La gara

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Storia deve al dottor D.H. Grobérg:
Essi erano già pronti per la partenza di tutti i corridori. Speravano solo il fischio di partenza con i muscoli tesi. Ognuno di loro stava pensando di vincere la gara o, se non è possibile, essere tra i primi. Genitori guardato e ha incoraggiato i loro figli, e ogni bambino aspettava per mostrare il suo padre che sarebbe stato il vincitore.
Finalmente suonava il fischio e masterizzazione strappato con speranze e cuori inquieti. Vincere e di essere che un eroe in quella mattina era il desiderio di ogni giovane.
Un ragazzo ha rotto dalla volata e ha preso l'iniziativa. Sapendo che suo padre era lì, ti guarda, mettere le ali ai suoi piedi. Avrebbe vinto e suo padre sarebbe fiero di esserlo.
Non ha visto che ha sollevato la radice, inciampato e il ragazzo che stava andando in primo luogo cadde in faccia in mezzo alle risate della folla. Cadde anche loro speranze con lui. Non sarebbe il vincitore. Sad, imbarazzato, ho pensato solo scomparire.
Poi vide il volto raggiante e amorevole del padre che lo incoraggiò a continuare. Se si ritiene ancora che egli potrebbe vincere, egli sobrepondría e vuoi fare uno sforzo straordinario e vuoi ottenere la vittoria.
Stava già riprendendo alcuni lavori, ho potuto vedere i ragazzi che erano a punta, ma la mente correva più veloce di gambe, scivolò e cadde nuovamente. Voleva sono stati rimossi prima, quando cadde per la prima volta. Ora, l'umiliazione e la vergogna erano più anziani. Aveva perso la gara e lui era perso come un broker.
Ma tra la folla che rideva, cercato e trovato il volto di suo padre e il suo sguardo penetrante che gli ha detto con la speranza e l'amore: «alzarsi e vincere la gara».
Egli balzò in piedi e riprovato. Il primo nailbiting corridori lui da più di 30 metri. Con uno sforzo senza precedenti, è riuscito ad accorciare la distanza, ma ancora una volta, scivolò e cadde definitivamente sconfitto sul terreno.
Non ha senso cercare. Lacrime di rabbia e di dispetto rotolato i suoi occhi. Sarebbe ritirato e dolorosamente affrontare la delusione del padre e le agavi della folla.
Poi udì la voce gioco di suo padre: "alzarsi e prendere il tuo posto. Non si può e si deve piegare. Alzarsi e vincere la gara. Non avete ancora perso. Per vincere è necessario solamente ottenere ogni volta che si cade».
Si alzò e cominciò a correre con tutte le sue forze. Indossava i suoi occhi impanati e nei loro cuori hanno squillato nuovo coraggio. Sapevo che non poteva vincere, egli avrebbe nemmeno tra i primi, ma esso continuerà fino alla fine, anche se esso è caduto ancora. Non vuoi essere ritirata.
Il vincitore fu acclamato quando ha attraversato il traguardo. Testa alta, orgoglioso, felice: senza cadere, senza contrattempo, senza sfortuna. Vincitore.
E quando il giovane uomo che era caduto tagliato il traguardo ultimo, è stato il più acclamato dalla folla di non arrendersi e finire la gara. Sembrava quasi che era lui che aveva vinto la gara. Aspettiamo che delle braccia del padre, che ha ricevuto come un campione.
-Io non farlo molto bene - ha detto il giovane purtroppo.
-Per me, hai vinto - ha detto il padre - tè alzò ogni volta che sei caduto e hai seguito la corsa senza arrendersi.
La vita è a combattere. Essere costante e conquistare. Per vincere ci a saper perdere e continuare a provare. La più grande gloria consiste non nel non cadere, ma in aumento ogni volta che si cade. Le difficoltà per costruire il cuore. I problemi possono essere straordinarie sfide da superare. Possiamo convertire l'errore in un'opportunità di crescita meravigliosa.
Insegnare agli studenti di essere coerente nello sforzo di superare e dominare, per forgiare la sua volontà e il cuore. Di oggi edonistica e cultura dei consumi è nostri giovani facendo una massa amorfa e senza volontà, incapace di abbassare la macellazione, drogato dal canto delle sirene di un annuncio che li vede solo come potenziali acquirenti.
Giovani devono capire che lo studio comporta sforzo sostenuto, che gli importanti obiettivi richiedono duro lavoro, maturità volitiva, tenacia. Napoleone ha detto che vittoria apparteneva alla quale più perseverato e Bolívar ha scritto: «arte beat è difficoltà di apprendimento».
Frequentemente, i grandi uomini generato suo successo dalle ceneri delle sue sconfitte che mai accettano di essere definitiva. La straordinaria e ballerino Fred Astaire aveva bloccato nel camino della sua Villa di Beverly Hills la relazione del direttore quando si è esibito per la prima volta: "non ha l'idea di azione Poco audace! Forse, con molto sforzo, si può ottenere a ballare un po'». Darwin ha scritto nella sua autobiografia: «tutti i miei insegnanti e mio padre io ero considerato un ragazzo comune, sotto il livello intellettuale». L'editor licenziato Walt Disney per mancanza di idee. Il proprio Walt Disney ha fallito diverse volte prima di costruire Disneyland. Gli insegnanti di Thomas Edison detto che era troppo stupido per imparare. La Edison proprio fatto quasi 10.000 prove per trovare il filamento che ha portato la luce elettrica. Albert Einstein non parlava fino a quattro anni e non ha letto a sette. La sua insegnante lo ha descritto come "mentalmente lenta, asociale e rinchiusi" sempre in sogni sciocco. Espulso dalla scuola e non vuoi fargli inserire nel Politecnico di Zurigo. Louis Pasteur era un mediocre studente e si è classificata numero quindici su ventidue. Il padre dello scultore Rodin ha detto: «ho un figlio idiota». Descritto come il peggior studente della scuola, Rodin fallito tre volte nel suo tentativo di entrare all'Accademia di belle arti. Suo zio ha detto che era ineducable. León Tolstoï, l'autore del romanzo straordinario di guerra e pace, lasciò la scuola e non fu considerato «capacità o volontà di imparare». Babe Ruth, considerata da alcuni il miglior giocatore di baseball di tutti i tempi, anche se si è rotto il record della corsa, detiene anche il record di lanci falliti. Winston Churchill non ha approvato il sesto grado. Divenne primo ministro all'età di 62 anni dopo una vita di sconfitte e battute d'arresto. Diciotto editori respinto l'originale Juan Salvador Gaviota, Best seller di Richard Bach. Quindici redattori respinto anche la prima grande opera di Julio Verne cinque settimane in pallone.
Articolo tradotto per scopi didattici