Passa ai contenuti principali

Il viaggio della fantasia - Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole per educare a valori

Parabole e storie di educare ai valori


Julio Verne, uno degli scrittori preferiti del giovane, ha nutrito con i suoi racconti, le fantasie di milioni di bambine in tutto il mondo. Armando José Sequera ci ricorda che, da bambino molto sognato con il mare, intraprendere lunghi viaggi di avventura. Infatti, quando aveva solo undici anni, una mattina scappò di casa a galoppo, andò alla porta dalla città più vicina e imbarcato come grumete in "The Coralie", una nave verso l'India.
Il giovane avventuriero non riusciva molto lontano: nella scala prima che ha fatto la barca, suo padre, un avvocato di successo che aveva deciso, non importa a che cosa ha pensato di suo figlio, quel luglio per continuare la tradizione di famiglia e fu supplicato com'era attesa e così come era stato suo padre, il nonno di luglio.
Per il taglio di bambino sano sforzo avventuroso e punire l'audacia di avere fuggito di casa, luglio è stato punito per una dieta forzata di solo pane e acqua per dieci giorni e ricevere quattordici ciglia con una frusta davanti a tutta la famiglia.
Quando è venuto a metà della fustigazione, padre fermò la punizione e gli ha chiesto:
-Prometti di non viaggiare più di immaginazione?
Egli sarebbe poi diventato uno dei più ammirati e leggere tutto il mondo, scrittori dovevano rispondere che sì, vuoi viaggiare in seguito solo con la sua immaginazione.
E Julio Verne ha dato sfogo alla tua immaginazione e creatività. La sua straordinaria immaginazione stava guidando la sua penna e uno dopo l'altro sono nati 65 romanzi che ha battezzato come "Viaggi straordinari". Dalla sua scrivania francese, I avventurato attraverso le giungle del Orinoco, rivolto al mondo, penetrato al centro della terra, girato il fondo dei mari e degli oceani e persino salito sulla luna davanti a un centinaio di anni a viaggiare nello spazio...
Il buon insegnante coltiva l'immaginazione dei suoi studenti, speroni creatività, perdi le redini della fantasia così galoppo viaggi interminabili di mondi sconosciuti ed emozionanti. In questo mondo così freddo e materialista che ha ridotto la vita ad una miscela di teleconsumo (televisione e shopping), che nega le utopie e auguro Smothers, genuini educatori devono esercitare costantemente la capacità di immaginare e il sogno dei loro studenti. A sognare un mondo migliore, dove persone ritornano a noi guardare negli occhi come fratelli e non ci vede come rivali, minacce o nemici è possibile. Sogno di un vivace e rilevanti, significative, educazione orientata per formare individui autonomi e responsabili e prendersi cura dei cittadini.
Sognare, immaginare nuovi mondi e consegnato con entusiasmo e determinazione per renderli possibili. Un sogno sognato da molti, e la decisione di incarnarsi nella vita, sarà presto cominciano ad avverarsi. Le grandi conquiste dell'umanità, ha cominciato a essere semplici sogni utopistici di qualche visionario. Abbiamo dovuto il sogno di indipendenza, la libertà degli schiavi... così poi diventano fatti, realtà... Sogniamo di molti con un mondo di giustizia e solidarietà, e sarà possibile.
Educatori genuini, attivisti sperano, non possiamo dare in sul diritto di immaginare e sognare, che è il più importante di tutti. Sarebbe terribile se non potremmo immaginare un mondo diverso, il sogno di esso come un progetto e ci danno la loro costruzione con gioia e speranza. Pertanto, contro il pragmatismo riduzionista e ramplón di "comprare, dunque sono" che si è imposto in questi giorni, noi sollevare il nostro "sogno, quindi esisto". Ricordarsi di Fernando Savater: "se noi sogniamo che voliamo, presto cominciare a ci spunteranno le ali. Ci potrai volare un giorno". Ricorda inoltre di Facundo Cabral: "se lasciamo i nostri sogni morire, saranno poveri. Se noi li alimentano e rafforzato, saremo ricchi".

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…