Passa ai contenuti principali

Specificando il concetto di motivazione

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

È difficile ottenere una definizione, un concetto o a criteri omogenei che accordo multidisciplinare diverse versioni circa la motivazione. Inoltre, cercando di coprire tutti sarebbe un compito infinito. Raramente una prima approssimazione, ci baseremo su Josef Cohén.
La motivazione del termine James Mili lo presentò all'inizio del XIX secolo: "si sviluppa uno stato peculiare che, come è la tendenza all'azione, viene correttamente chiamato"movente". Da parte sua, Emmanuel Kant chiamato «volontà» a questo concetto, l'ultima delle tre principali categorie psicologiche; gli altri due erano la sensazione (emozione) e conoscenza (cognizione).
Psicologi, dice Cohen, motivi attualmente classificati in primario e secondario. Le ragioni primarie sono sempre innato e fisiologiche (come la fame e la sete) base. Il lato di motivi (come la tendenza all'uso sociale di dominio o droga) non è direttamente necessario per la conservazione dell'individuo o la continuazione della specie e è classificato come personali e sociali. Motivazioni sociali sono relativamente dipendente dalle gruppi sociali e le dinamiche sociali; motivi personali, invece, sono relativamente indipendenti i gruppi sociali e le dinamiche sociali.
Dopo essersi avvicinato a differenti approcci teorici, concetti del consulente colombiano Fernando Toro Álvarez ci portano a un'enunciazione di scientifico e pratico allo stesso tempo. Professor Toro Álvarez dice in uno dei suoi scritti:
La motivazione è l'aspetto della realtà personale che ci muove, che stampa orientamento ed energia per i desideri e le intenzioni dell'uomo al punto di farlo agire nella direzione del loro raggiungimento e la realizzazione. Le prestazioni professionali delle persone non si verificano da automatismi istintivi, come animali inferiori, ci sono sempre determinanti che sono sotto il controllo volontario delle persone e, quasi sempre, sotto il suo controllo cosciente. Questi determinanti immediati e diretti comprendono le conoscenze, competenze e motivazione. Essi sono correlati tra loro nel processo di determinazione delle prestazioni.
E aggiunge: la motivazione può spiegare il motivo perché l'uomo è riuscito ad andare nello spazio, studiare atomi e molecole, costruire macchine sorprendenti e intervenire nei processi biologici complessi giro vita. La grandezza di quella realtà non può essere spiegata da sentenze di senso comune, "abbiamo bisogno di conoscere ciò che spiega le prestazioni dell'uomo, se si desidera influenzarlo saggiamente e all'altezza del suo potenziale quasi infinita per imparare, creare e trasformare la realtà che lo circonda".
Con queste affermazioni, Toro Álvarez confrontarsi con noi con il fatto che non possiamo ridurre il concetto di motivazione per una questione puramente utilitaristica come questo: come fanno le persone a lavorare me più, meno costoso e con meno rotazione?
Sullo sfondo che cercano, come umanisti della gestione, è impedire che lavoro umano sarà ridotto a semplice scambio delle merci.
Ciò che Mostra se una persona è o non è motivata, è l'alto livello di energia e impegno ha esibito in una determinata attività. Motivazione produce effetto la performance di quella persona in qualsiasi attività.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…