Significato e Definizione del valore fiscale della proprietà

Il valore fiscale o catastale di una proprietà è il valore ad esso assegnato dalla tassa immobiliare ed è calcolato prendendo in considerazione il valore della terra, la costruzione e il tasso di sfruttamento nel rapporto tra i due.
Nell'economia e le operazioni finanziarie, che considera il valore fiscale di un immobile come quello risultante dalla relazione tra diverse variabili e che ha stretti legami con la tassa sulle proprietà o edificio in un determinato contesto stato o comunale.
È importante innanzitutto definire cosa si intende per proprietà. In opposizione di beni mobili, immobili sono quelli che non possono viaggiare senza pregiudizi su di loro a volte, in quanto la loro mobilità sia ridotta, nell'ambito di una terra che fanno parte. Tra questi, sono considerati case, edifici, case di tutti i tipi, fattorie, soggiorni o simili e, in alcuni casi, navi e aerei in particolare.
In questo senso, il valore fiscale di ogni proprietà è inteso come valore economico, che è assegnato ad esso da un ordine di agenzia di stato attraverso varie valutazioni e indici. In ogni contesto, questo può verificarsi in diversi modi, ma è spesso una metodologia condivisa che facilita la valutazione fiscale su larga scala. L'assegnazione del valore fiscale mira a costituire una linea di base per il pagamento delle imposte sui beni immobili e, può a sua volta, essere utilizzato nella ricerca sulla composizione immobiliare di un territorio in particolare.
Spesso, la metodologia che determina il valore fiscale delle case ed edifici viene calcolata sulla base del valore della terra e del valore della proprietà in questione. Costruito su terreno, come un terreno incolto può inoltre il voto è così, e qui l'attenzione sarà rivolta includendo la superficie, il valore di unità di base e altri indicatori di situazione economica.

Articolo contribuito dal team di collaboratori.