Coccio rotto - Parabole e storie per Istruzione in valori

Parabole e storie per Istruzione in valori

Parabole e storie per Istruzione in valori


Un caricatore di acqua in India aveva due grandi vasi che trasportano sulle loro spalle appese all'estremità di un bastone. Uno dei vasi era perfetto e ha dato acqua completa alla fine della lunga strada da Brook alla casa del pattern.
Altro piatto aveva una crepa dove esso era fuoriuscita d'acqua lungo il percorso. Quando sono arrivati, potrebbe consegnare solo metà del suo flusso.
Due anni è stato ripetuto giorno dopo giorno questa situazione. La nave perfetta si sentivano orgogliosa di se stessa, mentre il vaso incrinato vissuto vergogna della propria imperfezione e miserabile di feltro non soddisfa pienamente la missione per cui era stato creato.
Un giorno, ha deciso di esporre il loro dolore e la loro vergogna per il Waterboy e ha detto:
-Mi vergogno molto di me stesso, e voglio scusarmi con te.
-Perché? -ha chiesto il Waterboy.
-Sai bene perché. A causa del mio crepe, può solo fornire metà dell'acqua e quindi ricevono solo la metà dei soldi che deve ricevere.
Il waterseller docilmente sorrise e disse al piatto rotto:
-Quando andiamo domani uno nuovo per la casa del modello, voglio farvi notare i bei fiori che crescono lungo la strada.
Così ha fatto e, anzi, visto che i bordi della strada sono stati ornati di bei fiori. Questa vista, tuttavia, non cancellato lui il dolore che è cresciuto nella sua anima di nave non essendo in grado di sua missione al meglio. Torna a casa, ha detto il portatore d'acqua:
-Ti rendi conto che i fiori crescono solo sul lato della strada? Sempre sapevo la crepa e volevano approfittare di loro. Piantato fiori dove hai intenzione di spendere e ogni giorno, senza dover lavorare sodo per esso, tu hai state innaffiando li. Durante questi due anni, sono stato in grado di raccogliere questi fiori per decorare l'altare della mia insegnante. Se tu non fossi come lei, non sarebbe stato in grado di gustare la loro bellezza.
Tutti hanno crepe e limitazioni, e ancora tutti vale la pena. Frequentemente, i nostri punti deboli sono i nostri punti di forza. Consapevoli della loro ci rende umili, comprensione. Non c'è niente di più insopportabile di una persona che si sente perfetta o santa. Veri Santi riconoscono i peccatori e gli autentici saggi sono coloro che più vocean tua ignoranza.
Abbiamo bisogno di un'educazione che non punisce l'errore, si trasformano in un'occasione di apprendimento meraviglioso. Un'educazione che trasformerà i vincoli in sfide e proposte per superare quel pericoli diventano opportunità. Ricordate quelle rane che vivevano in fondo a un pozzo. Lì, nel mondo oscuro, si sentivano tranquilli. Li aprì un foro stenopeico di luce e, talvolta, il bel volto di un giallo trecce ragazza che ha gettato un secchio cadere duro nell'acqua. Per le rane nel pozzo, il bel volto supposta minaccia e pericolo: sempre dietro di lui è caduto il secchio temuto che, se essi sono stati trascurati, poteva schiacciarli. Ma c'era una rana sognante che voleva sapere che cosa era da altro lato di quel buco di luce. E un giorno, ha preso un rischio: dovrebbe calare il secchio e, anziché in partenza, saltò. Trecce bella ragazza gialla tirato il secchio con la rana all'interno. Là, da altro lato del pozzo, splende un mondo insospettato prodigioso e verde, pieno di fascino, con laghetti, fiori, stelle e un sacco di insetti che erano succulente prelibatezze.
Sale il pozzo scuro. Salti nel secchio, l'ignoto. A parte le paure, la luce si accende. Nonostante le crepe e le debolezze, sei una persona preziosa. Non tutti la pena lo stesso, ma tutti sono vale la pena. La sfida è scoprire i nostri talenti per valorizzarle e ben depositata su di loro, per rendere la vita completamente.
Non consideri mai superiore agli altri o li disprezzano perché si pensa che sono meno intelligente di te o peggio. Ponte sempre dalla parte dei più deboli:

* * *

Il famoso attore e drammaturgo Peter Ustinov è stato scelto come padrino della graduazione in una scuola inglese. Alla cerimonia di apertura, il direttore si è congratulato con gli studenti eccitato e ha annunciato con orgoglio che una promozione di cinquanta, solo due studenti era riuscito a superare le prove e che, pertanto, essi sarebbe non laurearsi.
Quando ha dovuto dire il drammaturgo, dedicò il suo discorso a due studenti che non sono state andando a laurearsi:
-Non ho alcun titolo o preparazione e penso che il mondo ha bisogno dai medici stessi e lavoratori, dottori e contadini. Tutti apprezzano ugualmente e penso che la cosa davvero importante è che ognuno trova la sua missione nella vita e farlo con dignità e onestà. Mi sento incline verso i due che hanno fallito gli esami come sono sempre incline a qualsiasi minoranza. Per questo motivo chiedo che abbassare, non sentire come vi chiedo, di non essere qui, sono superiore o migliore di loro. Se fossi stato uno studente di questa scuola, sono quasi certo che sarebbero tre i sospesi che oggi noi potremmo non laurearsi.
Articolo tradotto per scopi didattici