La storia di solidarietà - Parabole e storie per Istruzione in valori

Parabole e storie per Istruzione in valori

Parabole e storie per Istruzione in valori


-Può dirmi quanto pesa un fiocco di neve? -ha chiesto una colomba un colibrì.
-Nulla - fu la risposta.
-Se questo è quello che pensi, che pesa niente, ti dirò una storia: l'altro giorno ho messo nel ramo di un albero di pino, vicino alla baule. Era freddo e ha iniziato a nevicare docilmente. Non era uno di quei terribili bufere di neve che ha colpito gli alberi e li intrecciati dolorosamente. Ha nevicato come in un sogno, senza violenza, senza pregiudizio. Come non aveva nulla a che fare, ho iniziato ad avere i fiocchi di neve cadere sul ramo. Esso aveva contato esattamente 3.741.902 fiocchi, quando cadde il seguente - senza alcun peso, come si dice - e si è rotto il ramo.
Detto questo, il colibrì ha preso il volo.

* * *

La colomba, un'autorità in materia dal tempo di Noè, cominciò a riflettere e, dopo pochi minuti, ha detto: "forse soltanto è necessaria la collaborazione di una persona più per solidarietà ad aprire la strada al mondo"
(Kurt Kauter).
Quante immagini fa il Louvre, il Prado, il Vaticano..., o presso uno qualsiasi dei milioni di musei che esistono nel mondo? Quanti colpi avete l'immagine più piccola di tutti coloro che hanno uno di questi musei? E l'immagine più grande? E tutte le immagini di una stanza? E tutte le immagini di tutte le camere? E tutte le immagini di tutti i musei del mondo? Miliardi? Migliaia di miliardi?
In generale, opere importanti, le opere di grande valore, sono realizzati sulla base di centinaia e migliaia di dettagli, collocati uno accanto a altro, tenacemente, pazientemente, minuto per minuto, ora per ora, anno dopo anno... milioni e milioni di gocce d'acqua essere trasformata in fortezza di oceano incomprensibile. Milioni e milioni di lettere si intrecciano per formare le opere letterarie.
Basta non andare a comporre il mondo, ma fornisce il contributo che si ottiene. Fare quello che devi fare, lavora con entusiasmo e incontra il tuo dovere anche se non vedete i risultati. Essere responsabile e amichevole, anche se gli altri non lo sono. Essere coerente con te stesso. Non lasciatevi ingannare. Non utilizzare la pigrizia o l'irresponsabilità degli altri come scusa per l'inazione, non per fare quello che si ottiene da fare.
Eroismo vero non è così tanto facendo alcuni lavori straordinari, ma to vivere intensamente ogni giorno di lavoro, ogni azione e ogni momento come se fosse quest'ultimo, come se fossero fino al destino dell'umanità. Quando ti svegli al mattino, Dio ha già fatto per voi una meravigliosa impostazione affinché si possa vivere una giornata piena: c'è il pop di colori all'alba, il canto degli uccelli, la fermezza degli alberi, il sorriso dei fiori, l'odore del caffè, aria allargando i polmoni, il dono gratuito della vita e le persone che vi circondano. Tutto ciò dà generosamente. Tutto ciò rende al vostro servizio affinché servono anche. Proporre vivete al massimo, nel servizio, nell'infinita offerta di piccoli dettagli. Ricordate sempre le parole che usate per ripetere la sorella Teresa di Calcutta: "i bambini e i poveri, a tutti coloro che soffrono e sono soli, fornendo loro un sorriso allegro. Non dare loro solo la vostra cura, anche fornire loro il cuore. "Forse non possiamo dare molto, ma possiamo sempre fornire la gioia che scaturisce da un cuore pieno d'amore". Un saluto affettuoso, una parola di incoraggiamento, un sorriso, un abbraccio, può cambiare una vita:

* * *

Cammina lungo una strada in Russia, durante la carestia che ha accompagnato la guerra, il grande scrittore Tolstoj incontrò un mendicante. Tolstoj rivisto loro tasche per vedere cosa è stato dare quel pover'uomo. Ma non aveva nulla: aveva già dato tutto prima. Mosso a compassione, ha abbracciato il mendicante, baciato le sue guance e ha detto:
-Non essere arrabbiato con me, fratello, non ho nulla da darti.
Trasformato il volto sparuto di mendicante. E brillavano le lacrime agli occhi, mentre dice grato:
- Ma tu mi hai abbracciato e mi hanno chiamato fratello. Questo è un grande dono!
(Tratto da Lewis, Edvige, "a casa con Dio", Messaggero, Bilbao)
Articolo tradotto per scopi didattici