Passa ai contenuti principali

Il nemico è dentro di te

ADSBYGOOGLE

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

C'era una volta un monaco che cercano la perfezione in tutto. Non sopportava i minore desafino in canti religiosi, una ruga in indumento, un piatto di cattivo lavaggio, una parola sbagliata, un errore o errore di insignificante per andare. Era intollerabile se un compagno di classe sbadigli nei servizi religiosi o se ha visto un granello di polvere sulle rive della Chiesa.
Ha sofferto molto con i suoi compagni nel monastero e convinto che ci non che sarebbe stato possibile trovare la perfezione, ha chiesto il permesso all'abate di andare a vivere completamente solo. L'essenziale è stato: alcuni vestiti, i suoi libri di preghiere e una brocca a prendere l'acqua dal fiume.
Ha scelto la sua dimora un posto molto bello, ha trascorso la notte in preghiera e quando irradiato alba, uccelli e fiori si svegliarono, pensò grato che ci, infine, che sarebbe la perfezione.
Da metà mattina era assetato, è andato al fiume a prendere l'acqua, e il lanciatore di ricarica lui versato un po'. Non ha accettato quella minima imperfezione, gettò l'acqua con dispetto e lei è bagnata e che ha saltato i piedi con la polvere della strada. Tornò per afferrare l'acqua nuovamente lo trasformato al capannone. Ha ripetuto che l'inquieto e la terza operazione tempo, pieno di rabbia, ha rotto il lanciatore.
«La causa della mia rabbia non è presente in altri - e ' stato detto quando ha cominciato a calmarsi - il nemico è qui».
Tornò al monastero e ha chiesto perdono, da quel giorno cominciò a vedere con occhi nuovi compagni di amare.
Nessuno è più intollerabile che si sente perfetta. La coscienza dei nostri limiti ci fa conoscenza con gli altri. I santi sono che naturalmente più riconoscere loro molti peccati e limitazioni. Non incolpare gli altri per i tuoi errori, o lamentano le conseguenze delle vostre azioni. Se insisti su strade accidentate di viaggio, non rimpiangi quando si fanno male spine.
Ci sono persone che si spendono sono incolpare gli altri per ciò che accade, non volendo accettare che uno è il risultato della stessa. Mai dimenticare che il miglior tesoro è la pace del cuore. Imparare a ridere di colpa tua e non prendere mai troppo sul serio.
Solo chi riconosce i suoi limiti, le proprie contraddizioni e carenze e accettata come proposta di miglioramento, di crescita, cioè, di formazione, sarà in grado di ricevere amore e quindi si può dare. Sarete in grado di imparare e insegnare. Chi crede lui sa tutto, che si trova con l'autosufficienza per lo studente, che pensa che non ha bisogno degli altri, sarà in grado di stabilire una vera relazione educativa, è in grado di comprendere la necessità per la propria formazione, pertanto è in grado di educare.
La personalità dell'insegnante, il suo modo di essere e di vivere nel mondo e con gli altri, ciò che fa e non tanto le parole che dice, radicale sono l'elemento chiave della relazione educativa. Uno spiega ciò che egli sa o crede di sapere, ma uno insegna ciò che è. Se sei umile, sei promozione e insegnamento di umiltà. Se sei vanitoso e superficiale, si comunica la banalità. Se vivete a essere amaro e spendi lamentarsi, insegnano diffidenza, amarezza e pessimismo. Se sei single, chiudere, trasmettere vicinanza, fiducia.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…