Passa ai contenuti principali

Il gabbiano e il pescatore - Parabole e storie per Istruzione in valori

Parabole e storie per Istruzione in valori

Parabole e storie per Istruzione in valori


Un gabbiano volava alto sul mare. Di là giù ha intravisto, rendendo schiume fra entrambi blu, la barca di un pescatore.
-Ah, se avessi una rete simile a quella dell'uomo - è detto il gabbiano - non avrebbe motivo rassegnarmi a prendere un pesce singolo dopo diversi tentativi di tuffarsi in acqua!
Allo stesso tempo, è il pescatore, incantato con il volo del gabbiano, ha detto:
-Se avessi avuto il privilegio di guardare da in cima a quello che prendo, non oserei sia in acque profonde e anche a me dalla costa il mattino, quando ogni pescatore è cieco e il suo orecchio è perso nell'immensità.
Troppo molte persone passano la loro vita non abbiate il coraggio di essere se stessi, senza considerare come in realtà vogliono essere o qual è la loro missione nella vita. Lacerato dal desiderio di imitare gli altri, la voglia di guardare come o essere come qualcuno che essi invidiano o ammirare dal vivo.
Educare è per aiutare ogni studente a diventare quello che è chiamato ad per essere. Ad amare, accettare e promuovere tutti i suoi talenti e le possibilità, sapendo che egli è unico e irripetibile. Vivente è costruito. Vita richiede una tenace lotta per diventare uno di sé. Solo di aiutare gli altri a essere, se voi vi sforzate per se, si vive nella vostra crescita interna permanente. Per aiutare gli altri ad essere autentico e buona, deve lottare giorno dopo giorno diventano sempre più meglio.
È solo possibile a rispettare e ad amare gli altri, se uno comincia con rispetto e volendo egli stesso, implicando accettato e stimato da ciò che uno è, e non quello che sembra essere, o che cosa ha o sostiene di avere.
Ricordo e la poesia vivere intensamente 'sono io' di Virginia Satir:

Tutto il mondo, non c'è nessuno esattamente come me.
Ci sono persone che hanno alcune parti che mi sembrano,
ma nessuno è identico a me.
Pertanto, tutto ciò che viene fuori di me
È autenticamente mio perché io solo sceglierlo.
Tutti i miei appartiene a me - corpo,
compreso tutto ciò che fa;
mia mente compresi tutti i suoi pensieri e idee;
i miei occhi, tra cui le immagini percepite;
miei sentimenti, qualunque essi siano-
coraggio, gioia, frustrazione, amore, delusione, eccitazione;
mia bocca e tutte le parole che vengono fuori,
Benvenuto, dolce o taglienti, leale o sleale;
mia voce, forte o morbido;
e tutte le mie azioni, se per gli altri o me stesso.
Mie fantasie, i miei sogni, mi appartengono
mie speranze, le mie paure.
Tutti i miei trionfi e successi, appartengono a me
tutti i miei fallimenti e gli errori.
Perché tutto ciò che è mio è mio,
Arrivare a ottenere intimamente familiare con me.
E facendo questo posso amarmi e accettarmi,
e accettare tutte le parti del mio corpo.
Allora io posso rendere possibile tutto ciò che appartiene a me
lavoro per ottenere il meglio per me.
So che ci sono aspetti di me stesso
che confuso me e altri che non conosco.
Ma mentre io so e che mi ami,
Trovo che con coraggio e con speranza
la soluzione alla mia confusione
e il modo di conoscere me più.
Il suo aspetto, come sembra agli altri,
cosa dire o fare, cosa ne pensate
e sentire in un dato momento, che io sono.
Questo è autentico ed è dove mi trovo in questo momento.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…