Il bambino e la scuola

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Classi è venuto e il bambino ha frequentato la scuola per la prima volta. Era un bambino molto piccolo e fragile e scuola sembrava schiacciante. Ma quando il bambino ha scoperto che poteva entrare tuo salone da porta dando all'estero, è stato molto felice e non già la scuola sembrava così grande.
Una mattina, ha detto l'insegnante:
-Oggi facciamo un disegno.
Il bambino era felice perché amava disegnare. Sapevo leoni dipinto, tigri, galline, mucche, barche, automobili, case, città... Ha tirato fuori la sua scatola di pastelli e iniziato il disegno.
-Aspetta, non è ancora ora di iniziare - ha detto l'insegnante-oggi che stiamo andando a dipingere fiori.
Il bambino sembrava bene perché amava dipingere fiori. Egli cominciò a dipingere alcuni fiori straordinari con loro matite colorate, rosso, arancio, blu. Ma l'insegnante ha detto:
-Non dipingo niente ancora. Ho intenzione di insegnare come i fiori sono dipinti.
E l'insegnante ha disegnato un fiore rosso con il gambo verde. Il bambino guardò il fiore che aveva fatto l'insegnante, visto che aveva già dipinto e lei è piaciuto molto di più. Ma non l'aveva detto. Ha girato il foglio e dipinto un fiore rosso con gambo verde, proprio come il fiore del suo insegnante.
-Oggi lavoriamo con la plastilina - ha detto pochi giorni dopo l'insegnante.
Il bambino era felice perché amava giocare pasta. Con essa fu in grado di rendere i serpenti, topi, automobili, autocarri, alberi, uomini, libri... e cominciò a preparare la vostra palla di pasta. Ma l'insegnante ha detto:
-Ancora non è tempo di cominciare. Lasciate la plastilina quiescente fino a quando vi dico. Oggi ci accingiamo a fare un piatto e ti insegnerò come fare.
Il bambino immaginato forme multiple di piatti, ma come l'insegnante ha fatto un piatto fondo e lui aveva detto loro che dovevano fare quello che ha fatto, anche fatto un piatto profondo, così come dalla maestra.
Così, poco a poco, bambino imparato ad aspettare a dirgli cosa doveva fare, e divenne un bambino obbediente, esemplare, perché c'era sempre cose come ordinandogli al suo maestro.
Dopo un periodo di tempo, la famiglia si trasferì in un'altra città, e i genitori hanno preso il bambino in una nuova scuola.
-Oggi facciamo un disegno - ha detto l'insegnante il giorno primo che il bambino è venuto a questa scuola.
Il bambino cominciò ad aspettare l'insegnante a dire come devono fare quel disegno ma non dire loro nulla e cominciò a camminare lungo il corridoio e guardare i disegni dei bambini.
-Ti piace non disegno?-ha chiesto quando lo vedeva fare nulla.
-Sì - rispose il figlio - ma che cosa stiamo andando a fare?
-Non so, quello che volete. -Con qualsiasi colore?
-Certo, se tutti hanno fatto lo stesso, come potrei sapere cosa dipinta ciascuno.
-Non lo so, ha detto il figlio e ha cominciato a fare un fiore rosso con il gambo verde.
(Versione libera del bambino piccolo di Helen Bucklein).
Educare non è indottrinare, ma causa la creatività. Quanti artisti al potere sono passati attraverso le nostre aule e un'istruzione ripetitiva ha ostacolato che emerse e sviluppare i vostri talenti! Educazione deve favorire l'autonomia, non sottomissione. Se tutta l'educazione autentica è la possibilità, nella scuola tradizionale tutto è determinazione: gli studenti devono fare quello che dice l'insegnante, come dici tu e quando vi dico. Non c'è nessun luogo con stupore, per intuizione, per la creazione. Autentico maestro, piuttosto che inculcare risposte e imponendo la ripetizione di norme, concetti e formule, orienta gli studenti verso la creazione e scoperta, sprona la vostra immaginazione, promuove la sua inventiva, guida a loro modo essi galoppo untethered per le vie della loro libertà.
Articolo tradotto per scopi didattici