. C'erano pappagalli di tutte le forme e dimensioni. Ma che ha attirato più attenzione è stata quella di Paul. Sembrava quasi il padre di tutti.
E la festa del colore e voli iniziò nel parco. Il cielo era coperto di uccelli di carta arrampicata spinto dalle grida dei bambini: "sciolto lo stoppino, tirarlo, dunque, arrampicata, arrampicata..." Il pomeriggio è stato un fiume di gioia e risate...
Il pappagallo di Pablo realizzare si carica a causa delle sue enormi dimensioni. Lo fece lentamente, ma inesorabilmente...
Quando i pappagalli sono stati scampering felice attraverso il cielo, iniziò un forte vento che ha portato alcune nuvole nere, che si muovevano implacabile tempesta. I bambini sono innervositi e cominciò a raccogliere loro paura del vento livellato loro pappagalli. Le speranze e le gioie della prima cambiavano in grida di angoscia: "giù, hala, hala, veloce, attento, pick up già". Mani agili di Pablo moltiplicato per le più audaci manovre così tuo pappagallo coprire e proteggere gli altri: "non importa il mio break - ho pensato - ma non ho intenzione di lasciar morire l'illusione degli altri" e combattuto con perizia per fare le ali forti del tuo pappagallo per coprire i bambini. "Vieni, chamo, abbassarla sotto il mio, ti proteggeranno". E tutti i pappagalli ha cercato sicurezza nelle ali protettive di Pablo del pappagallo.
Quando sono venuti, aveva salvato tutti. Solo il pappagallo di Paul aveva spezzato le ali. Ma gli occhi di Paul brillavano di una gioia luminosa.
(La versione gratuita di un testo di Eva Nistal)
Diventare un insegnante è riempire il cielo voli multicolore, stimolare fantasie, sempre disposti a proteggere con le proprie ali e anche a scapito della propria vita, sogni, illusioni e voli degli studenti. Educare è seminare speranze, agitare paure e routine, incoraggiare e aiutare a sollevare le vite di terra strisciante e una vita senza sogni e orizzonti.
Giovani hanno bisogno degli obiettivi e ideali, qualcosa da dare senso alla loro vita, rendendolo utile per lottare e combattere, che sollevare l'inerzia
esistenziale e profondo e pieno di noia di rumori che divora la loro vita:

* * *

Un monarca, misteriosamente malato, non riesce a guarire. Intorno a lui, tutto il suo regno sta lentamente morendo: si scioglie e crolla il palazzo che abita appassire giardini, fiumi languono prosciugano fonti, gli animali muoiono e muoiono di noia e noia gente...
Nessuno riesce a curare il re della strana malattia e non tutti i saggi e i medici del Regno e anche quelli che provengono da paesi lontani, con l'intenzione di ripristinare la salute al re.
Un giorno, diventa un giovane sconosciuto, Parsifal, che si muove con decisione a cui il re è costretto a letto, salta il protocollo e cerimoniale Corte e, senza fare riferimento alle cause della malattia del monarca e il Regno, vigorosa lancia la domanda chiave:
-Dov'è il Santo Graal?
La folgorante sorpresa di questa domanda illumina la salute del re, che unisce il suono del suo letto di noia e dolore ad per intraprendere la ricerca del Santo Graal, ravviva le piante e gli animali, fa eseguire le fontane e fiumi, miracolosamente restaurato castello, aviva volti e cuori della gente con sprazzi di entusiasmo.

* * *

La leggenda del Santo Graal passa attraverso il Medioevo e impregna le gesta dei cavalieri con una sfumatura religiosa.
Secondo la tradizione, il Santo Graal era il Gesù Coppa utilizzata nell'ultima cena e José de Arimatea salvato. Ha anche raccolto il sangue e l'acqua che è uscito dal lato di Cristo quando sul Calvario, e per verificare la sua morte, il soldato romano Longino pugnalato sua lancia. È tradizione che per un po' la Vergine ha mantenuto la Coppa, e che poi ha dato a Peter che la portò a Roma. Quando i cristiani erano perseguitati dagli imperatori romani, il diacono Lorenzo inviato in Spagna, dove è stato nascosto per un periodo di tempo nel monastero di San Juan de La Peña. Più volte è stato rubato e riconquistata dai Cavalieri del Santo Graal e così, la ricerca del Santo Graal simboleggiata nella media età una società che ha riempito la vita di senso.

Tradotto per scopi didattici