Passa ai contenuti principali

Il potere delle parole

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

La storia che segue è sentito anche Eduardo Galeano:
In un'occasione, un famoso scrittore colombiano era un bar e fu avvicinato da un operaio che, dopo presentarsi e dire ciao al writer con vera ammirazione, gli disse:
-Sono analfabetismo e voglio che mi scrivi una lettera d'amore alla mia ragazza.
Scrittore sconcertato sorrise, sollevate le spalle in un gesto di impossibilità, tentò di spiegargli che non sarebbe possibile, ma come il lavoratore si insisteva su tua richiesta, ti ha detto:
-Cosa dirà in quella lettera?
-Non lo so, rispose il lavoratore - se lo sapessi, non te vuoi essere chiedendo.
Lo scrittore è stato colpito dalla risposta, era un momento riflessivo e disse finalmente:
-Va bene. Torna qui domani allo stesso tempo e si può avere la tua lettera.
Lo scrittore era in combattimento durante la notte con le parole, cercando di esprimere un amore profondo e sicuro al meglio della loro letteratura. Il giorno dopo, sono andato al bar con la sua lettera e quando arrivarono i lavoratori, leggerlo. L'operaio illuminato gli occhi e disse con gratitudine e ammirazione:
-Sì, sì, perfetto. Che era proprio quello che volevo dire alla mia ragazza, ma non sapevo che era.
Dicono che lo scrittore di favola Esopo è stato un momento che serve Xantu. Un giorno, lui mandò al mercato per comprare la cosa migliore trovato. Esopo era e comprato una lingua.
-Che è quello che trovato?
-Sì, con il linguaggio possiamo esprimere amore, verità, lode, incoraggiamento... Il linguaggio permette di comunicano di uomini, capirlo.
Dopo un periodo di tempo, modello tornò a Esopo per inviare al mercato e ha chiesto che, in questa occasione, portargli la cosa peggiore che potrebbe essere trovata. Esopo fu e ritornò con un'altra lingua.
-Che s la cosa peggiore che hai trovato?
-Senza dubbio. Con il linguaggio possiamo calunniare, mentire, offendere, pettegolezzo, calunnia.
Non c'è dubbio che, se alcune persone morso è la lingua, è veleno. Le parole sono come esseri vivi, in grado di ridere o piangere, per affondare o salire, stordire o sublimare. La parola è potere, e quindi abbiamo bisogno di un'educazione che restituirà al popolo la sua parola, una parola per responsabile, come espressione dei loro sentimenti, la loro cultura e i valori. La formazione attuale nega agli studenti la parola, la possibilità di essere. L'insegnante parla, studenti ascoltano, dovresti ascoltare senza interrompere e ripetere il più fedelmente possibile le parole del maestro. Che non è espresso, è represso, è depresso, che essi sopprimerla. Vera educazione deve permettere allo studente di dire la propria parola, come espressione di vita, impegno, in un mondo dominato dalla propaganda e ciarlataneria. In definitiva, educare bolle giù per insegnare agli studenti di leggere la realtà, dire la sua parola, così sono così in grado di scrivere la storia del suo rilascio.
Scrivere è comunicare, rovesciando in altri. Uno scrive, ma il testo è nel lettore. Il viaggio di parole dentro di lui, appartengono a lui. Quindi che leggere serve un silenzio precedente. Lettura è necessario un pre-ascolto. Lettura è necessario un profondo dialogo con se stesso, prima il dialogo con il testo scritto. Chi è in grado di ascoltare, è solo in grado di ascoltare il silenzio, si può dire e scrivere parole reali.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…