Passa ai contenuti principali

L'usignolo - Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Nei giardini del Palazzo di un imperatore visse un usignolo cui canto era particolarmente bello. Tutti lo sapevano e lodato, meno l'imperatore che, molto impegnato nel loro business imperiale per lungo tempo che non era andato al giardino e non era in grado di ascoltare il suo canto.
Un giorno, suoi cortigiani ha deciso di festeggiare il compleanno dell'imperatore con una grande festa in giardino. Mentre là, l'imperatore sentito l'usignolo ed era così ubriaco con il suo canto è venuto a lacrime di emozione.
-Ho visto le lacrime agli occhi dell'imperatore, che è il mio tesoro più grande! -Uccello ha detto rifiutando i doni offerti.
L'imperatore poteva godere continuamente loro canzoni, hanno catturato l'usignolo e lo metti in una gabbia che si stabilirono nella sala imperiale. Nightingale continuò a cantare, ma la sua voce è triste.
Gli intenditori dell'amore dell'imperatore di usignoli, gli abitanti del paese limitrofo è stato inviato un usignolo d'oro e pietre preziose. In tutta la Corte, compreso l'imperatore, fu sedotto dall'usignolo meccanico e presto dimenticato l'altro, quello vero, era languono tristezza e solitudine.
Inavvertitamente in carica di pulizia della gabbia, l'usignolo fuggì e, per riguadagnare la loro libertà, riunita la gioia e la sua canzone era ancora un Clarion di luce...
Ha trascorso il tempo, malato imperatore, invase la sua tristezza e poi añoró la canzone chiara della Nightingale. Hanno portato l'usignolo d'oro, ma non è riuscito a ridare la gioia.
Quando l'usignolo saputo della malattia del re, volò alla sua finestra e ha dedicato le sue migliori canzoni. Per sentirlo, il re ha riguadagnato la gioia e molto presto con la sua salute.
-È già sempre con mi - re - ha detto. Vi darà tutto quello che vuoi, I'll inviare che per costruire una gabbia dorata. Si vive sempre in mano, senza pericolo, o minacce, senza dover sopportare il freddo e la fame in inverno...
-Non voglio doni tuoi, tua gabbia - l'usignolo risposti-. Se volete farmi felice, chiedo solo una cosa: Fammi volare liberamente. Verrò a trovarti ogni volta che voglio e poi la mia canzone sarà sempre pulito e trasparente.
Lasciate che la persona che amate il godimento della loro libertà. Vero amore non limitare o ormeggiare, esso non gabbie nell'unità, ma piuttosto dà le ali al cuore
per intraprendere il volo della propria libertà. Amore una persona è quello di aiutarvi a scoprire il tuo percorso e dare incoraggiamento e sostegno a camminare e con autenticità. Questa è la missione del vero maestro: illuminare strade e dare la mano a viaggi di sean con libertà. È anche la missione dei genitori genuini:
E una donna che porta un bambino in braccio ha detto: ci parlano di bambini.
E ha detto:
I figli non sono di voi.
Essi sono i figli e le figlie della lussuria per la vita stessa. Essi vengono attraverso voi ma non sono tuoi.
E anche se vivono con te, non appartengono a loro. Si può dare loro il tuo amore ma non i vostri pensieri. Essi possono harbor i loro corpi ma non le loro anime, per le loro anime abitano nella Villa del mattino, si può non visitare, nemmeno nei sogni. Essi possono cercare di essere come loro,
ma non cercare di renderli come voi. Poiché la vita non fa il backup, o si è fermato a ieri. Voi siete gli archi con i loro figli, quali vivas, vengono rilasciati i tasti freccia.
L'Arciere vede il bersaglio nel percorso dell'infinito, e lui, con il suo potere, stringerle affinché le loro frecce volare veloce e lontano.
Quella tensione che li induce la mano del portiere è la loro gioia, poiché come egli ama la freccia che vola, ama anche l'arco che rimane stazionario.
(Gibran Khalil Gibran: il Profeta)
Insegna agli studenti di apprezzare la vera bellezza che si manifesta in un tramonto, una notte stellata, il trasparente canto degli uccelli, il mormorio dell'acqua tra le rocce, la carezza tranquilla di un fiore che è umile nel lato della strada. Cultura moderna ci insegna ad apprezzare solo le cose materiali e ci rende impossibile aprire noi al mistero della creazione e della vita. Pertanto, vivono infossati nella banalità, con cuore intrappolato dai mucchi di cose che ci affascinano, con cui cerchiamo di riempire il nostro vuoto e rivestirci per alleviare il nostro cuore freddo... Abbiamo perso la capacità di stupore e ammirazione e, di conseguenza, non siamo in grado di aprire a noi per il trascendentale. Essi hanno un ritardo San Francisco d'Assisi cominciò a suonare le campane come se ci fosse un incendio. Gente uscì spaventata dalle loro case e quando hanno chiesto a Francisco che cosa stava succedendo, ha detto il Santo con i suoi occhi catturati dal fascino: "Vedere quel tramonto incredibile e lode alla presenza di Dio".
L'ossessione per il materiale non ci lasciano per scoprire il vero valore di ognuno. La tragedia dei nostri tempi è che apprezziamo le cose più
che le persone. Apprezziamo la gente solo cose che hanno e coloro che hanno nulla o molto poco non valore li. Ci dimentichiamo che ogni essere umano ha un valore assoluto, è unico e irripetibile, è nato con la missione di vivere ed effettuato al massimo. Nella storia precedente, l'usignolo è la più sensata di tutto. Valori dei sentimenti di sopra di tutto: potete vedere le lacrime del re, langue quando essi circondano e quando ti senti che preferiscono l'usignolo falso, ma è in grado di ignorare l'oblio precedente e torna a cantare per il re quando ammalano. Il re si recupera per trovare qualcuno (l'usignolo) che lo rende per recuperare i loro sentimenti. Pertanto, si tratta di vita. Vitalizzare ogni contatto con i nostri sentimenti. Da qui il dovere di essere usignoli agli altri, per aiutarli a scoprire i loro sentimenti, a valorizzare di più l'essere e la sensazione che si ha o la marca.
L'usignolo preferiscono loro libertà l'amore possessivo, del re, per la sicurezza di una gabbia dorata. Un uccello in gabbia è un uccello senza orizzonti, senza la capacità di volare, pieno di false assicurazioni. Paura di essere liberi. Nella gabbia c'è sicurezza, cibo, calore... All'esterno vi sono bufere di neve fredda, cacciatori,... Ingabbiato nei nostri alloggi, siamo paura di vivere, per trovarci nello spazio all'aperto, di essere liberi. Siamo pieni di catene, colonnine di compilazione per l'anima, e dalla nostra chiamata gabbie d'oro noi gratis. Il desiderio di sicurezza ci fa perdere la prigione. Per vivere in una gabbia, le ali non mancano. Per indicare, a ripetere canzoni per insegnare dal vivo in ali dorate, gabbie, non mancano. Piuttosto, essi intasare. Abbiamo bisogno di un'educazione che combatte la paura di vivere, la paura di volare, che aprono le porte delle gabbie e stimolare negli studenti la passione per il rischio e di libertà, di voli di altezza, che combatte ma che temono l'impegno e la dedizione. Se noi non insegnare agli studenti a volare, presto le ali morirà li:

* * *

L'uccello addomesticato vissuto in gabbia e libero nell'uccello della foresta. Ma la sua destinazione è stata trovata ed era giunto il momento.
Uccello libero cantava: "amore, vola nella foresta". Carcere uccello disse dolcemente: "ci vediamo qui; vivono entrambi in gabbia". Libero uccello ha detto: "Dietro le sbarre non può aprire le mie ali". "Ahi!" sospirò l'uccello carcere, "So mi pongono in cielo?".
Uccello libero cantava: "amore mio, canta le canzoni della campagna". Carcere uccello ha detto: "Estate al mio fianco, ti insegnero' la canzone del saggio". Uccello libero cantava: "No, no, no; Nessuno può insegnare le canzoni". Carcere uccello ha detto: "Oh!, non so le canzoni della campagna".
Il suo amore è infinito anelito, essi non possono volare ala ad ala. Essi sono considerati sono considerati tra i ferri della gabbia, e vano è il loro desiderio. Essi patta nostalgici e cantare: "Ottenere di più, ottenere di più". L'uccello libero grida: "No
Posso! "Paura tua gabbia chiusa!." Uccello carcere canta dolcemente: ' Oh, non è possibile! Le mie ali sono morte!"
(R. Tagore).
Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…