Passa ai contenuti principali

Non si può piacere a tutti - Parabole per educare a valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


Un uomo ha deciso di andare al mercato con il dodici-anno-vecchio figlio. Hanno montato i due sul suo mulo e ha intrapreso la marcia. Mentre, le persone che sono stati trovati sulla strada, cominciò a mormorare e dire:
-Quale abusanti! Non hanno nessuna considerazione minore con il povero animale. Essi scoppierà di stanchezza. Come è succede di andare sia sul mulo-montato!
Per ascoltare queste critiche, il padre ha deciso di proseguire il viaggio a piedi e cadde di mulo. Presto, tuttavia, ascoltato nuove critiche da coloro che erano in marcia:
-I giovani di oggi hanno perso di tutto rispetto ed educazione. Visto Tulieries: che montato il ragazzo mulo nel fiore della vita e il povero padre camminando!
Il ragazzo è caduto dal mulo e padre rode è in esso per questo continuerà lungo la strada. Ancora una volta, si potevano sentire immediatamente i mormorii:
-Uomo così sconsiderato!: ben tranquilazo nel mulo e il povero ragazzo a piedi. Guardate là uomini senz'anima... Considerati e trattati i propri figli come schiavi.
Allora il padre disse al figlio:
-Solo abbiamo bisogno di entrambi carichiamo il mulo e sono sicuro che hanno ridicolizzato anche noi. Noi Difficoltà i due in bestia, che è quello che penso più adatto, e gli altri dicono e pensano quello che vogliono.
(Rivisitazione della favola de Lafontaine)
Insegniamo ad per agire in modo coerente, secondo ciò che pensiamo e crediamo, senza essere palette che si muovono per abbassare il colpo dell'opinione. Insegnare ad per essere persone in grado di agire come uomini di pensiero e pensare come uomini d'azione. Sì, ascoltiamo sempre agli altri, ma Let's e al processo di loro parole, andare a fondo di quello che diciamo e scoprire perché dicono di noi, così che manteniamo sempre una ferma posizione contro presunte informazioni, voci, moda, pubblicità e valori...
Impariamo ad ascoltare, a rifiutarle e non seguirli, i messaggi dei propagatori di false illusioni, che seminano sconforto e disperazione. Noi ascoltare e seguire quelle cui parole danno vita, stimolano, incoraggiano l'entusiasmo e la speranza...
Oggi, la maggior parte delle persone, cercando di essere autentico e originale, fare quello che vi viene detto di fare, è trasportato dalle mode, che dire, dalla pubblicità, dalle opinioni degli altri. Pensare di Quaresima, creare e ripetere quello che sentono. Sempre più confuse idee sempre più con la propaganda, voci con rumore, comunicazione con chiamata da telefono e chiacchiere vuote.
Un'educazione che insegni a essere originale, a pensare con la propria testa e agire di conseguenza, qualunque cosa si dice, che cosa pensano gli altri è urgente. Istruzione per autenticità: per aiutare a conoscere, da valutare e di impegnarsi in una vita piena e autentica. Per fare questo, abbiamo bisogno di veri educatori, attivamente impegnati nella costruzione della sua pienezza.
L'UOMO È...
L'uomo è irragionevole, illogico e ignorante... non importa, lo accetti!
Se lo fai bene, dicono che i vostri scopi sono egoisti... non importa, fare il bene!
Se fate i vostri obiettivi, vi potrai trovare falsi amici e veri nemici... non importa, li rendono!
Egli piuttosto che ti do oggi, domani non si ricorderà esso... non importa, fare bene!
L'onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile... non importa, essere schietto e onesto!
Cosa anni hanno costruito può essere distrutto in un secondo... non importa, compilazione!
Se aiuto gente dirà che avete interessi... non importa, aiutarla!
Dare al mondo il meglio di ti, anche se si riceve calci... non importa, dà il meglio di ti! (Madre Teresa di Calcutta)

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…