Risposte per il Ripasso della Scuola di Ministero Teocratico | settimana che inizia il 28 dicembre 2015

Ripasso della Scuola di Ministero Teocratico: informazioni per studio personale

Le seguenti domande saranno considerate alla Scuola di Ministero Teocratico della settimana che inizia il 28 dicembre 2015. Viene indicata la data in cui verrà trattato ciascun punto in modo tale che ogni settimana, durante la preparazione per la scuola, si possano fare ricerche.

1. Davide trattò i suoi prigionieri barbara¬mente, come concludono alcuni leggendo 1 Cronache 20:3? [2 nov., W05 15/2 p. 27]

1 Cronache 20:3 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti

3 E fece uscire il popolo che era in essa, e lo tenne occupato+ a segar pietre e ad affilati strumenti di ferro e a scuri;*+ e Davide faceva così a tutte le città dei figli di Ammon. Infine Davide e tutto il popolo tornarono a Gerusalemme.

L'operato di Davide e stato frainteso a causa di come certe traduzioni bibliche hanno reso questi versetti. Tuttavia la Traduzione del NUOVO Mondo trasmette accuratamente l'idea che Davide mise gli ammoniti sconfitti a lavorare con seghe e scuri; non "mise i loro corpi sotto delle seghe [...] e delle scuri", come ren¬de questo versetto la Versione Riveduta. Davide non imito le sadiche e raccapriccianti consuetudini di guerra comuni ai suoi giorni.

2. Cosa spinse Davide a essere generoso, e cosa ci aiutera a fare altrettanto? (1 Cron. 22:5). [9 nov., W05 1/10 p. 11 par. 7]

1 Cronache 22:5 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti

5 Pertanto Davide disse: “Salomone mio figlio è giovane e delicato,+ e la casa da edificare a Geova dev’essere per bellezza+ e distinzione* di una magnificenza straordinaria+ a[gli occhi di] tutti i paesi. Lascia che io gli faccia quindi i preparativi”. Prima della sua morte,+ Davide fece dunque preparativi in gran quantità.

Anche se il compito di costruire il tempio di Geo¬va non era stato affidato a lui, Davide fu generoso perche si rendeva conto che tutto cio che aveva era dovuto alla bonta di Geova. Se mossi dalla gratitudine riflettiamo su tutto cio che Geova ha fatto per noi saremo spinti a essere generosi nel sostenere l'opera del Regno.

3. Cosa intendeva Davide quando disse a Sa¬lomone: "Conosci l'Iddio di tuo padre"? (1 Cron. 28:9). [16 nov., W10 1/11 p. 30 parr. 3, 7]

1 Cronache 28:9 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti

9 “E tu, Salomone figlio mio, conosci+ l’Iddio di tuo padre e servilo+ con cuore completo+ e con anima dilettevole;+ poiché Geova scruta tutti i cuori,+ e discerne ogni inclinazione dei pensieri.+ Se lo cerchi, egli si lascerà trovare da te;+ ma se lo abbandoni,+ egli ti respingerà per sempre.+

Davide voleva che suo figlio Sa¬lomone non si limitasse a credere in Dio. Voleva che coltivasse cio di cui lui stesso aveva fatto tesoro, un'intima relazione con Geova. Per far questo avrebbe dovu¬to scavare nelle Scritture con l'obiettivo di conoscere Geova profondamente.

4. La richiesta di Salomone riportata in 2 Cro¬nache 1:10 cosa rivela riguardo a lui, e cosa potremmo scoprire analizzando le preghiere che noi stessi rivolgiamo a Geova? (2 Cron. 1:11, 12). [23 nov., W05 1/12 p. 19 par. 6]

2 Cronache 1:10 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti


10 Dammi ora sapienza e conoscenza+ perché io possa uscire ed entrare+ davanti a questo popolo, poiché chi potrebbe giudicare questo tuo grande popolo?”+

2 Cronache 1:11, 12 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti


11 Quindi Dio disse a Salomone: “Per la ragione che hai mostrato di avere a cuore+ questo e non hai chiesto ricchezze, possedimenti materiali e onore o l’anima* di quelli che ti odiano, né mi hai chiesto molti giorni,+ ma chiedi per te stesso sapienza e conoscenza per giudicare il mio popolo sul quale ti ho fatto re,+ 12 ti sono date sapienza e conoscenza;+ inoltre ti darò ricchezze e possedimenti materiali e onore tali, quali non ne ha avuti nessun re che è stato prima di te,+ e quali non ne avrà nessuno dopo di te”.+

Con la sua richiesta Salomone mostro a Geova che desiderava ardentemente acquistare sapienza e conoscenza. Con le preghiere che rivolgiamo a Dio riveliamo cosa desideriamo ardentemente. È sag¬gio analizzarne il contenuto.

5. In base a 2 Cronache 6:29, 30, quale facolta ha solo Geova, e perche dovremmo aprirgli il nostro cuore in preghiera? (Sal. 55:22). [30 nov., W10 1/12 p. 11 par. 7]

2 Cronache 6:29, 30 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti


29 qualunque preghiera,+ qualunque richiesta di favore+ venga fatta da parte di qualsiasi uomo o di tutto il tuo popolo Israele,+ perché conoscono ciascuno la sua propria piaga+ e il suo proprio dolore; quando realmente stende le palme delle mani verso questa casa,+ 30 allora voglia tu stesso udire dai cieli, luogo della tua dimora,+ e devi perdonare+ e dare a ciascuno secondo tutte le sue vie,+ perché conosci il suo cuore+ (poiché solo tu stesso conosci bene il cuore dei figli del genere umano);+

Salmo 55:22 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti


22 Getta su Geova stesso il tuo peso,*+ Ed egli stesso ti sosterrà.+ Non permetterà mai che il giusto vacilli.+

Forse chi ci sta intorno non comprende perfettamente i nostri piu intimi sentimenti, la nostra "propria piaga" e il nostro "proprio dolore" (Prov. 14:10). Geova solo conosce il nostro cuore, e lui si interes¬sa profondamente di noi. Apriamogli il cuore in preghiera, e il peso delle nostre pene sara piu leggero.

6. Quale consapevolezza aveva Asa che lo spinse a chiedere in preghiera la vittoria su un enorme esercito, e di cosa possiamo star certi per quanto riguarda la nostra guerra spirituale? (2 Cron. 14:11). [7 dic., W12 15/8 p. 8 par. 6-p. 9 par. 1]

2 Cronache 14:11 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti

11 E Asa invocava Geova suo Dio+ e diceva: “O Geova, in quanto ad aiutare, a te non importa se ci sono molti o [gente senza] nessun potere.+ Aiutaci, o Geova nostro Dio, poiché veramente ci appoggiamo a te+ e nel tuo nome+ siamo venuti contro questa folla. O Geova, tu sei il nostro Dio.+ Non ritenga forza l’uomo mortale* contro di te”.+

Asa chiese l'aiuto di Dio sapendo che l'esito del conflitto con gli etiopi avrebbe avuto ripercussioni sulla reputazione di Geova. Oggi la nostra personale battaglia potrebbe essere quella di resistere al diffuso spirito di permissivismo morale, combattere le nostre debolezze o proteggere la nostra famiglia dalle influenze corruttrici. Tuttavia, non c'e dubbio che Geova ricompensera con la vittoria tutti i suoi servitori fedeli impegnati a sostenere il suo nome nella guerra spirituale.

7. Il modo in cui Geova reagi agli errori del re Giosafat quale prova ci fornisce del Suo amore, e che effetto dovrebbe avere questo sull'opinione che abbiamo degli altri? (2 Cron. 19:3). [14 dic., W03 1/7 p. 17 par. 13; el p. 244 par. 12]

2 Cronache 19:3 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti

3 Nondimeno, sono state trovate presso di te cose buone,+ perché hai tolto i pali sacri dal paese+ e hai preparato il tuo cuore per ricercare il [vero] Dio”.+

Quando il re Giosa¬fat commise un'azione stolta, la giusta ira non rese Geova cieco a quello che c'era di buono in Giosafat. Dio rassicuro Giosafat sul suo amore dicendogli: "Nondimeno, sono state trovate presso di te cose buone". Quando altri peccano con¬tro di noi, dobbiamo essere disposti a cercare il bene che c'e in loro e ad apprezzarlo.

8. Perche e come dobbiamo 'prendere posizione' e 'stare fermi' nei nostri giorni? (2 Cron. 20:17). [21 dic., W05 1/12 p. 21 par. 2; W03 1/6 p. 21 parr. 15-16]

2 Cronache 20:17 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti

17 Non avrete bisogno di combattere+ in questo caso. Prendete posizione, state fermi+ e vedete la salvezza+ di Geova a vostro favore. O Giuda e Gerusalemme, non abbiate timore né siate atterriti.+ Domani uscite contro di* loro, e Geova sarà con voi’”.+

Per 'vedere la salvezza di Geova' dobbiamo 'prendere posizione': dobbiamo sostenere attivamente il Regno di Dio mantenendo la neutralita cristiana, essendo saldi nel servire Geova e lodandolo pubblicamente per il suo amore leale. Invece di prendere iniziative, dobbiamo 'stare fermi', riponendo completa fiducia in Geova e nella sua organizzazione.

9. Quale seria riflessione ci porta a fare cio che leggiamo in 2 Cronache 21:20 riguardo alla morte di Ieoram? [21 dic., W98 15/11 p. 32 par. 4]

2 Cronache 21:20 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti

20 Aveva trentadue anni quando cominciò a regnare, e regnò otto anni a Gerusalemme. Infine se ne andò senza esser desiderato.+ Lo seppellirono dunque nella Città di Davide,+ ma non nei luoghi di sepoltura dei re.+

La vita di Ieoram illu stra la veracita del proverbio bíblico: "Il ricordo del giusto e per la benedizione, ma il medesimo nome dei malvagi marcira" (Prov. 10:7). Ognuno di noi percio dovrebbe valutare attentamente che tipo di nome si sta facendo presso Dio e presso i suoi simili.

10. In base a 2 Cronache 26:5, chi esercito una buona influenza sul giovane Uzzia, e come possono i giovani di oggi trarre beneficio dai cristiani maturi della congregazione? [28 dic., W07 15/12 p. 10 parr. 2, 4]

2 Cronache 26:5 Traduzione del Nuovo Mondo con riferimenti

5 Ed ebbe cura di ricercare+ di continuo Dio ai giorni di Zaccaria, colui che istruiva nel timore del [vero] Dio;+ e, ai giorni della sua ricerca di Geova, il [vero] Dio lo rese prospero.+

Zaccaria (non il profeta) esercito un'eccellente influenza sul giovane monarca Uzzia perchei facesse cio che era giusto. I giovani di oggi possono trarre bene¬ficio dall'aiuto di cristiani maturi, che possono incoraggiarli a continuare a 'ricercare Dio' e a fare cio che e retto ai suoi occhi. Mostreranno di tenere in gran conto i cristiani maturi prendendo seria¬mente in considerazione i loro consigli.

Clicca sull'immagine per Scaricare informazioni complete in file digitale per Computer desktop, Laptop, Tablet, Mobile & Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer desktop, Laptop, Tablet, Mobile & Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer desktop, Laptop, Tablet, Mobile & Smartphone