Passa ai contenuti principali

Biografia di Christiane Nüsslein-Volhard | Scienziati famosi.

Il biologo tedesco, Christiane Nüsslein-Volhard è rinomato per il suo sviluppo embrionale delle mosche della frutta. Suo contributo le è valso il premio Nobel in fisiologia o medicina, insieme ai genetisti americani Eric Wieschaus ed Edward B. Lewis. Nel discorso di banchetti di Nobel tenutasi il 10 dicembre 1995, ha detto: "I tre di noi hanno lavorato sullo sviluppo della piccola e totalmente innocuo moscerino della frutta, Drosophila. Questo animale è stato estremamente cooperativo nelle nostre mani – e ci ha rivelato alcuni dei suoi più reconditi segreti e trucchi per lo sviluppo da un singolo celled uovo di un essere vivente complesso di grande bellezza e armonia. Nessuno di noi si aspettavano che il nostro lavoro sarebbe tanto successo o che i nostri risultati mai avrebbe rilevanza per la medicina".
Nel 1986, è stata insignita con il premio Gottfried Wilhelm Leibniz di Deutsche Forschungsgemeinschaft, che è il credito superiore assegnato nella ricerca tedesca. Ha anche vinto l'Albert Lasker Award for Basic Medical Research nel 1991. Dal 2001 è membro del Nationaler Ethikrat (Consiglio nazionale etica della Germania) per la valutazione etica dei nuovi sviluppi nelle scienze della vita e la loro influenza sull'individuo e sulla società.
Oxford University conferì una laurea di dottore honoris causa in Scienze nel giugno 2005.

Primi anni di vita, carriera e contributo:

Christiane Nüsslein-Volhard è Nato il 20 ottobre 1942, a Magdeburgo, in Germania. Lei è la figlia di Rolf Volhard, un architetto e Brigitte Volhard, musicista e pittore. Ha completato la sua laurea in biologia, fisica e chimica da Johann-Wolfgang-Goethe-University nel 1964, un diploma in biochimica (1968) e un dottorato in biologia e genetica (1973) da Eberhard-Karl Università di Tubinga. Nüsslein-Volhard è stato brevemente sposato come una giovane donna e non ha mai avuto figli.
Dopo aver terminato le sue borse di studio post-dottorati in Basilea, Svizzera e Friburgo, in Germania, lei ha accettato la che sua prima posizione indipendente di ricerca presso il laboratorio europeo di biologia molecolare (EMBL) di Heidelberg, in Germania inizia la sua collaborazione con Wieschaus la fine degli anni settanta presso l'European Molecular Biology Laboratory di Heidelberg. Nel 1981 tornò a Tubinga, dove dal 1985 ha lavorato come direttore della divisione di genetica dell'Istituto Max Planck per la biologia inerente allo sviluppo.
Wieschaus e Nüsslein-Volhard ha scelto il moscerino della frutta a causa del suo sviluppo embrionale straordinariamente rapida. Insieme hanno progettato un nuovo strumento di genetica, mutagenesi di saturazione, che ha coinvolto la mutazione di geni volare adulti e osservando gli effetti sulla loro prole. Usando un microscopio dual, che ha consentito loro di esaminare un esemplare allo stesso tempo, i collaboratori eventualmente identificati, tra circa 20.000 geni nei cromosomi della Mosca, circa 5.000 geni importanti per lo sviluppo iniziale e 139 geni essenziali ad esso. Hanno anche riconosciuto tre tipi di geni del moscerino della frutta che generano il blueprint per piano corpo dell'insetto. Nell'assegnazione del premio per il collaboratore, l'Assemblea Nobel ha predetto che le loro scoperte "spiegherebbe malformazioni congenite nell'uomo."
Dalla fine degli anni novanta gli studi dei pesci zebra mutanti avevano fondato un sistema per lo studio del processo di creazione di sangue e fornito le comprensioni imperativi nella malattia umana.
Tradotto dal sito Web: Famous Scientists per scopi didattici.
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…