Il viaggio della fantasia - Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


Julio Verne, uno degli scrittori preferiti del giovane, ha nutrito con i suoi racconti, le fantasie di milioni di bambine in tutto il mondo. Armando José Sequera ci ricorda che, da bambino molto sognato con il mare, intraprendere lunghi viaggi di avventura. Infatti, quando aveva solo undici anni, una mattina scappò di casa a galoppo, andò alla porta dalla città più vicina e imbarcato come grumete in "The Coralie", una nave verso l'India.
Il giovane avventuriero non riusciva molto lontano: nella scala prima che ha fatto la barca, suo padre, un avvocato di successo che aveva deciso, non importa a che cosa ha pensato di suo figlio, quel luglio per continuare la tradizione di famiglia e fu supplicato com'era attesa e così come era stato suo padre, il nonno di luglio.
Per il taglio di bambino sano sforzo avventuroso e punire l'audacia di avere fuggito di casa, luglio è stato punito per una dieta forzata di solo pane e acqua per dieci giorni e ricevere quattordici ciglia con una frusta davanti a tutta la famiglia.
Quando è venuto a metà della fustigazione, padre fermò la punizione e gli ha chiesto:
-Prometti di non viaggiare più di immaginazione?
Egli sarebbe poi diventato uno dei più ammirati e leggere tutto il mondo, scrittori dovevano rispondere che sì, vuoi viaggiare in seguito solo con la sua immaginazione.
E Julio Verne ha dato sfogo alla tua immaginazione e creatività. La sua straordinaria immaginazione stava guidando la sua penna e uno dopo l'altro sono nati 65 romanzi che ha battezzato come "Viaggi straordinari". Dalla sua scrivania francese, I avventurato attraverso le giungle del Orinoco, rivolto al mondo, penetrato al centro della terra, girato il fondo dei mari e degli oceani e persino salito sulla luna davanti a un centinaio di anni a viaggiare nello spazio...
Il buon insegnante coltiva l'immaginazione dei suoi studenti, speroni creatività, perdi le redini della fantasia così galoppo viaggi interminabili di mondi sconosciuti ed emozionanti. In questo mondo così freddo e materialista che ha ridotto la vita ad una miscela di teleconsumo (televisione e shopping), che nega le utopie e auguro Smothers, genuini educatori devono esercitare costantemente la capacità di immaginare e il sogno dei loro studenti. A sognare un mondo migliore, dove persone ritornano a noi guardare negli occhi come fratelli e non ci vede come rivali, minacce o nemici è possibile. Sogno di un vivace e rilevanti, significative, educazione orientata per formare individui autonomi e responsabili e prendersi cura dei cittadini.
Sognare, immaginare nuovi mondi e consegnato con entusiasmo e determinazione per renderli possibili. Un sogno sognato da molti, e la decisione di incarnarsi nella vita, sarà presto cominciano ad avverarsi. Le grandi conquiste dell'umanità, ha cominciato a essere semplici sogni utopistici di qualche visionario. Abbiamo dovuto il sogno di indipendenza, la libertà degli schiavi... così poi diventano fatti, realtà... Sogniamo di molti con un mondo di giustizia e solidarietà, e sarà possibile.
Educatori genuini, attivisti sperano, non possiamo dare in sul diritto di immaginare e sognare, che è il più importante di tutti. Sarebbe terribile se non potremmo immaginare un mondo diverso, il sogno di esso come un progetto e ci danno la loro costruzione con gioia e speranza. Pertanto, contro il pragmatismo riduzionista e ramplón di "comprare, dunque sono" che si è imposto in questi giorni, noi sollevare il nostro "sogno, quindi esisto". Ricordarsi di Fernando Savater: "se noi sogniamo che voliamo, presto cominciare a ci spunteranno le ali. Ci potrai volare un giorno". Ricorda inoltre di Facundo Cabral: "se lasciamo i nostri sogni morire, saranno poveri. Se noi li alimentano e rafforzato, saremo ricchi".

Tradotto per scopi didattici