Le concerie di cuoio di Fez, in Marocco

La città di Fez - la terza più grande città del Marocco – fu fondata nel VIII secolo ed è ora sede di oltre 1 milione persone. La città ha un carattere distinto tradizionale, soprattutto il centro storico o la medina, chiamata Fes el-Bali, che ha appena cambiato per secoli. Situato dietro un alto muro, medina ha vicoli stretti, senza auto, dove centinaia di commercianti e artigiani vendita una gamma di prodotti quali date, pesce, spezie, urne di rame, tappeti e strumenti musicali. Fez è anche famosa per i suoi prodotti in pelle e la maggior parte di esso viene dal bazar di cuoio (souq). Il souq è sede di tre concerie di cuoio antico, il più grande e più antichi è la conceria Chouara, che è quasi un migliaio di anni.
tannery-fez-10
Foto di credito
Concerie di Fez sono composte da numerosi vasi di pietra riempiti con una vasta gamma di coloranti e liquidi vari sparsi come un vassoio di acquerelli. Decine di uomini, molti in piedi vita profondo in tinture, imbevuto di lavoro sotto il sole caldo, tendente a pelli che rimangono nei vasi. Le concerie elabora le pelli di mucche, pecore, capre e cammelli, trasformandoli in prodotti di alta qualità in pelle quali borse, cappotti, scarpe e pantofole. Questo è tutto realizzato manualmente, senza bisogno di macchinari moderni, e il processo ha appena cambiato fin dal Medioevo, che rende queste concerie assolutamente affascinante da visitare.
Presso la conceria Chouara, nasconde prima immersi in una miscela di urina di mucca, calce, acqua e sale. Questa miscela caustica aiuta ad abbattere il cuoio duro, allentare il grasso in eccesso, carne e capelli che rimangono su di loro. Le pelli sono impregnate per due o tre giorni dopo che conciatori rottami di peli in eccesso via fibre e grassi al fine di preparare le pelli per la tintura. Le pelli sono poi imbevute in un altro set di fusti contenenti una miscela di acqua, cacca di piccione. Cacca di piccione contiene ammoniaca che agisce come agenti di rammollimento che permette le pelli diventare malleabile così possono assorbire il colorante. Il conciatore utilizza i suoi piedi nudi per impastare le pelli fino a tre ore raggiungere la morbidezza desiderata.
tannery-fez-9
Foto di credito
Le pelli vengono quindi inserite in morente fosse contenenti coloranti vegetali naturali, come il fiore di papavero (rosso), indaco (blu), hennè (arancione), legno di cedro (marrone), menta (verde) e zafferano (giallo). Altri materiali utilizzati per la tintura includono polvere di melograno, che è strofinato su pelli per trasformarle in giallo e olio d'oliva, che li renderà lucidi.
Uno è morto il cuoio è preso ad asciugare sotto il sole. La pelle finita è poi venduta ad altri artigiani che fanno il famose pantofole marocchine, noto come babbucce, come portafogli, borse, mobili e altri accessori in pelle. Molti di questi prodotti fanno strada nei mercati europei.
La vista migliore delle concerie può essere ottenuta dalle terrazze circostanti dove si trovano i negozi di cuoio. Basta visitare uno dei negozi e chiedere per un tour e il venditore vi darà l'avvitatura su come vengono trattati i pellami e quali coloranti provengono da quali piante. L'urina di vacca e cacca di piccione produce un fetore così pungente che la guida del tour fornirà spesso rametti di menta fresca ai visitatori per aiutarli a superare l'odore.
tannery-fez-6
Foto di credito
tannery-fez-7
Foto di credito
tannery-fez-8
Foto di credito
tannery-fez-12
Foto di credito
tannery-fez-14
Foto di credito
tannery-fez-15
Foto di credito
tannery-fez-16
Foto di credito
tannery-fez-1
Foto di credito
tannery-fez-2
Foto di credito
tannery-fez-3
Foto di credito
tannery-fez-13
Foto di credito
tannery-fez-4
Foto di credito
tannery-fez-5
Foto di credito
Fonti: Bling marocchino / About.com / technologystudent.comTradotto per scopi didattici. Estratto da: Amusing Planet