Passa ai contenuti principali

Il bambino e la scuola

Parabole e Illustrazioni per valori Istruzione

Sommario illustrazioni e Parabole

Classi è venuto e il bambino ha frequentato la scuola per la prima volta. Era un bambino molto piccolo e fragile e scuola sembrava schiacciante. Ma quando il bambino ha scoperto che poteva entrare tuo salone da porta dando all'estero, è stato molto felice e non già la scuola sembrava così grande.
Una mattina, ha detto l'insegnante:
-Oggi facciamo un disegno.
Il bambino era felice perché amava disegnare. Sapevo leoni dipinto, tigri, galline, mucche, barche, automobili, case, città... Ha tirato fuori la sua scatola di pastelli e iniziato il disegno.
-Aspetta, non è ancora ora di iniziare - ha detto l'insegnante-oggi che stiamo andando a dipingere fiori.
Il bambino sembrava bene perché amava dipingere fiori. Egli cominciò a dipingere alcuni fiori straordinari con loro matite colorate, rosso, arancio, blu. Ma l'insegnante ha detto:
-Non dipingo niente ancora. Ho intenzione di insegnare come i fiori sono dipinti.
E l'insegnante ha disegnato un fiore rosso con il gambo verde. Il bambino guardò il fiore che aveva fatto l'insegnante, visto che aveva già dipinto e lei è piaciuto molto di più. Ma non l'aveva detto. Ha girato il foglio e dipinto un fiore rosso con gambo verde, proprio come il fiore del suo insegnante.
-Oggi lavoriamo con la plastilina - ha detto pochi giorni dopo l'insegnante.
Il bambino era felice perché amava giocare pasta. Con essa fu in grado di rendere i serpenti, topi, automobili, autocarri, alberi, uomini, libri... e cominciò a preparare la vostra palla di pasta. Ma l'insegnante ha detto:
-Ancora non è tempo di cominciare. Lasciate la plastilina quiescente fino a quando vi dico. Oggi ci accingiamo a fare un piatto e ti insegnerò come fare.
Il bambino immaginato forme multiple di piatti, ma come l'insegnante ha fatto un piatto fondo e lui aveva detto loro che dovevano fare quello che ha fatto, anche fatto un piatto profondo, così come dalla maestra.
Così, poco a poco, bambino imparato ad aspettare a dirgli cosa doveva fare, e divenne un bambino obbediente, esemplare, perché c'era sempre cose come ordinandogli al suo maestro.
Dopo un periodo di tempo, la famiglia si trasferì in un'altra città, e i genitori hanno preso il bambino in una nuova scuola.
-Oggi facciamo un disegno - ha detto l'insegnante il giorno primo che il bambino è venuto a questa scuola.
Il bambino cominciò ad aspettare l'insegnante a dire come devono fare quel disegno ma non dire loro nulla e cominciò a camminare lungo il corridoio e guardare i disegni dei bambini.
-Ti piace non disegno?-ha chiesto quando lo vedeva fare nulla.
-Sì - rispose il figlio - ma che cosa stiamo andando a fare?
-Non so, quello che volete. -Con qualsiasi colore?
-Certo, se tutti hanno fatto lo stesso, come potrei sapere cosa dipinta ciascuno.
-Non lo so, ha detto il figlio e ha cominciato a fare un fiore rosso con il gambo verde.
(Versione libera del bambino piccolo di Helen Bucklein).
Educare non è indottrinare, ma causa la creatività. Quanti artisti al potere sono passati attraverso le nostre aule e un'istruzione ripetitiva ha ostacolato che emerse e sviluppare i vostri talenti! Educazione deve favorire l'autonomia, non sottomissione. Se tutta l'educazione autentica è la possibilità, nella scuola tradizionale tutto è determinazione: gli studenti devono fare quello che dice l'insegnante, come dici tu e quando vi dico. Non c'è nessun luogo con stupore, per intuizione, per la creazione. Autentico maestro, piuttosto che inculcare risposte e imponendo la ripetizione di norme, concetti e formule, orienta gli studenti verso la creazione e scoperta, sprona la vostra immaginazione, promuove la sua inventiva, guida a loro modo essi galoppo untethered per le vie della loro libertà.
Articolo tradotto per scopi didattici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…