Passa ai contenuti principali

Vite come guardiamarina

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Essi dicono che, in un'occasione, è diventato un missionario a un popolo indigeno. Gli abitanti del villaggio ha ricevuto il missionario con grande attenzione e precisato per ascoltarlo.
-Io sono qui per portarvi la notizia di un Padre Dios, che vuole che tutti noi, e si desidera vivere come veri fratelli, che ci servono e aiutano a vicenda. Hanno intenzione di accettare la notizia che portare e ricevere nei loro cuori che Dios il Padre che ci ama tutti come veri bambini?
In pausa il missionario e indigeni rimasero in silenzio.
-Essi accettarlo o non accettarlo?-insistette sconcertato il missionario.
Dopo un po', la voce del capo dicendo sorse sereno:
-Restare e vivere con noi che alcuni giorni e se davvero vivono ciò che si insegna, poi di nuovo ad ascoltarti.
Hatuey fu un capo nativo fuggiti molestie dei conquistatori cristiani ad Haiti. Egli si rifugiò nelle grotte e montagne di Cuba. Ci indicò un paniere di oro e ha detto:
-Questo è il Dio dei cristiani. Da esso che perseguiamo. I nostri genitori e i nostri fratelli e sorelle sono morte da esso. Balliamo per lui. Se il nostro ballo piacergli, questo Dio invierà che non lo facciamo.
Pochi mesi più tardi fu intrappolato e legato ad un bastone. Lo dicono che se lui non accetta la nuova religione e riconosce il Dio dei cristiani come l'unico vero Dio, essi brucerà il tuo corpo e la tua anima brucerà eternamente. Se accettarla, essi ti perdoneranno la vita e l'anima godrà per sempre in paradiso.
-In questo paradiso, saranno anche i cristiani? -domanda Hatuey.
-Sì.
Hatuey sceglie l'inferno e il legno comincia a crepitare.
Monsignor Pedro Casaldáliga, vescovo del Brasile, mette la testimonianza coerenza, tra le caratteristiche fondamentali che devono essere di nuovi uomini e donne: "essere ciò che siamo. Parlare di quello che si crede. Vivere ciò che è proclamato. Fino a quando le ultime conseguenze e nella minuzia quotidiana».
La mancanza di coerenza tra parole e vita fatta frequentemente messaggio cristiano qualcosa che giustifica la più crudele sfruttamento e ingiustizia. Fray Bartolomé de Las Casas ha denunciato questa incoerenza nelle sue lettere ripetute al Consiglio delle Indie: «aveva gli indiani più validi - dice - andare all'inferno con la sua infedeltà, il suo poco a poco e da solista, per essere salvati dai cristiani. " «Già raggiungere il cielo urla di modo molto versato sangue umano: il vivente, arrosto bruciato su griglie, cast a cani coraggiosi...».
La mancanza di coerenza anche è ancora uno dei problemi più gravi nella nostra istruzione corrente. Frequentemente, la pratica nega i desideri e proclami delle nostre filosofie e dichiarazioni. Quando la scuola o l'ambiente familiare è contraddittoria, cioè che si basa su una cosa e adulti fanno gli scettici di un altro, giovani, ribelli e frequentemente anarchico diventare. Il problema si verifica perché la confusione è formata all'interno, non sanno come agire e finiscono per ribellarsi, trascurando l'autorità dell'insegnante o genitore.
I bambini vogliono compiacere gli adulti con i loro comportamenti. Ma questo è possibile solo se nella scuola e a casa non c'è chiarezza circa il bene che ci si aspetta da loro e se i bambini vedono gli adulti che agiscono come hanno chiesto loro di farlo.
Non dimenticare che cosa ha ripetuto quel grande educatore cubana José Martí: «il modo migliore per dire è fare».
Salvia non è tanto chi sa molte cose, ma chi vive quello che sa. Cerchiamo di non tanto per trovare la verità nella vita, ma vivere la vita nella verità.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…