Passa ai contenuti principali

Risposte per il Ripasso della Scuola di Ministero Teocratico | settimana che inizia il 26 ottobre 2015

Ripasso della Scuola di Ministero Teocratico: Informazioni per studio personale


1. In che modo il brano di 2 Re 13:18, 19 illustra l’importanza di servire Dio con tutto il cuore e con zelo? [7 set., w10 15/4 p. 26 par. 11]

Nel caso del re Ioas, colpire il suolo cinque o sei volte avrebbe significato abbattere la Siria fino al punto di finirla. Tuttavia, avendo dimostrato scarso zelo, Ioas ebbe solo un successo limitato. Geova ci benedir `a riccamente solo se compiamo la sua opera di tutto cuore e con zelo.

2. Chi regnava in Israele quando Giona serv `ı come profeta, e sulla base di quanto `e scritto in 2 Re 14:23-25 cosa comprendiamo riguardo al ministero di Giona? [7 set., w09 1/1 p. 25 par. 4]

Giona serv `ı come profeta durante il regno del re Geroboamo II.
Purtroppo questo re malvagio influenz `o Israele affinchécontinuasse a fare “ci `o che era male agli occhi di Geova”. Pertanto l’opera compiuta da Giona non fu semplice, ma lui la comp `ı fedelmente.

3. In che modo Acaz dimostr `o di non avere fiducia nella parola di Dio dichiarata attraverso il profeta Isaia, e quale domanda potremmo farci prima di prendere importanti decisioni? (2 Re 16:7). [14 set., w13 15/11 p. 17 par. 5]

Anzichéconfidare in ci `o che Dio aveva detto tramite Isaia, l’infedele Acaz strinse un disastroso accordo con gli assiri, che alla fine port `o Giuda sotto il loro giogo. Acaz dimostr `o di essere un vero fallimento come pastore di Giuda. Quando dobbiamo prendere delle decisioni importanti, di chi ci fidiamo: di Geova o degli uomini? (Prov. 3:5, 6).

4. Quale tattica impiegata da Rabsache viene utilizzata dai nemici dell’odierno popolo di Dio, e quale qualit `a pu `o aiutarci a respingere il loro falso ragionamento? (2 Re 18:22, 25). [14 set., w10 15/7 p. 13 parr. 3-4]

Rabsache ricorse al ragionamento capzioso nel tentativo di seminare dubbi. Nei nostri giorni pu `o succedere che persecutori astuti diano qualche informazione veritiera per conquistarsi la fiducia dei fratelli, ma poi aggiungano subdolamente delle menzogne nella speranza di seminare dubbi. Tuttavia il discernimento ci aiuter `a a respingere i ragionamenti capziosi degli oppositori.

5. In che modo l’esempio di umilt `a di Giosia pu `o aiutarci a trarre maggior beneficio dalla lettura e dallo studio della Bibbia? (2 Re 22: 19, 20). [21 set., w00 1/3 p. 30 par. 2]

Quando Giosia ud `ı leggere le parole della Legge, il suo cuore ne fu profondamente toccato. Il racconto dice che il suo cuore ‘si era intenerito’, cos `ı che egli si umili `o e ascolt `o i consigli della Parola di Dio. L’umilt `a `e essenziale per avere un cuore preparato, perchéci rende ammaestrabili e ci aiuta ad accettare pi `u prontamente i consigli amorevoli e la correzione che ci vengono dalla Parola di Dio.

6. In che modo l’archeologia ha confermato l’esistenza dei due re menzionati in 2 Re 25:27-30? [28 set., w12 1/6 p. 5 parr. 2-3]

Il re Ioiachin e il re Evil-Merodac sono menzionati in Secondo Re, capitolo 25.
Tra le rovine dell’antica Babilonia gli archeologi hanno rinvenuto documenti che elencano “Yaukin [Ioiachin]
”, che era “re del paese di Yahud [Giuda]
”, e la sua casa. Inoltre il nome di Evil-Merodac `e menzionato in un’iscrizione che compare su un vaso.

7. Quali tre richieste fece Iabez a Geova, e cosa ci insegna questo riguardo alla preghiera? (1 Cron. 4:9, 10). [5 ott., w10 1/10 p. 23]

Iabez preg `o che il suo territorio venisse allargato in modo pacifico, che la mano di Dio fosse con lui e che venisse preservato dalla calamit `a . La preghiera di Iabez rivela che la vera adorazione gli stava veramente a cuore, e Geova lo ascolt ` o. Anche noi dobbiamo pronunciare preghiere sentite in armonia con la volont `a di Geova, sapendo che egli `e felice di udire ed esaudire le preghiere dei suoi veri adoratori.

8. In che modo l’esito della guerra descritto in 1 Cronache 5:18-22 ci rafforza permettendoci di portare avanti con coraggio la nostra guerra spirituale? [12 ott., w05 1/10 p. 9 par. 7]

Le trib `u a est del Giordano sconfissero i loro nemici anche se questi erano pi `u del doppio di loro. Li vinsero perchégli uomini valorosi di quelle trib `u ebbero fiducia in Geova e chiesero aiuto a lui. Anche noi possiamo avere completa fiducia in Geova mentre combattiamo la nostra guerra spirituale contro nemici formidabili (Efes. 6:10-17).

9. PerchéDavide fu in grado di comprendere e rispettare lo spirito della legge di Geova sulla santit `a del sangue, e cosa dovrebbe spingerci a fare l’esempio di Davide? (1 Cron. 11:17-19). [19 ott., w12 15/11 pp. 6-7 parr. 12-14]

Quando si rifiut `o di bere l’acqua procurata a rischio di vite umane, Davide dimostr `o di aver capito il principio su cui si basava la legge di Dio sul sangue. Per poter capire lo spirito della Legge, Davide doveva averla studiata e doveva aver meditato profondamente su di essa. Quando studiamo la Bibbia, `e saggio che meditiamo su quanto leggiamo e che custodiamo le informazioni nel cuore in modo da discernere in ogni circostanza cosa `e gradito a Geova.

10. Cosa trascur `o di fare Davide quando tent `o di portare l’Arca del patto a Gerusalemme, e quale importante insegnamento possiamo trarre da questo racconto? (1 Cron. 15:13) [26 ott., w03 1/5 pp. 10-11 parr. 11-13]

Nel trasferire l’Arca per la prima volta, Davide non si inform `o bene su qual era la volont `a di Geova al riguardo. Benchéinterrogasse spesso Geova, in questa occasione non lo fece, e le conseguenze furono disastrose. Quando siamo soggetti a pressioni, dovremmo sempre accertarci di cosa piace a Geova.

Clicca sull'immagine per Scaricare informazioni complete in file digitale per Computer desktop, Laptop, Tablet, Mobile & Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer desktop, Laptop, Tablet, Mobile & Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer desktop, Laptop, Tablet, Mobile & Smartphone

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…