Passa ai contenuti principali

Il buon re - Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori

Parabole e racconti per l'educazione ai valori



C'era un re buono e sincero che governò il paese con la giustizia e la bontà. Invece di vivere intrappolati nel suo palazzo, ha usato per esplorare i confini del suo regno, al fine di osservare i problemi e cercare di aiutare le persone. Se ha visto che i suoi sudditi erano allegri, suo cuore saltò di gioia.
Ma il buon re stava diventando vecchio e ha dovuto consegnare il Regno ad uno dei suoi quattro figli. Volevano molto a suo padre e il re li amava tutti ugualmente. Per questo motivo, non era facile decidere chi sarebbe stato il suo erede. Poi, si avvicinò con parlare individualmente con ciascuno di loro di rilevare che aveva le migliori qualità per essere un buon re. Li convocò nel suo ufficio e poste in primo luogo a Juan, figlio primogenito.
-Io sono già vecchio, io e mio figlio avrebbe dovuto consegnare il mio trono a uno di voi. Per questo motivo, voglio chiederti una cosa: che cosa faresti se domani fossero il re del paese?
Juan pensato un buon tempo di risposta e, infine, ha detto:
-Sarebbe che tutti gli uomini del Regno erano ben addestrati e armati in modo che fossero in grado di difendersi contro qualsiasi nemico. La forza di un paese risiede nella suo eserciti e la forza dei suoi uomini.
-Molto bene, figlio, disse il re, analizzare la vostra risposta.
All'uscita di Juan, entrato il secondo figlio, un ragazzo molto intelligente. Il re si
Ha detto:
-José, figlio mio, io sono già troppo vecchio e vorrei darvi il Regno. Ma innanzitutto risponderò una domanda.
Il re lo fece la stessa domanda che aveva fatto prima a Juan e José, dopo pensando un po ', ha risposto:
-Vorrei guardare il modo che tutti nel Regno è istruzione. Avrebbe aperto molte scuole affinché ognuno potrebbe studiare perché la forza di un paese risiede nell'istruzione.
Bene disse il re, esamineremo la vostra risposta.
Il terzo figlio, Francisco, che era molto religioso, ha detto la domanda del padre, dicendo che molte chiese vuoi rialzare e promuovere il culto e la preghiera, perché la grandezza di un paese che ha riseduto nella fermezza della religione.
Quando fu la volta del figlio più giovane, non ha fatto apparire ovunque. Dopo un po', è venuto di corsa e agitato, e il re gli chiese:
-Cosa, figlio? Dove sono stati che non che sei andato a parlare con me quando hai giocato? Nel caso in cui tu non sono interessati a diventare un re?
Pedro, che era il figlio più giovane, ha detto che contiene i rantoli di stanchezza:
-Che cosa è accaduto, padre, è che, mentre stavo aspettando il mio turno, ho scoperto che Santiago, il vecchio maestro del cavallo, era stato cacciato da un cavallo e un pensiero, a quel tempo, la cosa più importante era corsa in suo aiuto per vedere se potevo fare qualcosa per lui.
Il re lo abbracciò eccitato e ha detto:
-So che sarà il mio successore: si, Pedro, perché sai che non solo ciò che le persone devono essere felici, ma sempre siete disposti a farlo. Si
Sai a servire e che è la cosa più importante.

* * *

C'era una volta un rabbino che ha avuto una reputazione per il Santo. Persone vivevano incuriosito perché ogni venerdì e ' scomparso senza che nessuno sapeva dove stavo andando. A causa della sua gentilezza e il buon nome, cominciò a diffondere la voce che queste assenze su venerdì, stava per incontrarsi con l'Onnipotente.
Fuori di dubbio, hanno commissionato a qualcuno che ha seguito segretamente il rabbino e scoprire dove stavo andando. Venerdì, "spia" seguita il rabbino alla periferia della città e un ora e mezzo più tardi, quando le gambe erano già stanchi perché i rabbino passi erano molto vigorosi, scoperto che questo è mascherato in veste di contadino e ben vestito, è andato in un miserabile ranch dove usato per rispondere ad una donna incredula che era paralizzata.
Nelle ore seguenti, Rabbi lavati e vestiti stirati del cibo malato, preparato per quel giorno e il sabato, pulito la casa, ha fatto alcuni arrangiamenti e tagliare la legna per alimentare il fuoco per tutta la settimana.
Quando la 'spia' restituito alla Congregazione, tutti i membri della Comunità lo circondavano ansiosi.
-Ha fatto il rabbino? -ha chiesto. Lui ha visto salire al cielo?
-No - rispose la 'spia'-. L'ho visto salire molto più in alto.
(Tratto da Armando José Sequera, "Racconti di umorismo, arguzia e saggezza")
Dios Creador ci ha fatto a sua immagine e somiglianza, ci ha fatto creatori. Ha creato tutte le cose e metterle al nostro servizio. Con la nostra azione dobbiamo ricreare il mondo, esso umanizzare, rendono più umani ogni giorno. Un mondo dove non ci sono nessun degno di persone senzatetto, affamati, senza scuole, senza amore.
Dio stesso è diventato uomo a conquistare noi, con la sua parola e con l'esempio, la cosa importante è il servizio. Ecco perché il suo comando principale, il segno distintivo del suo amore seguaci è pratico, che curare le malattie, calmare la fame, il cuore di offerte... Importante è la forza, la saggezza, fervore religioso, ma niente vale la pena senza carità o solidarietà. Frase proprio non ha senso se non mi aiutano a essere migliore, se che non esco disposta a Versami sugli altri. Dobbiamo essere come la primavera, non mantenere la sua portata, se non che riversa dando vita. E lo fa con gioia, cantando. Se hai tenuto alla vostra acqua, decomporrà e canzoni si sarebbe morto. Quanto più ami la demo, riempiamo più amore. L'unico modo per riempirci di amore sta dando. Tutto quello che noi diamo agli altri, finisce per tornare a noi. Si lamenta di fame, dolore, miseria, coinvolge commettendo per alleviare il loro o di sradicarli. Compassione deriva dalla condivisione: partecipare la stessa passione, la stessa sofferenza. Se arrestato per essere un cristiano e ha detto che il segno distintivo dell'amore cristiano è tornato servizio quali prove sostengono per condannarvi? Vive e insegna a vivere la vita come un dono per gli altri. "Tutto l'amore e servire, ha detto Ignacio de Loyola.
Ricorda la bella poesia di Gabriela Mistral:
Tutta la natura è la nostalgia per il servizio.
Serve la nuvola, vento serve, serve Groove.
Dove si trova un piantagione di alberi, piantarlo
dove c'è un errore che modificano, modificarla
dove c'è uno sforzo che tutti Dodge, ti accetto.
So che partì Stone Road,
l'odio dei cuori,
e la difficoltà del problema.
C'è la gioia di essere sano ed essere onesti;
ma soprattutto, non c'è
la bellissima gioia di servire.
Triste come sarebbe il mondo
Se tutto ciò che è già stato fatto,
Se c'è piantato un cespuglio di rosa,
una società che prendere...
Ma non cadere nella trappola
pensare rende merito solo con le grandi opere; Ci sono servizi di piccole dimensioni che sono buoni servizi: decorare un tavolo, ordinare un paio di libri, pettinare una ragazza. Una è quella critica; che è colui che distrugge. Sai quello che serve.
Il servizio non è compito degli esseri inferiori.
Dio, che dà il frutto e la luce, servito.
Si potrebbe chiamare: chi serve.
Ha gli occhi fissi sulle nostre mani e ci chiedono ogni giorno:
Servito oggi?
A chi?
Per l'albero, il tuo amico, tua madre?

* * *

La storia che c'era un quarto re mago, che è arrivato in ritardo all'appuntamento di Betlemme alloggiando per aiutare un vecchietto. Quando è arrivato, già la Sacra famiglia era fuggito in Egitto. C'era nella sua ricerca, ma ci volle molto ad arrivare perché era il modo che ha preso molto aiutare quelli in difficoltà. Ha perso il contatto con il bambino fino a quando, all'età di trent'anni, cominciò a sentire voci e notizie di un grande profeta di Galilea. Dal primo momento, ha indovinato che era Gesù e partì alla ricerca. Ancora una volta, è stata ritardata a proposito di aiutare i bisognosi e solo poteva incontrare Gesù quando andò al Calvario addebitato con la sua croce.
-Volevo tutta la mia vita - ha detto con occhi acquosi - e quando finalmente ti trovo, essi ti ammazzo.
Gesù trasformato il suo volto insanguinato verso di lui e disse con un sorriso impossibile:
-Non necessari per me, perché eri sempre al mio fianco.

Tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…