Passa ai contenuti principali

La preghiera dell'alfabeto - Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori


Tornando a casa con il suo carretto contadino, quando, improvvisamente, è uscito con una ruota. Come è venuto tempo di fare le sue preghiere non aveva ancora superare il problema, l'agricoltore riparazione ruota a sinistra e deciso di pregare. Con sua grande sorpresa, scoprì che aveva lasciato nella sua casa dimenticato il libro delle preghiere e, come aveva una memoria pessima, hanno deciso di pregare nel modo seguente:
-Signore, come non si addice il libro delle preghiere, sarà recitare l'alfabeto più volte e si forma con i miei testi parole che ti piace, così si dovrebbero dire a te stesso le cose che ti piacciono, cose che sarei in grado di dirvi perché io sono un uomo goffo e stupido.
Quando l'agricoltore ha concluso, il Signore disse ad uno degli angeli che essi erano che lo accompagnano:
-Di tutte le preghiere che ho sentito oggi, questo è stato senza dubbio il migliore, perché essa ha germogliato un cuore semplice e sincero.
(Racconto della setta dei Jassidim, tratto da "racconti di umorismo,
(arguzia e saggezza", Armando José Sequera).

* * *

Un vescovo recentemente nominato nei mari del sud, ha voluto visitare ogni angolo della sua vasta diocesi. Verso la fine del tour, ha intravisto una piccola isola. -È abitata? -Ha chiesto.
-Sì, ma solo di tre vecchi pescatori - hanno risposto lui-. Non vale la pena di vostra eccellenza a sprecare il tuo tempo visitandoli. Vivono isolati da tutti, come il primitivo, quasi come selvaggi. Alcuni dicono che sono Stooges.
-In ogni caso, mi piacerebbe visitare loro - ha insistito il vescovo.
Così hanno cambiato rotta e si diresse verso l'isola. Il vescovo voleva sbarcare solo ed è stato accolto con gentilezza tutti da tre sconosciuti di anziani, che hanno fornito la sua eccellenza suoi frutti migliori e tutta la loro cordialità.
-I miei figli - ha chiesto il Vescovo - mi possono dire come spendere il tempo su quest'isola?
-Sono molto impegnato - ha detto il primo-. Io sono molto presto di andare a pescare affinché i miei fratelli non hanno nulla da mangiare. Inoltre, reti sono già molto vecchio e spesa molto tempo li patch.
-Anche io passo molto occupata, ha detto il secondo. All'inizio io vado a caccia giù per la montagna. Con la pelle di animali selvatici fare scarpe e
abiti per coprire il corpo. Usiamo le piume per materassi e cuscini. Se un tegame animali commestibili, mangiamo la sua carne...
-Quanto a me - ha detto il terzo, - costruito questo umile capanna e tenerlo pulito e curato e provare, quando tornando i miei due fratelli, avendo cibo pronto - provare a preparare ciascuno ciò che gli piace - e l'acqua per il lavaggio e raffreddamento. In queste attività, il tempo che passato in un istante.
Il vescovo annuì con la testa e, quando ebbero finito, egli chiese loro:
- Ma, quando pregano?
Tre anziani guardato con stupore. "Pregare? Cosa e' quello? Siamo ignoranti, non capisco come voi pregate?"
Allora il vescovo, con grande pazienza, spiegava cosa era la frase. "Dobbiamo pregare che Dio ci aiuti. Dio è il padre di tutti noi, e noi dobbiamo chiedere la forza per vivere ogni giorno come fratelli. Preghiamo di non essere egoista, di non cadere in tentazione, cerchiamo quindi di aiutarci e ci perdoni".
I tre anziani si strizza l'occhio in silenzio, addolorato e sconcertato.
-Non li lascerebbe questi libri di preghiere, ma probabilmente non può leggere.
-No, non sappiamo - ha detto anziani un po' rattristati.
Vescovo ha cercato invano insegnare la memorizzazione di alcune semplici frasi. Sforzandosi, tanto quanto gli anziani non potevano mantenere loro.
Sentendosi un fallito, il vescovo non aveva altra scelta ma per dire loro addio. Gli anziani erano tristi.
Nella quiete della sua camera da letto, il vescovo ha dato si trasforma nel suo letto senza poter dormire. Infine, udì una voce vigorosa che gli disse:
-Perché si ottiene con i miei figli diletti? Come si fa a osa per insegnare loro a pregare se trascorrono tutti i giorno pregando? Get up e immediatamente restituisce all'isola. Ripristinare la gioia dicendo loro che mi piace molto la sua preghiera.
(Rivisitazione di una storia di Bernard Bro)
In un mondo e una cultura che propongono inferiore spudoratamente l'individualismo e l'egoismo come valori fondamentali per Excel e riuscire, che hanno consumato e afferrare le cose come mezzo per raggiungere l'autentica
appagamento personale, oggi hanno bisogno di molta preghiera. Una preghiera che trasforma la vita dando frutto, che si traduce nella volontà di cambiamento nella forza di continuare a remare contro corrente, in prossimità e servizio agli altri. Dobbiamo pregare molto per essere forte, per il coraggio di essere liberi, di avviare radicalmente la consegna e l'amore. Una frase che non si sposta verso il servizio, che non conducono in prossimità agli altri, è una preghiera sterile.
La preghiera che è gradita a Dio, è che scaturisce da un cuore sincero e unità di essere migliore ogni giorno. Una preghiera che si traduce in opere. Pregate e non impegnarsi in servizio al fratello è quello di trovare un dialogo narcisistico con uno è di per sé. La frase, se è sincera, dovremmo lasciare più forte, più simpatico, più buono, più utile. Pregate implica l'impegno a cercare di vivere secondo la preghiera. Di serve molto poco per chiedere ai poveri, agli studenti e alle loro famiglie, se non facciamo niente per loro, se non siamo in attesa vostre esigenze e sono impegnati a rimediare li. Ricorda l'uomo che, vedendo la miseria dei bambini di strada, mendicanti, tormenti e dolori di tanti bisogni di persone innocenti, generato un pugni di giorno verso il cielo e sfidato Dio in questo modo: "come si può essere così crudele! È possibile che tu non fare nulla prima di tanta sofferenza! "." Improvvisamente, i cieli si aprirono ed egli uscì loro la risposta al tuo reclamo: "come puoi dire che non faccio nulla. Ho fatto un ti".

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…