Passa ai contenuti principali

Il diffidente

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Tre amici è andato escursione alla montagna. Avevano disposizioni abbondante e fatto una sosta lungo la strada per prendere uno snack. Ci sono panini, formaggio, prosciutto, che nessuno dei tre aveva portato qualcosa da bere. Non molto lontano si udì la voce di un fiume di cristallo, ma era qualche sforzo per raggiungere e prendere l'acqua. Come il luogo dove erano sembrava ideale per il campeggio, hanno deciso di rimanere lì e lasciato al caso la decisione di chi andrebbe a cercare l'acqua.
-Non ' - ha detto con disgusto genuino, il ragazzo che ha toccato in fortuna andare al fiume.
-Perché? -Hanno detto gli altri due molto perplesso.
-Certo, mentre io vado a prendere l'acqua, si mangia tutto e non mi lascia nulla.
-Prometti di non mangiare un singolo morso fino a tornare.
-Credo che mi sono imbrogli. Sono sicuro che tutto questo ha progettato stare con tutto il cibo.
-Per favore non ci fare offesa, noi vi diamo la nostra parola che non tocchiamo cibo.
Infine, a malincuore e non del tutto convinto, il ragazzo afferrò bottiglie e andò in cerca di acqua.
Era un'ora e il ragazzo non ha restituito. Trascorse un'altra ora e niente. Come sera stava cadendo, e temendo che si è perso, hanno deciso di andare a cercarlo.
-Mangiamo qualcosa velocemente, non sara ' che sono caduti forze statunitensi, perché non sappiamo dove sarà a piedi - uno di loro - ha detto tale tempo tocchiamo vela durante la notte. Dio vuole che ha lui che non è successo niente e lo troviamo subito.
Quando sarebbe stato messo in bocca il primo pezzo, compagni di sinistro da dietro un cespuglio di dire:
-Lo sapevo, lo sapevo! Ero sicuro che mi vuoi ingannare. Se colpiscono la merenda, non di acqua!
Gli esseri umani sono diffidenti per natura. Un altro venezuelano è il peggior nemico di un venezuelano. Noi abbiamo dovuto parlare male del paese, negando e ignorando tante cose buone che abbiamo. Riteniamo quindi che le cattive notizie, ma accettiamo molto bene. Ecco perché amiamo il gossip che rotolano di bocca in bocca, enlodando vita, creando ansia, semina pessimismo. Tutto leggere dai nostri pregiudizi e di qualsiasi indicazione è buona per risoluti nelle nostre convinzioni negative. E come, siamo spesso male i successi degli altri! Non tolleriamo matrimoni felici e appeso a chi possiede il ladro di fortuna o etichetta corrotto. La diffidenza generata egoismo, girando in su se stessa. Solo se abbiamo fiducia negli altri, in paese, ci sarà il rilascio per trasformarlo. Come ha scritto Robert Putnam, «fiducia lubrifica la cooperazione. Un più elevato livello di fiducia nella Comunità, meglio le possibilità di cooperazione. E cooperazione in sé razze fiducia."
Vedere la sfiducia che abbiamo, ci apre alla realtà di una bassissima autostima del Venezuela che non si nutrono di bandiere mettente camion, gridando 'orgogliosa di essere venezuelani' o vantando della nostra ricchezza petrolifera. Da qui l'urgenza di un'educazione che ci farà credere in noi, in paese, nella nostra gente. Un'educazione che insegni amore al Venezuela e convertire questo amore nella prestazione di lavoro, servizio, tutti i venezuelani (vera patria), possiamo vivere con dignità, rispettiamo, vogliamo.
Abbiamo bisogno di insegnare ogni bambino a scoprire dentro il meglio della sua personalità, solo se riconosce, fin dall'infanzia ed i valori loro qualità positive, egli sarà in grado di apprezzare gli altri, credere in loro e possono essere consegnato per costruire un grande Venezuela per tutti. Un Venezuela ha lavorato con sforzo collettivo, dove ognuno comincia a guardare oltre le loro tasche e in grado di vedere ogni volto un compagno e un fratello.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…