Passa ai contenuti principali

L'ostrica perla

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Marina era una vera ostrica. Una lumaca strisciante, non un essere di vivere profondo. Come tutti della sua razza, egli aveva cercato un fondo di roccia a tenere saldamente su di esso. Quando avete capito bene, ritiene che hanno trovato la loro destinazione chiara permettendogli di vivere senza problemi la sua esistenza di ostrica. Vuoi vivere la vita tranquilla e felice senza battute d'arresto speciali un.
Ma Dio aveva fissato sue viste su Marina e aveva scelto di renderlo particolarmente prezioso. Un giorno, Dios si stabilì a Marina il granello di sabbia. Letteralmente: un granello di sabbia. Fu durante una tempesta di profondità. Quelli che quasi non causano onde sulla superficie, ma rimuovere il fondo degli oceani.
Quando è caduto il granello di sabbia nell'ostrica, Marina era chiuso violentemente come ha fatto ogni volta che qualcosa di strano è venuto su di lei. Questo è le ostriche modalità utilizzata per alimentare: tutto ciò che entra nella vostra vita è intrappolata, disintegrato e assimilati. Se il corpo estraneo non è digeribile espulsero fuori.
Ma Marina, anche se si è sforzato, potrebbe non digerire o espellere che il granello di sabbia che si stava affondando lui più profondo nella sua carne. Il dolore era insopportabile. Cercando di pensare ad altre cose, di dimenticare il dolore, ma non ho potuto. Sempre lì, occupata il luogo della loro esistenza, come se la sua vita era diventato un dolore.
Nessuno avrebbe mai pensato che l'unico modo sua restante Marina stava combattendo disperatamente il dolore, lo circondano con il pus di amarezza, vivere amaro, sempre lamentarsi, rendendo l'inferno la propria vita e le vite di coloro che erano con lei.
Ma le ostriche hanno la straordinaria qualità della produzione di sostanze solide. Questa qualità è normalmente dedicato per fabbricare una difensiva, robusto all'esterno e liscia all'interno shell. Ma Marina dedicata alla produzione di una perla. Lentamente e con il meglio di sé, era che circonda i due centesimi del loro dolore e il suo intorno al nucleare iniziò una bella perla. E ' diventato questo compito nell'illusione, nella missione. Non più dolore curato perché era la fonte della sua speranza e il suo sogno.
Molti anni dopo la morte di Marina, è caduto a pochi subacquei sul fondo del mare. Quando lo hanno portato alla superficie, hanno trovato in lei più bella che perla avesse mai visto. Per vederla brillare con tutti i colori del cielo e il mare, nessuno dubitava la cosa preziosa che era stata subita dalla vita marina
(La versione gratuita di un testo di Mamerto Menapace).
Ricordiamo anche la storia di quei due semi che era stato mollato nella scanalatura. «Voglio crescere – ha detto il primo - voglio le mie radici ad affondare in profondità nel terreno e che i miei figli rompono la crosta che ho fino.» Voglio distribuire i miei teneri germogli come bandiere e annunciare l'arrivo della primavera con le mie braccia... Voglio sentire il calore del sole e la freschezza della rugiada sul mio viso. Voglio vivere e dare vita.
Poi si è sviluppato.
Il secondo seme ha detto: «ho grande paura. Se lascio le mie radici scendono, non so che cosa troverò al buio. Quando ho aperto la mia strada attraverso il terreno, ho fatto male i miei soci fragile, mi punirà il vento, il fuoco del sole mi farà male e qualcuno potrebbe fare un passo su di me o mi avvio. Sarò tranquillo, addossate al tepore della scanalatura, fino a vedere più chiaramente cosa fare»
Poi ha aspettato.
Venuto alcuni uccelli, ha cominciato a scavare per il cibo, e uno di loro trovato è il seme che si aspettava e ha inghiottito.
Uno dei principali difetti del sistema educativo attuale è che esso ha trascurato la formazione della volontà e la capacità di rischio. Viviamo in una cultura edonistica, vana, malinconiche, che rifugge lo sforzo, il sacrificio, la maturità della stessa. Tutto ciò che non produce piacere o gratificazione immediata è respinto da inutili. Ecco perché stiamo raccogliendo generazioni di giovani, superficiale, incapace di sforzi sostenuti, facile preda di rivenditori e commercianti che lodano il suo ego e domare il suo ribellismo per diventare semplici consumatori.
Un'educazione che lo sforzo e il valore di scadenza di salvataggio è urgente. Sono tempeste e venti forti che formano i migliori velisti. «Se il chicco di grano non muore, dà frutti...» Una vita troppo facile genera fragile, per sconfiggere qualsiasi difficoltà o problema. Grandi uomini fatto della sua vita in sacrificio, ultimata la sua volontà alla scadenza, rosa e restituito per generare in loro cadute. Il grande scienziato Pasteur ha subito un ictus che lo lasciò quasi nullo, superare questo problema con determinazione, ha continuato lavorando e ricercando per 28 anni. Il vaccino scoperto era più a causa della sua tenacia e sforzo di intelligenza. Milton era cieco e ha dato loro bambini il suo lavoro «Paradiso perduto» di vertice. Demostene era ammutolito e piegato la sua voce diventando sassolini in bocca ed esercitare il suo oratorio contro un mare arrabbiato. Essa divenne così il miglior oratore dell'antichità.
È quello che ha detto Bolivar: «arte beat è imparato dalle difficoltà». Affinché le scuole diventano uomini e donne responsabili di forges, gratuito e generoso, si deve includere nella sua proposta educativa l'esercizio continuo della maturità di se stessi. Volendo studenti non coccolare o modifichi la loro, ma li incoraggiamo a dare il meglio di sé, di intraprendere la lotta quotidiana contro la pigrizia e l'egoismo che li imprigionano a terra e impedire che sollevano le loro ali in un volo di libertà. Da qui l'importanza di attività come lo sport, i ritiri, escursioni... così appropriato forgiare il cuore e determinazione, impegno e maturità imparare a esercitare.
Insegniamo i nostri giovani ad essere forte, senza perdere la tenerezza e la compassione.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…