Insegnante, madre

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Maritza era un insegnante che non ha mai ceduto. I compagni chiamavano "suo soccorritore delle cause perse", come sempre chiesto di dare agli studenti più impossibili e problematici un'opportunità.
Un giorno che mi ha detto come è stato colpito sentire che la storia di quello precedente costruito una stanza luminosa, di fronte un paesaggio da sogno, dove i monaci che erano triste o depresso dai falli commessi sono stati trasportati nel suo monastero. Che la camera era decorata solo con alcuni manifesti che avevano registrato a grandi lettere queste parole: sono TE AMO come te. In quella stanza era rigorosamente vietata qualsiasi pensiero o meditazione fuori questo argomento: «Dio mi ama infinitamente, teneramente. Dio mi ama come sono".
Maritza mi ha detto che se Dio abbiamo sempre amato incondizionatamente, come eravamo, ha provato a fare lo stesso con i loro studenti. «Ti amo come sei», usato per dire e con pazienza, affetto e lasciando nelle loro mani piccole e aumentando le responsabilità, stava mostrando loro suo affetto e la fede in loro.
Un giorno, ha ricevuto un invito da un ex studente, Victor, che ripetutamente lo pregò di andare alla sua laurea. "Spero, mamma, ti ricordi di me. Ero quel ragazzo terribile che avrebbe gettato la scuola e lei mi ha accettato nella sua stanza e mi ha dato un'altra opportunità.
Maritza Victor utilizzato lo chiamero 'mama' ogni volta che era con lei nel patio o sulla strada, è stato concordato quando non era il suo insegnante. Pensò se ora sono tornato a chiamarla così, nel suo invito, era solo così mi ricordo chi fosse.
Victor era stato scelto dai loro coetanei a dire poche parole:
-Voglio condividere la gioia di questo giorno con tutti voi, ma soprattutto con le mie due mamme. Sì, non stupitevi, ho due seni che amo e che mi sia fatto il dono straordinario di essere qui con me oggi. Spero che mamma mi ha dato corpo vita, lasciato la giovinezza di lavaggio pavimenti e lavare i vestiti così crescere sani e forti. Io l'amo con tutto il mio cuore e devo alla sua vita. MAMMA Maritza, mio insegnante, ho partorito come persona, ha dato vita a una vita di significato, alimentato il mio cuore, credeva in me più che ho creduto in me stesso, e perché sono qui. Senza di essa, sarebbe forse stato un fannullone, un ladro, e Dio sa dove sarebbe al momento. Pertanto, voglio sentirlo davanti a tutti voi che se chiamò e mi chiamerà «Mamá», non era di gioco, ma perché così considerano. Essi ora capire perché ho iniziato dicendo che ho due mamme.
Il miglior regalo che possiamo fare per gli altri è la nostra accettazione "incondizionata" di loro. Come abbiamo già affermato in altre occasioni, il primo principio pedagogico, base di tutti gli altri, è amare gli studenti. Amare tutti e ciascuno di essi, soprattutto quelli che hanno le maggiori carenze e Difficoltà. Li amo come sono, pazientemente, amorevolmente speranzoso, che mai si dimise al fallimento, che è sempre disposto a dare una nuova opportunità. Come sapete e sentirsi desiderata, c'è speranza. In questo senso e come Fernando Savater ha scritto nel suo lavoro il valore di educare: "dalla prima infanzia, la principale motivazione dei nostri atteggiamenti sociali non è il desiderio di essere amato (anche se questo sia Stati Uniti condizioni troppo), né né il desiderio di amore (che solo noi seduce nei nostri momenti migliori), ma la paura di essere amato da coloro che hanno più per noi". Da qui, e sono anche parole di Savater, «lo sforzo educativo è sempre ribellione contro il destino, la rivolta contro il fatum: l'educazione è la antifatalidad, non la disposizione prevista per esso». Uno diventa ciò che è di istruzione o la loro mancanza. Quante persone meravigliose che oggi temono sarebbe se avevano trovato un vero maestro!
Educare è di iniziare alle vittime di reato, non-vita. È dare vita, trionfo sulla morte.
Articolo tradotto per scopi didattici