La rana e il bue

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Una rana vide un bue e trovato così grande e così forte che voleva essere ardentemente come esso. Da quel giorno cominciò ad odiare se stessa: era brutto, piccolo, insignificante... Ha maledetto la sua fortuna di rana, i suoi genitori che lo avevano reso così, lo stagno dove visse e spettava insopportabile i suoni melodiosi che riempiva ogni notte.
Poi ha ottenuto la rana a mangiare e mangiare con l'idea di diventare grande come il bue. Sebbene non avesse alcuna fame, stava ancora mangiando. Sua sorella minore, diceva:
-Guarda, sorella, come sto crescendo. Presto sarò grande come il bue.
-Sei cresciuta un po', ma ancora molto dovete essere come il bue.
La rana era ancora mangiare e mangiare e anche se non sono cresciuti molto, era molto spessa e molto imbarazzante: a stento potrebbe saltare. Cieco con la sua idea di crescere e crescere per essere come il bue, esso seguì mangiare e ingrassare al punto che non è più non poteva camminare.
-Sono già così grande e bella come il bue?-gli chiese un giorno duro sua sorellina perché era così grasso che difficilmente poteva non parlare.
-Come si mangia, non sarai mai come il bue. Sei una rana, e per voler essere come il bue, non può più fare le cose di noi rane. Dimenticate il bue e vive felicemente come una rana.
La rana non era un caso di sua sorella e continuò a mangiare.
Un giorno, entrambi hanno mangiato la rana che scoppiò e morì.
(Adattamento di M. Capus, Pour incantatore noi petits).
Tale è la storia del pipistrello che Eduardo Galeano dice:
Quando il tempo era ancora molto giovane, c'era il mondo più brutto rispetto al bug di pipistrello.
Il pipistrello è asceso al cielo in cerca di Dio. Non gli disse: «io sono stanco di essere orribile. Dammi piuma colori." Lol Ha detto: "Dammi piume, per favore, che io muoio di freddo".
Dio non aveva lasciato nessuna penna.
-Ogni uccello vi darà una penna - decisa.
Così ottenuto il piccione di pipistrello piuma bianca e verde pappagallo, iridescente Hummingbird piuma e il flamenco rosa, il ciuffo rosso cardinale e blu sul retro la piuma di Kingfisher, Eagle ala argilla penna e penna del sole che brucia sul petto del Tucano.
Il pipistrello, colori lussureggianti e morbido, camminava tra la terra e le nuvole. Dove stava andando, era aria allegra e uccelli silenziosi di ammirazione. Popoli Zapotechi dicono che l'arcobaleno è nato l'eco del vostro volo.
Vanità si gonfiò il petto. Ha guardato con disprezzo al mondo e offeso.
Gli uccelli poi incontrato. Volarono insieme verso Dio.
-Il pipistrello si prende gioco di noi - si è lamentato - e sento anche freddo di piume ci manca.
Il giorno successivo, quando il pipistrello agitò le ali in pieno volo, era improvvisamente nudo. Una pioggia di piume è caduto sulla terra.
Egli va in cerca di loro ancora. Cieco e cattivo, nemico della luce, vive nascosti nelle grotte. Vendita a perseguire le piume perse è caduto durante la notte; e vola molto veloce, senza fermarsi mai perché dà vergogna di vederlo.
Accettazione di sé è la base fondamentale per una vita piena e felice. Tutti hanno ricevuto la vita come puro dono. Nessuno ci ha chiesto se volevamo non nato, né ci guardò come volevamo essere i nostri occhi, colore della pelle o dei capelli, o se volete essere piccoli o alti, grasso o magro. Abbiamo scelto anche il luogo della nostra nascita o famiglia che dovevamo avere. Ci potrebbe essere nato in un Ranch miserabile, un padre ubriaco e una madre tossicodipendente di droghe e forse oggi sarebbe quella Malandro nel che temiamo, o il bambino della strada che disprezziamo. Se noi fossimo nati in Iran, forse oggi sarebbe un fondamentalista musulmano.
Queste riflessioni ci dovrebbero condurre, in primo luogo, a relativizzare il nostro aspetto e la nostra condizione sociale, culturale ed anche religioso, in quanto erano don puro se di merito nostro e, in secondo luogo, non ci considerano né superiore né inferiore a nessuno e rispettare tutte le culture e tutte le persone.
Siamo nati, ci hanno dato l'esistenza. Nelle nostre mani è la missione di vivere in un modo che vale la pena, generando la vita invece di morte. Non è importante se sei bello, forte, bella, intelligente, atleta, ma cosa fare con quei doni, se li metti a produrre la vita agli altri o li usano puramente per il vostro divertimento e a gonfiare il tuo egoismo e vanità. Ed è che la vita non è qualcosa che già ci ha dato di fatto, ma è in grado di fare molte cose che vale la pena. Ma bisogna essere molto consapevoli delle proprie possibilità e limitazioni. La maggior parte delle nostre frustrazioni e nevrosi provengono dal desiderio di voler essere ciò che non può essere, volendo apparire che non lo sono, coprire con oggetti il vuoto del nostro cuore.
Articolo tradotto per scopi didattici