Passa ai contenuti principali

Seme di mango

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

C'era una volta un uomo che ha piantato un seme di mango nel cortile della sua casa. Ogni pomeriggio ha annaffiato con amore seme e cominciò a ripetere con vera devozione: "che uscire a pesca, pesca a me lasciando... "E così, si convinse che presto avrebbe avuto un mascherino di pesche nel cortile della sua casa.
Un pomeriggio, ha visto con emozione che la terra era quartering e una testa verde offerta fuori in cerca i raggi del sole. Il giorno successivo, ha frequentato eccitato il miracolo di una vita che cominciò a rabbrividire nel cortile della sua casa.
"Sono nato pesca opaco", disse l'uomo con soddisfazione e orgoglio e persino hanno cominciato a immaginare che, in pochi anni, la famiglia poteva godere succulenti raccolti di pesche. Nel pomeriggio, mentre ha curato e partecipato con affetto alla sua matica, parlava di lui come un bambino e gli disse: "devi essere un vero pesco opaca, abbastanza distinto e diverso da quei ciuffi di maniglie che crescono selvatici e, in tempi di raccolti, i cortili delle case di riempimento".
Mascherino è cresciuto e, un giorno, l'uomo ha visto in primo luogo con il dubbio, poi incredulità e sconcerto, che cresceva nel cortile di casa non era un mascherino di pesche, ma uccide un mango. E l'uomo disse con sfida e tristezza: "non capisco come questo potrebbe passare a me. Tanto che gli disse che era pesca e mango mi ha lasciato".
Con educazione, raccoglieremo i frutti secondo i semi che crescono, più di parole, discorsi o sermoni che cerchiamo studenti. Non raccoglieremo frutti della creatività con semi di routine, copie, preset. Nulla sarà che noi predichiamo e rispetto della domanda, se non abbiamo seminato nelle nostre relazioni quotidiane, se non rispettiamo gli studenti, per i bidelli, i rappresentanti. Addestreremo non veri democratici cittadini con relazioni autocratiche. Noi pick up davvero i frutti della solidarietà con una pratica pedagogica orientata a promuovere l'individualismo (scrivanie singole prove individuali, singole opere, scatole di onore individuale, che vedere di persona...)?
Spesso, noi pensiamo che lo sviluppo di atteggiamenti e valori è questione di consigli e sermoni, o passare roba su di loro, senza rendersi conto che il problema è più associato al modo in cui sviluppiamo il processo educativo rispetto al contenuto. Ad esempio, se vogliamo studenti creativi, non servirà molto se diciamo loro continuamente che dovrebbero essere o chiediamo che ci offrono le caratteristiche di creatività, ma che dobbiamo guidare la pratica educativa "provocando la creatività". E creatività viene generato solo affrontando l'individuo con situazioni di conflitto, problemi da risolvere, con proposte fantasiose, con sfide personali.
Da qui l'enfasi educativo non devono essere semplicemente insegnare, ma educare in e per: formazione in e - per la creatività, educazione, in educazione, lavoro e per cittadinanza, educazione nel rispetto, educazione e per solidarietà...
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…