Passa ai contenuti principali

Il segreto del pastore

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Dicono che in un paese lontano viveva un pastore così intelligente e così saggio che la fama dei loro consigli e pareri è venuto alle orecchie del re. Dato che entrambi i loro ministri e loro consulenti non è riuscito a ordinare l'amministrazione del paese e sono rimasto scontento popolare perché essi erano in continuo aumento dei prezzi, e la gente non lo ha raggiunto che ha guadagnato per vivere con dignità, il re decise di guardare al buon pastore e l'ordine dell'economia ed amministrazione del loro regno.
Il pastore è comparso davanti al re e dopo aver ascoltato la proposta di nominare lui primo ministro, egli rispose:
-Accetto con piacere la sua proposta, ma con una condizione: Palazzo hanno una stanza dove nessuno può entrare più di me.
Il re accettò senza problema una semplice condizione e il pastore cominciò ad agire come primo ministro.
Le disposizioni, leggi e decreti del pastore erano così efficaci che cominciò presto a cambiare la situazione e tempestivo: prezzi stabilizzati, aumentati lavoro, gente potrebbe soddisfare le loro esigenze e pace e il benessere ha assunto la direzione del paese.
Il re era molto soddisfatto della decisione che aveva preso che essa aveva provocato tali frutti eccellenti, ma alcuni consiglieri, invidiosi del pastore, ha cominciato a calunniare lui e, ogni volta che potevano, fu accusato di accumulare nei tesori stanza segreta che ha derubato il paese ed il re.
All'inizio, il re li ignorate, ma entrambi lui insisteva sui possibili pericoli fino a quando hanno lasciato intendere che in quella stanza il pastore è stato consegnato a pratiche di stregoneria, con l'idea di preparare un complotto contro di esso, un giorno, fuori dal tempo di dubbi, mentre il primo ministro era in camerahanno forzato la porta con l'idea di sorpresa tra le sue ricchezze e macchinazioni.
Quando hanno buttato giù la porta, erano tutti una grande sorpresa: nella stanza solo aveva pochi molto rustico mobili di legno, paglia e al centro, vestito pastore, Premier giocando una semplice melodia pastorale sul suo flauto.
-Perché sei vestita così e farlo?-chiese incuriosito e molto imbarazzato il re.
-Signore, senza questi momenti, che mi ricordano la mio felici giorni sulla montagna con il mio gregge, non poteva resistere alla vita del palazzo, circondato da intrighi, bugie e invidia. Qui sono determinato a vedere le cose attraverso gli occhi dei poveri che tuoi ministri sempre dimenticato e non ha mai preso in considerazione.
Sempre stare dalla parte dei più deboli. Guardare la vita attraverso gli occhi dei poveri. Ritorno a scoprire il volto profondo della semplicità. «Quali culti sono questi analfabeti, che hanno che hai detto Churchill guarda alla saggezza di un gruppo di agricoltori. Superare la cultura della manipolazione, clientelismo, gli intrighi, l'intervento, autoritarismo di resilienza. Lavorando per una cultura che presuppone e capisce il pubblico come spazio di convivenza e rivendica lo sforzo per stabilire una società dove tutti hanno l'opportunità di sviluppare le loro capacità e di essere soggetti della sua vita e il potere. Per non accettare un mondo che escluso, emarginato, disprezza..., in cui pochi generato il potere e la fortuna non importa la miseria altrui. Prendere la vita come un dono per gli altri. Non lasciatevi obnubilar di fama, successo, ricchezza, potere... Queste sono alcune delle sfide importanti che vengono presentate all'educazione oggi.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…