Il re e i suoi vasi di porcellana fine

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

C'era una volta un re che aveva 55 vasi porcellana bellissimo. Erano il suo tesoro e che non ha avuto un'altra illusione che loro vasi. Esso è stato ore e ore assorto nella sua bellezza, dolcemente li accarezza con gli occhi.
Per evitare che il minimo granello di polvere li è caduto, ha cercato i più fedeli servitori, metterlo nella cura dei loro vasi squisite e ha minacciato di tagliare la mano se è apparso in nessuno di essi meno graffi e prendere la vita se uno era rotto.
Accuratamente messo il buon servitore, uno si è rotto il vaso e il re mantenne la parola e lo uccise.
Ha sostituito un altro dei suoi uomini di maggiore fiducia e lealtà che, nonostante loro dediche, lo stesso destino l'incuria lieve precedente e pagato con la vita.
Da quel giorno, nessuno si preoccuperebbe per i vasi del re.
Anche se offerto ricchezza, lusso, potenza..., tutti rifiutò la sua offerta. Infine, è sorto un anziano e offerto il suo gioco di servizi. Non aveva paura di cura per i vasi del re.
Lo portarono nella stanza di vasi effettivi e il buon vecchio cominciò a battere con i vasi di bastone e in pochi secondi, li ha fatti tutti in frantumi.
-Infelice - gridò soldati del re lo intrappola maleducato, sai nel caso in cui ciò che avete fatto?
-Certo che lo so: salvato la vita 53 fedeli server del Regno.
Dove è il tuo tesoro, lì è il cuore. Insegniamo agli studenti di cura e di apprezzare le cose, per ammirare le opere d'arte, ma soprattutto per insegnare loro a persone di valore e a riconoscere che ognuno di loro è infinitamente superiore a quella di tutti gli oggetti di materiale e di ricchezza. Pertanto, deve non solo ci trattano con amore e cura, ma che nessuno è permesso di causare il minimo danno a altro di palificazione o proteggere la loro ricchezza, potere o nel perseguimento dei loro benefici personali.
Ricordate anche che cosa ci dice il Vangelo: 'Nessuno ama più di che dà la vita dai suoi fratelli'. L'ideale supremo dell'essere umano è la capacità di sacrificio, disponibilità a spendere e consegnare le loro vite nel perseguimento del benessere degli altri. Dare vita alla vita per tutti e nessuno è in condizioni disumane.
È quello che ha fatto Gesù e molti dei suoi seguaci che oggi noi chiamiamo santi. In un mondo così individualistico e materiale, il coraggio di proporre agli studenti l'ideale della santità, a servire gli altri con gioia, anche a scapito di se stessi.
Articolo tradotto per scopi didattici