Passa ai contenuti principali

Biografia di James Dwight Dana | Scienziati famosi.

Campo della geologia è costellato da un sacco di nomi di rilievo che chiunque avrebbe riconosciuto in un baleno. Un grande nome se che non è sentito parlare molto spesso è quella di James Dwight Dana. Durante il suo tempo, ha fatto enormi contributi nel campo della geologia, mineralogia, vulcanologia e zoologia. Fu una delle persone che hanno sperimentato lo studio dell'edificio di montagna, origine e strutture di tutti i continenti e gli oceani e attività vulcanica. Infatti, egli era un uomo che ha dimostrato di essere implacabile nel suo desiderio di capire la terra e fu uno dei motivi perché il mondo moderno sa tanto di terra e come è venuto ad essere. Infatti, egli era un uomo che ha fatto il lavoro meraviglioso e un nome che merita di essere ricordato e lodato.

Primi anni di vita

James Dwight Dana nasce a modo di Utica, NY, torna il 12 febbraio 1813. I suoi genitori erano Harriet Dwight e James Dana, che ha lavorato come un mercante. Attraverso il lato materno della famiglia, era imparentato a Dwight famiglia del New England che erano missionari e gli educatori. Alcuni dei suoi parenti inclusi Henry Otis Dwight e Harrison Gray Otis Dwight. James Dwight ha mostrato un interesse nella scienza in età molto giovane e questo interesse fu incoraggiata da uno dei suoi insegnanti al liceo di Utica. L'insegnante era fay Edgerton e ha avuto un grande ruolo verso assicurandosi che giovane James ha sviluppato il suo interesse nella scienza. Durante l'anno 1830, ha conseguito la maturità e iscritto al College di Yale dove ottenne la possibilità di studiare sotto l'anziano Benjamin Silliman. Si è laureato dall'Università di Yale tre anni dopo nella 1833 e speso i prossimi due anni della sua vita lavorando come insegnante al guardiamarina nella Marina a cui ha insegnato matematica a. Ha ottenuto la possibilità di navigare nel Mediterraneo mentre stava insegnando.

Sua carriera

Negli anni 1836 e il 1837, James Dwight Dana ha preso un lavoro come assistente di Benjamin Silliman che era un professore a Yale e capo del dipartimento di chimico. Quattro anni dopo il suo incarico di assistente, si trasferisce per diventare un mineralogista e geologo per il noi Exploring Expedition che fu guidato dal capitano Charles Wilkins. La spedizione lo portò fino all'oceano Pacifico dove ha trovato abbastanza materiale per tenerlo occupato per i successivi 13 anni della sua vita. La spedizione si concluse nel 1942 e aveva quaderni pieni di schizzi, mappe, diagrammi e viste del castello Craggs e bene come Mount Shasta. Durante l'anno 1849, suo schizzo di monti Shasta è stato inciso e pubblicato nell'American Journal of Science un arti-una pubblicazione guidata da Silliman nel 1800s iniziale. La pubblicazione ha anche pubblicato un articolo piuttosto lungo basato su note geologiche di Dana dal 1841. L'articolo è parlato da rocce e minerali, la geologia della regione Shasta utilizzando termini scientifici. L'anno 1844 è stato un anno eccitante per James Dwight Dana, perché non solo ha fatto diventare un residente di New Haven, ma era anche l'anno che si è sposato a Henrietta Frances Silliman, lei era la figlia di Benjamin Silliman.
Durante l'anno 1850, egli è stato dato un grande onore e fu nominato il successore di suo suocero e divenne un professore di storia naturale di Silliman e della geologia di Yale. Dana tenutasi a questo insegnamento spot fino al 1892. Ma l'insegnamento non era quello che ha fatto in quegli anni perché nel 1846, entrò l'American Journal of Science e arti e ha preso il ruolo di editor congiunta. Durante gli ultimi anni della sua vita però, si trasferì a diventare redattore capo, ma fu anche un collaboratore e pubblicò opere sul tema della geologia e mineralogia.

Lavori degni di nota

Ha detto che è riuscito a fare molto, ma aveva un paio di contributi che spicca davvero. Per esempio, la sua pubblicazione 1849 del Monte Shasta fu in risposta alla corsa all'oro in California. Dopo tutto, fu il geologo preminente negli Stati Uniti durante la sua vita ed era veramente solo uno dei pochissimi osservatori che avevano conoscenza del terreno in settentrionale CA. Dana era il tizio che ha scritto che data la geografia e la geologia della zona, era molto probabile che l'oro potrebbe essere trovato nel nord della California.
James Dwight Dana era inoltre responsabile di dare le informazioni del mondo sul paesaggio vulcanico e attività in Hawaii. Era durante gli anni 1880 e 1881 che ha continuato il primo studio geologico dei vulcani in Hawaii e lui era lo stesso tizio che ha teorizzato che la catena di vulcani della zona ha consistito di due fili, noti come il "loa" e il "kea" fili. Che era la sua prima e ultima visita però perché nel 1890, è andato con C.E. Dutton, un geologo compagno ed ancora una volta pubblicato un manoscritto sull'isola che era lo studio più dettagliato si fosse mai visto a quel tempo. Per decenni, il suo manoscritto fu la fonte definitiva per vulcani delle Hawaii.

Pubblicazioni

Dana fu uno scrittore prolifico, ma alcune delle sue opere migliori sono System of Mineralogy (1837), manuale di geologia (1863) e il suo manuale di mineralogia (1848). Ha avuto anche un interessante manoscritti pubblicati che sono stato intitolato scienza e la Bibbia che scrisse nel tentativo di conciliare la scienza con alcuni testi biblici. Non solo le sue opere avuto un sacco di attenzione e usate nelle scuole ma ha anche ricevuto un sacco di riconoscimenti come la medaglia Copley nel 1877 dalla Royal Society, la Medaglia Wollaston nel 1874 dalla Geological Society of London e la medaglia di Clarke nel 1882 dalla Royal Society of New South Wales.

L'ultimo viaggio

James Dwight Dana morì il 14 aprile 1895. Aveva un figlio di nome Edward Salisbury Dana che era anche un mineralogista ben noto e brillante durante gli anni 1849-1935.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…