Passa ai contenuti principali

Il padrone e il cane - Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori


Onorando il saggio sufi, i discepoli si avvicinò con un piatto del suo padrone sulla facciata del nuovo monastero. "Sua straordinaria saggezza - hanno detto - può venire solo da un'intelligenza superiore. Dietro ogni saggio, c'è sempre un grande maestro. Conosciamo il suo nome e registrarlo sulla facciata che oblivion non ucciderlo e rimanere per anni". Poi, si avvicinarono e chiesto il nome del suo padrone.
Salvia li guardò confuso.
-Fare il mio maestro? - e dopo pensando un po ', ha detto:-il mio maestro era un cane.
-Come? -ha chiesto agli studenti disorientati.
-Sì, era un cane. Un giorno, ho visto un cane che è morto di sete, è venuto ad un pozzo per bere acqua. Quando vide riflessa la propria immagine nell'acqua pulito, trasparente, fuggì spaventata temendo che fosse un altro cane. Come ero così assetata, ritornò per raggiungere i bene più volte, ma sempre lo fece fuggire la sua immagine riflessa nell'acqua. Infine, ha deciso con coraggio, affondò la testa in acqua, scomparso l'immagine e quindi potrebbe soddisfare la loro sete. Quel giorno ho capito che se volevo mi affondare in Dio e placare la mia sete da esso, ho dovuto eliminare il mio
ego che si trovava tra di noi.

* * *

La versione ebraica di questa stessa storia, ci dice che un negoziante si lamentò con il rabbino perché un uomo aveva aperto un negozio vicino a sua e temevano che tutti i loro clienti vuoi rimuoverlo.
Dopo aver ascoltato la denuncia, il rabbino gli disse:
-Non visto quando un bere acqua cavallo in una piscina, colpendo prima il laghetto più volte con una gamba sola?
-Sì l'ho visto - rispose il negoziante.
Che succede, perché, per abbassare la testa per bere, il cavallo vede la sua immagine riflessa nell'acqua e credo che ci sia un altro cavallo a bere. Quindi, esso è spaventando perché ha paura che non c'è abbastanza acqua per entrambi. Tuttavia, c'è acqua per tutti i cavalli e come te, lui ha paura di un nemico immaginario.
Nella prima versione, il nostro ego è interposto tra noi e Dio, tra noi e gli altri, tra noi e i nostri studenti. Noi hanno paura di noi stessi, ci mostrano come siamo, non sappiamo e quindi cercare di impilare le cose, titoli, fama, per presentarci per la
gli altri. Pur non quebremos nostra immagine sarà in grado di incontrarci in profondità e non può vedere gli altri come sono nella realtà. Se non abbiamo ottenuto dal nostro titolo, non possiamo vedere gli studenti. Dall'alto tutto sembra piccolo, aspetto schiacciato. Se volete incontrare con il tuo studente, ottiene il titolo, mettere sulla sua terra, guardando attraverso gli occhi del cuore.
Nella seconda versione, il cavallo crede che è spaventoso per un altro cavallo che va a bere la sua acqua, quando in realtà è la propria immagine che provoca le loro paure e ti fa vedere un nemico inesistente. Nostro egoismo, l'incapacità di condividere, ci portano ad afferrare e consumare di più, indipendentemente dalle esigenze o la fame e la sete degli altri. Avendo e che consumano sono come droghe: più ne hai, più è necessaria. L'altro vediamo come minacce, desiderose di strappare via quello che ci appartiene, e non siamo più in grado di li guardate negli occhi a vederli come fratelli. Non cadiamo sul conto che il problema è non di fuori di noi, ma a nostra immagine, i nostri fantasmi e paure che creano nemici inesistenti. Se oggi, dato il livello di sviluppo scientifico e tecnologico, fame e miseria sarebbe facilmente derrotables, l'egoismo e l'individualismo sono plasmare un mondo assurdo, dove alcuni dominano ricchezze inimmaginabili, mentre miliardi di persone sono affondate nella più atroce delle miserie o addirittura hanno uscita più alta rispetto a morire di fame. I personaggi più facoltosi 225 accumulano una ricchezza pari a 2,5 miliardi di abitanti più poveri che hanno. I tre personaggi da ricchi del mondo sono beni che superano la combinazione del prodotto interno lordo (PIL) di 48 paesi meno sviluppati. Si stima che la fame uccide più persone in tutto il mondo, di tutti coloro che sono morti nella seconda guerra mondiale (circa 48 milioni di vittime) un anno.
Secondo il programma per lo sviluppo delle Nazioni Unite, circa $ 13 miliardi all'anno sarebbe richiesto per fornire nutrizione e salute di base servizi ai poveri 4,4 miliardi nel mondo, in modo che nessuno è morto di fame o malattie della povertà. spendere $ 17 miliardi all'anno in cibo per cani in Europa e negli Stati Uniti è attualmente. Solo l'Europa spende in sigarette $ 50 miliardi e 115 miliardi di dollari all'anno sulle bevande alcoliche ogni anno. Si stima che il narcotraffico muove $ 400 miliardi l'anno; e alcuni $ 800 miliardi è speso per gli armamenti. In breve, con la terza parte di ciò che gli europei spendono di fumare, o con meno del 2% di quello che è speso sulle armi del mondo, potrebbe eliminare la povertà.
Abbiate il coraggio di proporre la globalizzazione di generosità, di servizio, di giustizia e di fratellanza. Dire amore e solidarietà moda. Offriamo i nostri studenti un'educazione finalizzata a coltivare il vostro cuore, affinché possano vivere spillatori in servizio ed essere un dono per gli altri.

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…