Passa ai contenuti principali

Il vasaio

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Ho sentito dire Eduardo Galeano una sorta di rito di passaggio dei popoli indigeni del Chiapas. Quando il maestro vasaio, sconfitto da anni, decide di ritirarsi, dando al giovane Potter sua nave migliore, la più perfetta opera d'arte.
Young ha ricevuto la nave e non la portano a casa sua per ammirarla o si mette su un tavolo al centro del workshop in modo che, d'ora in poi, servono come sua ispirazione e presiedere i lavori. Nessuna consegna a un museo che la gente può vedere e parlare meraviglie dell'insegnante d'arte e di essere riconosciuto dopo la sua morte. Le star contro il pavimento, si rompe in mille pezzi e si unì la sua argilla così che il genio del maestro continua il suo lavoro.
Non insegnare agli studenti semplicemente ammirare le virtù dei grandi uomini, ma cerca di incarnare nei loro progetti di vita. Non abbiamo bisogno di ventole o annunciatori di glorie straniere, ma i sostenitori e seguaci delle sue lotte.
Il buon insegnante non cerca entrambi l'ammirazione dello studente, ma anela a piantato nella sua vita e germinano in suoi buoni frutti.
La lettura, la lettura vera, ha molto a che fare con quello che stiamo dicendo. Leggere è di non ripetere, non è semplicemente per catturare le informazioni dell'autore, è ricostruirlo, ricrearlo. Tutta reale lettura significa una 'riscrittura' dal lettore. Se non non c'è nessun ricreazione, se non non c'è nessuna riscrittura, esso non ha letto profondamente, come qualsiasi interpretazione autentica è interpretazione del testo dal contesto di uno, è dialogo con l'autore assente.
Da qui l'importanza non solo di insegnare a leggere, ma soprattutto per rendere i lettori di studente, capaci di dialogo con i testi e con il contesto, in grado di dire una parola personale e creativo, a partire dai soggetti della sua parola e la sua vita.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…