Purmamarca e il collina dei sette colori

Cerro de los Siete Colores o "La collina dei sette colori" è una delle colline che si affacciano sul piccolo villaggio di Purmamarca, nella provincia di Jujuy, Argentina nord-occidentale. Sorti di circa 75 milioni di anni fa, la collina era formata da un complesso processo geologico che ha coinvolto la deposizione di mare, lago e fiume movimenti e successiva elevazione del terreno a causa del movimento delle placche tettoniche. La collina è chiamata tale a causa di vari pigmenti acquisiti dai minerali che compongono gli strati sedimentari. Si dice che si possono vedere sette colori in collina, ma la maggior parte delle persone può scegliere solo quattro. I colori sono più chiaramente visibili al mattino. La collina si vede meglio dalla strada principale circa 400 metri prima di entrare al villaggio.
cerro-de-los-siete-colores-11
Foto di credito
Purmamarca, il paese stesso, è solo un altro a Jujuy, ma grazie alla sua splendida cornice – il Cerro de los Siete Colores, si è sviluppata in un villaggio turistico. Origine del villaggio può essere fatta risalire al XVI secolo quando era parte della strada Inca. La Chiesa di Saint Rose al centro della città e la piazza antistante la chiesa dove ogni mattina tiene un mercato di artigianato colorato, sono la sua principale attrazione. In un angolo, si erge il vecchio Cabildo, il più piccolo del paese. Alcuni blocchi via, progettare negozi di artigianato e ristoranti gastronomici danno un tocco di esclusività al paesaggio, insieme al pittoresco hotel di raffinata architettura, alta qualità e servizi di notevole.
cerro-de-los-siete-colores-3
Foto di credito
cerro-de-los-siete-colores-9
Foto di credito
cerro-de-los-siete-colores-1
Foto di credito
cerro-de-los-siete-colores-2
Foto di credito
cerro-de-los-siete-colores-4
Foto di credito
cerro-de-los-siete-colores-5
Foto di credito
cerro-de-los-siete-colores-6
Foto di credito
cerro-de-los-siete-colores-7
Foto di credito
Fonti: Wikipedia / turismo Argentina / Fodors / Argentina.travelTradotto per scopi didattici
Estratto da: Amusing Planet