Passa ai contenuti principali

La mano

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Giorno del ringraziamento si avvicinò e insegnante ha chiesto agli studenti di prima scelta di disegnare qualcosa, quindi sarebbe molto grato. Ha pensato che quei bambini, per lo più poveri, non avrebbe molto da ringraziare. Sapevo che la maggior parte di loro dipinti tacchini, cotto merci, gelato, torte, forse la spiaggia...
L'insegnante rimase congelato con disegno fornito da Douglas: una semplice mano disegnata con difficoltà, senza la grazia.
Quello che vorrei esprimere con quella mano? da chi sarebbe quella mano? La classe è stata affascinata con il disegno di Douglas.
-Maestro, che è la mano di Dio che ci dà il cibo - ha detto uno studente.
-Credo che sia la mano del Signore che vende le sterne presso il cancello della scuola - avventurato una bambina.
-È la mano di Baker facendo pane e dolci - ha detto un altro.
-È la mano del medico che ha guarito un bambino Douglas quando è stato ospedalizzato - gridò con entusiasmo.
Douglas rimase in silenzio scuotendo la testa. L'insegnante lo avvicinava, affettuosamente chinò la sua scrivania e ha chiesto chi era quella mano.
-È che la mano, signorina - disse arrossita.
Poi ha ricordato l'insegnante molte volte, l'incavo, aveva portato a Douglas, un molto debole e indifeso, mano del bambino. E ha capito che quel semplice gesto per esso è stata l'esperienza più piacevole della vita di Douglas.
Essere maestro è di avere la mano aperta, disposti ad aiutare dove serve. Contro una cultura che separa, esclude, rifiuta o rende il pugno di mano colpire, apriamo le nostre mani e cuori, ci insegnano di parola e di esempio, il valore di accettazione che crea gioia e sicurezza.
«Nostro rende gli studenti li manca il pane e le rose», ha scritto Célestin Freinet sue parabole per una pedagogia popolare (detti di Matthew). "Il pane del corpo, che mantiene l'individuo in buona salute fisiologica. Il pane dello spirito, che si chiama istruzione, conoscenza, realizzazioni tecniche, senza la quale corre il rischio di non raggiungere la salute intellettuale desiderabile. Ma le rose anche. Non di lusso, ma una necessità vitale.
I bambini hanno bisogno di pane, il pane del corpo e il pane dello spirito, ma hanno ancora più bisogno per il look del suo maestro, la sua voce, la mano, suo pensiero e la sua promessa. Avete bisogno di sentire che hanno trovato il suo insegnante e la sua scuola la risonanza che dà un significato e uno scopo alla sua vita. Hanno bisogno di parlare con qualcuno che li sento, scrivere a qualcuno che leggerle o a capirle, produrre qualcosa di utile e bella è l'espressione di tutti quanto piombo nel loro generoso e più alto.
La pianta necessita di sole e cielo blu; l'animale non degenerato della doma non sa vivere senza l'aria diretta della libertà. I bisogni del bambino al pane e Rose".
Non dimentichiamo che i bambini imparano ciò che vivono.
Se un bambino vive criticati imparano a condannare.
Se un bambino vive con ostilità, impara a combattere.
Se un bambino vive vergogna impara a sentirsi colpevole.
Se un bambino vive con tolleranza imparare ad essere tolleranti.
Se un bambino vive con l'incoraggiamento, che impara ad avere fiducia.
Se un bambino vive caro imparare ad apprezzare.
Se un bambino vive con equità, imparare ad essere fiera.
Se un bambino vive con sicurezza, impara ad avere fede.
Se un bambino vive con approvazione impara a piacermi.
Se un bambino vive con l'accettazione e l'amicizia impara a trovare amore nel mondo.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…