Passa ai contenuti principali

Lezioni da oche e delfini

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Maritza Crespo ci porta questa bella storia di oche, che uno dei suoi insegnanti hanno ascoltato quando stava studiando per il dottorato negli Stati Uniti:
"La prossima caduta quando vedi oche intestazione sud per l'inverno, guarda che volano formando un V." Si potrebbe desiderare di sapere ciò che la scienza ha scoperto circa perché volare in quel modo. Si è constatato che quando ogni uccello agita le ali, produce un movimento nell'aria che aiuta l'uccello che va dietro di esso. Volo v il gregge completo aumenta almeno una potenza di 71 per cento in più rispetto se ogni uccello ha volato solo.
Ogni volta che un'oca ottiene dalla formazione immediatamente sentire la resistenza dell'aria, dà conto della difficoltà di fare così in fretta e restituisce solo alla sua formazione a trarre beneficio dal potere del partner andando avanti.
Quando il leader dell'oca ottiene stanca, è passato a uno dei post indietro e oca un altro prende il suo posto. Le oche che vanno indietro c a incoraggiarli ad andare avanti per mantenere la velocità. Infine, quando un'oca ottiene ammalata o ferito da colpo cade, altre due oche dalla formazione e seguirlo per aiutarlo e proteggerlo. Essi sono accompagnati fino a è in grado di volare di nuovo, o fino a quando si muore, e solo allora i due compagni di nuovo al loro gregge o unirsi a un altro gruppo. "
I delfini sono anche una prodigiosa animali. Nuotano in gruppo per sostenere e proteggere se stessi. Se uno si ammala all'incrocio, due chi tenerlo e aiutare lui si avvicina. Si alternano fino a quando il paziente recupera. Sono inoltre molto utile con le persone e sono noti casi accertati che hanno aiutato e salvato alcuni naufraghi.
Quanto dobbiamo imparare gli umani delle oche e delfini! Tutti oggi che si riferisce alla produttività e la competitività e dimenticare il servizio e la solidarietà. Essere pienamente persona viene a vivere con e per gli altri. Resta inteso la vita come un dono. Nei momenti in cui prevale l'individualismo più selvaggio cultura e ci viene detto e viene ripetuto a noi, che ognuno deve badare a se stessa, la vera educazione deve coltivare il valore umano di servizio disinteressato e consegna. Ricordate la poesia di Gabriela Mistral:
Tutta la natura è la nostalgia per il servizio. Serve la nuvola, vento serve, serve Groove. Dove si trova un piantagione di alberi, piantarlo dove c'è un errore che modificano, modificarla dove c'è uno sforzo che tutti Dodge, ti accetto. So che insieme fuori strada di pietra, l'odio dei cuori e le difficoltà del problema.
C'è la gioia di essere sano ed essere onesti; ma soprattutto, c'è la bellissima gioia di servire.
Triste come sarebbe il mondo se tutto ciò che è fatto, se c'è una rosa cespuglio piantato,
una società che prendere...
Ma non cadere nell'errore che viene fatto solo meriti con le grandi opere; Ci sono servizi di piccole dimensioni che sono buoni servizi: decorare un tavolo, ordinare un paio di libri, pettinare una ragazza. Una è quella critica; che è colui che distrugge. Sai quello che serve.
Il servizio non è compito degli esseri inferiori.
Dio, che dà il frutto e la luce, servito.
Si potrebbe chiamare: chi serve.
Ha gli occhi fissi sulle nostre mani e ci chiedono ogni giorno:
servito oggi?
A chi?
Per l'albero, il tuo amico, tua madre?
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…