Biografia di Donald Trump > Quaranta quinto presidente degli Stati Uniti

Donald John Trump (New York, 1946) Quaranta quinto presidente degli Stati Uniti. Ricca nel settore immobiliare, Donald Trump ha forgiato un impero commerciale volto alla costruzione di casinò, Alberghi e case di lusso che ha saputo mantenere, nonostante le difficoltà finanziarie dal 1980. Ha guadagnato questa notevole prestigio e popolarità come incarnazione dell' americano self made man , nonostante il suo carattere egoista e relativi scruples dubbia. Di ideologia estremamente conservatore, sua costante presenza in televisione e le loro dichiarazioni fuori tono che si è sviluppato, a partire dal 2005, in uno di quei personaggi più controversi del paese.

Donald Trump

Nel 2015, ha presentato la sua candidatura per la presidenza per il partito repubblicano; contro tutte le probabilità dalla maleducazione e dalla semplicità dei suoi messaggi xenofobi, magnate ha superato altri candidati repubblicani nel primario e ha vinto la nomination nel luglio 2016. Dopo un grezzo campagna Presidenza caratterizzata da attacchi diretti e la mancanza di proposte politiche, Donald Trump ha battuto il candidato del partito democratico, Hillary Clinton, con un ampio margine di voti, inaugurando un periodo di incertezza nella politica americana e, di conseguenza, nel mondo.

Il pezzo fucinato di un impero

Suo padre, Fred Trump, che è avuto stato orfano a loro dodici anni, formò la sua fortuna di costruzione di alloggi di classe metà, fino ad arrivare ad per avere migliaia di appartamenti nel loro quartiere newyorkese di Queens, Brooklyn e Staten Island. Da piccoli Donald Trump, il quarto di un totale di cinque figli, accompagnò suo padre sull'ispezione dei blocchi e la raccolta degli affitti. Donald ha studiato presso la Fordham University e della Pennsylvania. Dopo di che ha iniziato a lavorare nel settore della costruzione; nel 1974, con 28 anni, ha ricevuto il testimone da suo padre ed entrato completamente nel mondo di immobiliare di Manhattan.
Uno dei suoi primi successi principali è stata l'idea di acquisizione di un vecchio hotel accanto alla stazione centrale che, attraverso prestiti ed esenzioni fiscali, trasformato in uno dei migliori stabilimenti della città. Da allora comprato tutti i tipi di case ed edifici a New York, Alberghi, appartamenti e particolarmente lussuoso appartamento Torri (come la Trump Tower, dove il Trump proprio vive in un triplex): è il proprietario del leggendario Hotel Plaza, Hotel Saint Moritz e il Grand Hyatt Hotel.

Donald Trump e Marla Maples

Ma il suo vero e proprio impero si formò ad Atlantic City, situato sulle coste del New Jersey, vicino a Philadelphia. Ci ha posseduto tre casinò principali: il Castello di Trump, Trump Plaza e il più recente Taj Mahal. C'è anche stata ancorata l'imbarcazione Princess Trump, considerato il più lussuoso del mondo, che è stato acquisito per il miliardario saudita Adnan Kashoggi per 29 milioni di dollari. Esso Tycoon ha avuto inoltre una casa valutata a 7 milioni di dollari a Palm Beach (Florida), un palazzo di 47 camere in Connecticut, un Boeing 727 e sei elicotteri. Nel 1990 ha è stato Ottocento nell'elenco dei grandi fortune americane della rivista Forbes, con un patrimonio valutato a più di $ 1 miliardo.
Le acquisizioni degli anni 80 includono il ponte aereo della società orientale tra Boston, New York e Washington, che ribattezzò Trump Shuttle e il 5% delle azioni della American Airlines. Nel giugno 1988 ha pubblicato il libro Trump o salesmanship, che in breve tempo è stata posta nella parte superiore della lista dei libri più venduti nel suo paese. Trump era l'esempio per eccellenza dell'americano trionfante che ha fatto lo stesso e uno dei più popolari milionari degli Stati Uniti. Anche se solitamente è rimasto ai margini della politica, all'inizio del 1987 ha dedicato più di centomila dollari per l'acquisto di spazi sui principali quotidiani, dove ha pubblicato una lettera aperta, criticando la politica americana per proteggere le petroliere che navigato per il Golfo Persico.

Crescere nelle avversità

Donald Trump contratto matrimonio nel 1978 con l'atleta di origine ceca Ivana Winkelmayr, a che aveva conosciuto due anni prima durante i giochi olimpici di Montreal, in loro prove di pattinaggio artistica in quanto ha partecipato Ivana. La coppia ebbe tre figli. All'inizio del 1990, Ivana Trump ha presentato la domanda di divorzio dal marito, iniziando una delle lacune più costose negli Stati Uniti. Il fatto è stata la prima pagina di molti giornali ed è stato trattato anche nei telegiornali per cinque giorni consecutivi. Donald Trump ha dato la sua ex moglie Ivana 10 milioni di dollari, una pensione annuale di $600.000, un mansion in Connecticut e un appartamento nella Trump Plaza New York, oltre alla custodia dei loro figli.
Nel 1990 iniziarono a circolare voci insistenti circa le difficoltà economiche del Trump, che a quanto pare non può affrontare il pagamento dei propri debiti enormi. Il 27 aprile dello stesso anno, il milionario impegnati i servizi della ditta Merrill Lynch per negoziare la vendita della sua compagnia aerea Trump Shuttle, anche se ha cercato di nascondere questa operazione, affermando che voleva soldi per diventare "Re di liquido", con l'idea di acquistare buoni affari immobiliari, approfittando della caduta del mercato.

Con Melania Knauss, sua terza moglie

Nonostante guai, Trump ha annunciato in può che avrebbe costruito un albergo e un edificio intelligente di Sao Paulo e il 17 giugno 1991 ha dichiarato che aveva raggiunto un accordo con alcuni dei suoi creditori mediante il quale avrebbe dichiarato bancarotta di Atlantic City Trump castello casino al fine di alleviare il debito. Poco dopo, il 12 luglio, si è appreso che aveva venduto suo yacht Princess Trump per 42 milioni di dollari alla banca che esso aveva ipotecato. Il 29 agosto dello stesso anno, un giudice del Tribunale fallimentare New Jersey ha approvato un piano per il salvataggio del fallimento del Taj Mahal casino.
Nel marzo 1992, Donald Trump ha deciso di cedere il suo controllo di creditori di banca del 49 per cento del Plaza Hotel di New York, in cambio di condizioni di credito più favorevoli. Con queste e altre manovre abile e ingegnosi, frutto del suo innegabile talento per gli affari, era in grado finalmente di superare la crisi finanziaria degli anni 90 e mantenere la sua fortuna e la sua reputazione. Ha continuato la costruzione di casinò e Alberghi di lusso negli Stati Uniti e in molti altri paesi e allo stesso modo ha superato le difficoltà che seguirono il suo impero nel 2004 e nel 2009, causato da eccessivo indebitamento posato loro progetti faraonici; certamente pochi come lui sono riusciti a far fronte a situazioni difficili, la cui qualità è prezzo in libri come l'arte della sopravvivenza (1991) e l'arte del ritorno (1997).

Candidato repubblicano

Dopo la pausa di sogno con Ivana, la sua vita di amore ha continuato ad essere intensa. Nel 1993 ha sposato l'attrice Marla Maples, che essi divorzio nel 1999; terza e attuale moglie è il modello sloveno Melania Knauss, con cui si sono sposati nel 2005. Da quello stesso anno, ha recitato nella realtà Visualizza l'apprendista, in cui un gruppo di aspiranti competono per un contratto dirigere alcune delle loro attività; tale esposizione pubblica ha aumentato la sua popolarità, ma anche svelato la sua personalità carattere un po' elementare e self-centered e stridente.

Poster promozionale dell'apprendista
Per gli stessi anni si intensifica il suo interesse di politica; da posizioni che non si adatta qualificarsi ma di estremamente conservatore, ha dato costanti campioni della sua ideologia xenofobo e sciovinista. Nel 2011, Obama ha richiesto che che ha dimostrato il suo status come americano mostrando il suo certificato di nascita; nel 2013, ha detto che i neri e ispanici erano responsabili di quasi tutti i crimini violenti; nel giugno 2015, le dichiarazioni che hanno accompagnato la sua nomina alla presidenza dal partito repubblicano ha causato un enorme scalpore: egli cui agli immigrati messicani di stupratori e trafficanti di droga e ha sostenuto la costruzione di un muro di confine a spese del paese limitrofo. La reazione era una massa di boicottaggio di esso comunità latino alle società del magnate, e soprattutto contro la Miss Universe Organization, entità che li organizza concorsi di bellezza Miss Universo e Miss Stati Uniti d'America e di cui Trump è azionista maggioranza.
Lontano da retrazione è, il magnate seguito dall'immissione è deliberatamente nell'occhio del ciclone con dichiarazioni e gesti termina. Nel agosto del 2015 propose la deportazione di 11 milioni di immigrati illegali e il ritiro ai loro figli della cittadinanza americana e raddoppiò i loro attacchi a loro media e giornalisti che mettevano in discussione il suo programma: diretto scortese Recensioni sessista Megyn Kelly, del canale di notizie Fox e ha spinto fuori da una ruota di stampa a Jorge Ramos, star di giornalista di esso catena latino Univision. I ricavi di tale strategia sono state presto reso tangibili: sondaggi erano immediatamente a Trump come la migliore nominale di diciassette candidati repubblicani alla presidenza.
Anche se e ' stato previsto che esso finirebbe perdere loro spinta iniziale (come è sempre accaduto nel primario con altri candidati istrionico o stravaganti), rivali e il GOP erano in disordine sia per la durezza dei loro approcci e risultati primarie: Trump ha superato immediatamente i candidati restanti e, dopo il "Super martedì" (1° marzo 2016) Ha avuto già 319 delegati, quasi 100 in più rispetto al suo principale concorrente, il senatore del Texas Ted Cruz. 21 luglio 2016, dopo le primarie, la Convention nazionale repubblicana lo nominò candidato alla presidenza dal partito repubblicano.

Presidente degli Stati Uniti

Così iniziò la campagna elettorale per le elezioni presidenziali impostare 8 novembre 2016, in cui Tycoon repubblicano dovuto confrontarsi con una figura nobile del partito democratico, Hillary Clinton. Mentre il partito repubblicano è stato diviso per la data delle elezioni, la moglie dell'ex presidente Bill Clinton aveva con l'apparecchio della sua formazione e il sostegno del Presidente Obama. anche l'affiatato ha una lunga esperienza nello svolgimento di alti funzionari dell'amministrazione statunitense.

Nella sua prima apparizione come presidente eletto
Durante la prima fase della campagna, una di loro più inquinato che è ricordare, Trump è visto portatori di handicap per la divulgazione delle accuse di molestie sessuali e per le proprie uscite di tono. Alla fine di fase, tuttavia, è riuscito a rintracciare il volo nelle loro indagini, che fallì miseramente alla concessione con un leggero vantaggio ai loro democratici: in quelle elezioni, Donald Trump è imposto di Hillary Clinton con totale rotondità. In qualche modo, né la sua ideologia razzista e loro atteggiamenti macho erano riuscito a sottrarre credito, mentre gli attacchi contro il candidato democratico e i messaggi diretti di Trump economica e migratoria attraversi in una vittoria inattesa.
Ideologia di lui e loro modi eterodossi del nuovo Presidente degli Stati Uniti hanno aperto un periodo incerto, in gran parte perché alcuni loro proposto politiche formulate durante il campagna (veramente scarsa) sembrava rispondere più populista marketing che a un credo realizzabile; A parte loro fondamentalismo allarmante, quando meno è dubbioso misure che essi possono mettere in pratica come la deportazione di milioni di migranti privi di documenti o la costruzione di una recinzione di confine.
Lo stesso vale per le questioni economiche: adottare posizioni più tipici della sinistra, il Trump ultra-conservatore notato la globalizzazione e la delocalizzazione delle società responsabili per l'impoverimento della classe media ed era partigiano rinegoziare gli accordi di libero scambio, restrizioni protezionistiche e promuovere la produzione nazionale a tutti i costi. Difficilmente il Presidente di un paese, anche il più potente, potrebbe fermare un processo come la globalizzazione economica del mondo, avendo la sua più grande sostenitrice nello stabilimento neoliberale di tutti i paesi sviluppati, a partire con gli Stati Uniti. Nonostante ciò, la maggior parte dell'elettorato americano finito per vedere nel binomio immigrazione-deslocalizacion la causa dei loro mali e a Trump come il mezzo migliore per "Make big America ancora una volta", lo slogan della sua campagna.