Passa ai contenuti principali

La vigna era diventare

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Mi ricordo, quando ero un bambino, l'insegnante che abbiamo messo per leggere cerchiato in un libro di favole e storie incredibili che, se ricordo male, era chiamato il tesoro della gioventù. Fra loro, in particolare ricordate le seguenti:
Un contadino sentiva era il tempo della sua morte e mandò a chiamare i suoi tre figli.
-Solo lasciarli per eredità il vigneto dove abbiamo lavorato tutta la vita, e che sempre ci ha dato da mangiare. Deve promettermi che non faranno mai in epoca.
I bambini ha promesso una richiesta che sembrava molto strana a loro senza problema. Come si convertirà la vite fertile in un'epoca improduttiva che serve solo a trebbiare il grano!
Anni passati, ha iniziato i problemi e le controversie tra i fratelli e ha deciso di vendere la vigna e distribuire ciò che hanno guadagnato da lei. Tuttavia, lo hanno fatto giurare al compratore che non lo rendono mai in epoca.
-Non che ero pazzo - ha detto - come posso buttare il mio denaro per acquistare un bellissimo vigneto in epoca.
Finì presto soldi ai fratelli e quindi non furono costretti a lasciare per trovare lavoro come lavoratori a giornata. Un giorno, andò a vigna, piena di frutta matura, e disse il più giovane dei fratelli con nostalgia:
- E pensare che questa vigna era nostra...
Allora essi compresero che era ciò che voleva dire il padre non diventi il vigneto è stato.
Una storia simile ha un ricco agricoltore, visto che è venuto il tempo della sua morte, chiamati suoi figli e disse loro:
-Per non vendere mai la trama ho ereditato da mio padre e ora lascio a voi. Buono a sapersi che, anche se non so l'esatta posizione, nelle sue viscere è nascosto un favoloso tesoro. Se lavorano con dedizione e impegno, sicuri che troveranno. Quando si raccolta il raccolto, rimuovere la terra, sopra, sotto, senza lasciare una campata unica senza scavare, fare alcune gole profonde in esso per vedere se essi trovare il tesoro.
Il padre morì e bambini rimosso con dedizione per tutta la terra. L'anno seguente, il raccolto è stato supera negli anni precedenti. E i bambini compreso la saggezza di suo padre, che aveva voluto loro per indicare che il vero tesoro è al lavoro.
Olio che noi abituati ai venezuelani a vivere su redditi, piuttosto che di lavoro e di produzione, così ci ha convinti di appartenere ad un paese immensamente ricco e hanno diritto a una vita sciolto senza necessità di produrre o lavorare. L'ombra dell'olio di rosa i politici e i grandi uomini d'affari che ha preso il controllo della ricchezza come se fosse un bottino. Il reddito era abbastanza grande da sostenere una democrazia il suo patrocinio e limosnera, che stava riempiendo tutti gli enti pubblici a battaglioni di inefficace e parassiti. Accuse erano per servizi o fedeltà al partito, piuttosto che di meriti e abilità e la maggior parte di coloro che hanno accettato di importanti posizioni trasformato selvaggiamente alla sensualità più lorda del potere, inoltre, convinto che egli potrebbe farlo senza rendere conto a nessuno, perché considerati titolari di reddito e non solo i suoi amministratori.
Istruzione inoltre ha contribuito notevolmente a promuovere questa mentalità perché studi assunto e intendono come un mezzo per accedere patrimonio esistente, piuttosto che per produrlo e garantire la sua equa distribuzione. La cultura della spazzatura, i rifiuti e l'improduttivo penetrato con forza in tutto il sistema di istruzione, dalle scuole alle università.
Il paese non supporta più divorzio tra formazione e produzione. L'attuale sistema di istruzione, radice e frutto di una società più rentier e sovvenzionati, deve cedere il passo ad una formazione e al lavoro, il germe di una società di produttori che generano una cultura di produttività ed efficienza senza dimenticare, tuttavia, che l'uomo dovrebbe sempre essere posizionato sopra le leggi del mercato con il suo lavoro organizzato. Educazione deve essere intesa come un mezzo per dare lavoro, politica e formazione umana che generare ricchezza, garantire l'equa ripartizione e creare gli stimoli necessari che collegano lo sforzo e la produttività.
Ciò significa, in primo luogo, che la scuola prende sul serio il lavoro. Non come un oggetto o un'area, ma come un valore fondamentale e un contesto che permea tutta la vita della scuola. Per fare questo, le scuole devono diventare luoghi dove lavora seriamente, con puntualità, disciplina ed è considerato una tragedia qualsiasi perdita di tempo. Prendere il lavoro come valore supposto anche optare per una pedagogia attiva, concentrandosi sul rendere significativo studente e non nella parola dell'insegnante che deve poi ripetere lo studente nei exams. Lo studente impara facendo costruire, creando e ricreando, manipolare, ricercando...
Solo se cambia l'Aula in un laboratorio dove lavori seriamente, organizzato e in modo cooperativo, dove imparare i risultati vengono tradotti su soluzioni a problemi specifici o su prodotti utili e belli, lo studente amo lavorare e dovrà lavorare. Lavoro, lungi dall'essere una fonte di fastidio e noia, se si tratta di un lavoro che ha un senso e risponde agli interessi e le esigenze degli alunni, diventa un'attività gioiosa e nel mezzo più importante per la crescita e la realizzazione personale.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…