Passa ai contenuti principali

Scrivere - Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


Benito Pérez Galdós è stato, senza dubbio, la figura del XIX secolo spagnolo realismo vertice. Autore di una vasta opera letteraria che comprendeva circa ottanta romanzi e opere 22 teatrali, era in grado di riflettere come chiunque, specialmente in 46 volumi di "Episodios Nacionales", la società spagnola del suo tempo. Già anziano, è stato invitato da alcuni amici per trascorrere una stagione nel centro di Sitges. Come è stato già quasi cieco, a scrivere che avevo bisogno di una segretaria che stava prendendo nota di ciò che ha detto.
Un pomeriggio in cui Pérez Galdós era nella biblioteca di casa dettando alcuni testi, il proprietario della casa ha inviato una nota con il servo, una ragazza recentemente arrivato dal campo. Dopo un po', la ragazza è venuto indietro dicendo che non poteva trovare il messaggio perché erano troppo impegnati a scrivere.
-Che chi scrive è non, Don Benito - ha cercato di chiarire la signora.
-È molto sbagliato, signora - rispose la cameriera-. L'unica cosa che rende Don Benito sta parlando. Chi scrive veramente è il Signore che lo accompagna.
Molte persone pensano che la scrittura è quello di copiare e, infatti, ci sono studenti che hanno superato di dieci, quindici o più anni nel sistema di istruzione e in occasioni molto rare ha scritto qualcosa, o sono stati insegnati a scrivere realmente, in un modo personale per comunicare il suo pensiero o dump la loro creatività in un testo. Essere limitata semplicemente copiando e trascrivere centinaia di pagine, le parole e i pensieri degli altri, indipendentemente dal fatto se lo hanno fatto in dettature, copiando direttamente da libri o enciclopedie in quelle opere male chiamato di "ricerca", o previa memorizzazione di rispondere con successo la serie di test ed esami da eseguire in lunghi anni di scolarizzazione. Ed è che, come magistralmente esprime lo scrittore Julio Ramón Ribeyro, "scrivere, piuttosto che per trasmettere la conoscenza, è l'accesso a quella conoscenza. L'atto della scrittura ci permette di cogliere una realtà che, finora, ci era modo incompleto, velata, fuggitivo, caotico. Molte cose li capiscono li solo quando scriviamo ".
Se la scrittura è un mezzo di comunicazione e creazione, è anche imparare a pensare, perché è un mezzo privilegiato di espressione e di riflessione del pensiero. Quando scriviamo, meditiamo sulle idee che vogliamo esprimere, noi esaminare e giudicare i nostri pensieri. Questo è talmente vero che uno non riesce a capire un'idea fino a quando scrive. "Se volete sapere cosa ne pensate, scriverlo." Dietro molte resistenze a scrivere, le resistenze sono nascosti per pensare, ed è triste vedere come la scuola ha trascurato il continuo esercizio di scrittura creativa e personale.
Scrittura sta comunicando, rovesciando in altri per scatenare processi di creazione, di illusione, di speranza. Come ha detto Eduardo Galeano, "si scrive, ma il testo è nel lettore. Il viaggio di parole dentro di lui, appartengono a lui. La scrittura è un modo per cercare altro, prendere, dare l'anima. È l'avventura dell'incertezza. È come buttare le bottiglie in acqua con messaggi d'amore, di speranza, nella speranza che qualcuno li raccoglierà e rispondere".
Abbiamo bisogno di scuole e insegnanti attivamente impegnati nell'insegnamento di lettura e scrittura. Lettura e scrittura sono due facce della stessa medaglia. Per padroneggiare la scrittura dovrebbe leggere e scrivere molto, deve combattere con le parole e virtualmente l'esperienza che la scrittura è un mezzo per comunicare agli altri le proprie esperienze, i sogni, idee, paure, desideri e illusioni. Così, il bambino lancerà solo per scrivere liberamente se ritieni di avere qualcosa da dire e ciò che egli dice o ha è apprezzato dagli altri. Da qui l'importanza di creare un ambiente motivante, dove gli studenti sentiranno libero e desiderosi di esprimere i loro sentimenti nelle idee di Aula, occorrenze ed esperienze oralmente e per iscritto.

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…