Le voci del silenzio - Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


Nella sua straordinaria opera autobiografica, confesso che ho vissuto, il grande poeta cileno Pablo Neruda, premio nobel per la letteratura, racconta la storia del poeta andaluso Pedro Garfias, uno di molti artisti, intellettuali e lavoratori che furono costretti a lasciare la Spagna dopo la guerra civile e il trionfo delle forze anti-democratiche di Franco.
Pedro Garfias è venuto a dare in esilio in un castello scozzese. Il proprietario del castello era in viaggio e poeta vissuto praticamente da solo in questo enorme castello. Per rendere più sopportabile la solitudine, andavo ogni notte per la vicina città di taverna e come lui non parla una parola di inglese o uno qualsiasi dei clienti sapeva qualche spagnolo, trascorso ore in silenzio sulla sua birra, riflettendo la nostalgia e ricordi.
Una notte, quando era tempo di chiusura e di tutti i clienti, erano in marcia l'oste ha dato segno di rimanere ancora per un po'. Suo e una birra è stata servita e così è sono stati a lungo fianco comunicando profondamente loro silenzi.
Per diversi giorni che hanno continuato questo rituale di comunicazione profonda, finché un giorno, Garfias non poteva tenere il torrente di parole che lui saltò dall'anima e disse il barista, che, senza capire le parole, era in ascolto e annuendo eccitato loro problemi. Quando il poeta si è conclusa, il locandiere guardò amico con strane parole negli angoli più nascosti della tua anima. E continuò per diversi giorni ascoltando mal capito, o meglio, il significato oltre le parole, forgiato un'amicizia più forte che le barriere linguistiche. Garfias ha ottenuto il visto per andare in Messico e la notte prima di sua partenza sono state prendendo e sparando parole sconosciute fino a quando la mattina ha dato qualche pugno timida nella finestra.
Anni dopo, il poeta andaluso ha confessato di Neruda:
-Mai capito una parola di quello che mi ha detto, ma quando l'ho sentito, sono sempre stato sicuro che capirlo. E so che quando ho parlato, ha capito anche cosa stava cercando di dire.
Per comunicare è quello di aprire l'anima. Frequentemente, parliamo e parliamo ma non comunichiamo. Si parla e le parole sono trappole che si nascondono. Parole svalutato come moneta usurata, inutile, che gira di mano in mano. È il linguaggio commerciale, politico e anche emotivo: parole, parole, parole, senza anima, senza verità. Parole per la cattura di sedurre, ingannare, a dominare. Perché parole così gravi come "Lo giuro", "Prometto", "Ti amo", "count on me", contengono spesso sdraiato, tradimento, abbandono, solitudine.
Moderna tecnologia ha reso il mezzo più importante del messaggio. Telefoni, fax, né e-mail ci hanno aiutato di comunicare meglio. Abbiamo bisogno di comunicare quando siamo lontani, ma siamo in grado di dirci quando siamo insieme. Non è il parlare stesso dire. Alcuni parlare molto, ma non dicono nulla: semplici chiacchiere vuote, banale. Altri, con pochissime parole o anche senza parole, esprimere idee e grandi sentimenti. La gente parlare e parlare, ma raramente comunicare loro paure, ansie, sogni... Vivere estranei nella stessa casa, nello stesso letto, ripetendo vuoti rituali, ascoltando in silenzio la TV, il personaggio più importante della famiglia.
Se vogliamo capire e comunicare con i nostri studenti, educatori devono imparare ad ascoltarli. Ascoltare il loro silenzio, i dolori delle loro anime, le grida dei loro insicurezze e paure. Ascoltare ciò che viene espresso e che cosa non espressa, cosa dicono e cosa callan, beni immateriali pedagogici, che ha portato da casa, la strada, la famiglia. Ascoltare quello che pensano, senza dirlo, come insegnante o professore, della materia, della scuola. Sapersi ascoltare, imparare a dire, a superare le insidie dell'aspetto della comunicazione. La parola costruisce la realtà. Una parola o una frase, un gesto, può influenzare come la crescita o stagnazione dello sviluppo processi che interessano lo studente.
Educare è di insegnare ad per ascoltare il silenzio per poter sentire il pianto di fiori, voci di pietre grezze, il suono delle cascate e torrenti che ci dicono i misteri e le meraviglie dell'universo con le labbra d'acqua. Ascoltare il silenzio come luogo di riflessione e di pensiero e come antidoto contro la tanto parlare e tanto banale informazione. La voce del silenzio è educativamente necessaria in un mondo pieno di rumore, così progredire verso un dialogo sempre più ricco e più umanizzato.
Ascoltare il silenzio come fruttuoso e germinador parole reali.

Tradotto per scopi didattici